Cultura e società | Articoli

Come riconoscere un orologio falso

3 Luglio 2019
Come riconoscere un orologio falso

> Cultura e società Pubblicato il 3 Luglio 2019



Dall’estetica al certificato di autenticità; le copie degli orologi di lusso sono ormai oggetti ben costruiti ed è sempre più difficile distinguerle. Scopri le regole per non sbagliare.

Alcuni orologi da polso sono da sempre nel mirino dei falsari, persone che hanno lo specifico intento di mettere sul mercato dei prodotti ben costruiti e poco costosi che riproducono fedelmente le caratteristiche estetiche di alcuni modelli di lusso, il cui prezzo di listino è, invece, molto elevato. Il nostro obiettivo è imparare a distinguere un orologio di lusso autentico da una copia, anche quando quest’ultima riproduce fedelmente ogni caratteristica del modello originale e diventa davvero difficile riconoscerla. Studieremo quali sono i dettagli più importanti che contraddistinguono un orologio di marca e impareremo come riconoscere un orologio falso osservando alcuni particolari costruttivi, i quali non possono essere riprodotti sulle copie per motivi tecnici o a causa di fattori legati al costo eccessivo. Faremo successivamente un breve resoconto di quelle che sono le marche maggiormente colpite dal fenomeno della clonazione e cercheremo di comprendere come è meglio comportarsi prima di concludere una compravendita potenzialmente rischiosa. Infine, studieremo quali sono le leggi che vietano il commercio di oggetti falsi e quali sono le relative pene e sanzioni a cui vai incontro in caso di violazione.

Riconoscere un orologio falso: il Rolex

Gli orologi di lusso sono in genere caratterizzati da alcuni particolari che la casa introduce al loro interno con l’obiettivo di renderli il più possibile immuni ai tentativi di riproduzione. Vediamo quali sono questi dettagli, prendendo, ad esempio, un marchio famosissimo che vanta il maggior numero di tentativi d’imitazione, cioè la Rolex:

  • il numero di serie: si tratta del primo dettaglio su cui devi focalizzare l’attenzione e viene riprodotto dalla Rolex con metodi di stampa personalizzati e all’avanguardia. Le incisioni presenti sulla cassa sono particolarmente precise e profonde e ti danno un’idea di solidità, contrariamente a quelle di un modello contraffatto che appaiono meno definite e superficiali;
  • il movimento: se hai l’opportunità di aprire un Rolex potrai notare con facilità a cosa sei di fronte. I meccanismi degli orologi di lusso sono precisi sia nella costruzione che nel funzionamento e differiscono in modo palese da quelli di bassa qualità. Se impari a osservare spesso i vari movimenti, ti accorgerai di quanto sia semplice distinguere un meccanismo importante e costoso da uno di poco pregio;
  • la lente Cyclope: i modelli di Rolex che presentano il datario adottano la lente Cyclope, una particolare soluzione mediante la quale la casa svizzera ingrandisce la data visualizzata sul quadrante con un ingrandimento 2.5x; quest’ultimo inoltre, appare alla vista lievemente convesso;
  • il peso: i Rolex sono quasi tutti orologi meccanici, i cui movimenti sono fabbricati con materiali robusti e sono caratterizzati da tanti piccoli componenti montati in modo magistrale; per questa ragione ogni segnatempo della Rolex è mediamente più pesante di qualunque imitazione. Se ti accorgi che l’orologio che stai per acquistare è particolarmente leggero, faresti bene a richiedere ulteriori verifiche;
  • il cristallo microinciso: la Rolex utilizza dal 2002 dei cristalli sui quali è inciso lo storico marchio di fabbrica, visibile però solamente mediante una lente d’ingrandimento. Procurandoti quest’ultima puoi verificare l’eventuale presenza dell’incisione e avere la conferma dell”autenticità dell’orologio;
  • la prova del datario: gli orologi della Rolex hanno una caratteristica particolare mediante la quale puoi verificarne l’autenticità; ruotando la corona in senso antiorario, dopo averla estratta, l’orologio dovrebbe tornare alla data del giorno precedente quando la lancetta dei minuti passa dalle ore 6 (non dalle ore 12);
  • estetica e materiali: un orologio Rolex è in pratica un gioiello fabbricato con materiali di alta qualità, che conferiscono a ogni modello un’estetica inconfondibile, specie se confrontato con orologi di poco valore. Questo fatto significa che il primo aspetto che devi valutare è la bellezza dell’oggetto, che dovrebbe sfoggiare una certa brillantezza alla luce e mostrare un grande numero di dettagli.

Quelle elencate sono le principali caratteristiche con le quali puoi distinguere gli orologi Rolex autentici dai tentativi di imitazione. I segnatempo prodotti dalla rinomata casa svizzera sono molto richiesti in quanto sono un vero e proprio “status symbol”; è questa la principale ragione che spinge alcuni produttori senza scrupoli a costruire dei buoni orologi, che in ogni caso non hanno nulla in comune con i gioielli fabbricati dalla Rolex.

In genere, le copie montano al loro interno un meccanismo automatico giapponese, ma possono utilizzare anche meccanismi svizzeri come l’eta 2824-2, un movimento di buona precisione utilizzato da marche come la Tissot e la Certina, che in alcuni casi è certificato COSC ed ha uno scarto giornaliero non superiore ai 6 secondi.

Nel caso dei cronografi potresti imbatterti in un bel Valjoux 7750, un classico che molti appassionati conoscono bene e che è utilizzato anche dalla Longines e da altre case svizzere con le opportune migliorie; resta il fatto che i movimenti della Rolex sono molto più pregiati e costruiti con soluzioni tecniche di grande livello. Un falsario potrebbe proporti un Rolex falso con meccanismi di questo tipo, un orologio che senza le dovute conoscenze non potresti distinguere da quello originale.

Riconoscere un orologio falso: le altre marche

Oltre alla Rolex sono molti i modelli di orologio oggetto di tentativi d’imitazione; un esempio ne sono il Tag Heuer Carrera, diversi segnatempo della Brietling e orologi dal costo vicino ai mille euro come il Mido Commander. In quest’ultimo caso, per riconoscere un orologio falso puoi basarti su aspetti estetici molto più grossolani, in quanto non avrebbe senso costruire un clone più costoso del segnatempo originale; puoi verificare le differenze sul quadrante, la qualità del vetro zaffiro (che nei modelli originali ha quasi sempre riflessi tendenti al blu), incongruenze evidenti sulla cassa e sul bracciale.

Tempo addietro m’interessai all’acquisto di un Mido Commander II apparentemente originale, ma che veniva venduto senza confezione e senza gli appositi certificati. Mi feci mandare più fotografie per fare le valutazioni del caso, accorgendomi da un particolare costruttivo che il meccanismo, nonostante fosse marchiato Mido, non era il modello più costoso certificato COSC. Con ogni probabilità, la cassa e il bracciale (esteticamente identiche) erano di produzione cinese, mentre all’interno venne inserito un buon movimento di minor valore.

In pratica, si cercava di vendere un orologio del valore di 150 euro a oltre 350, passandolo per un affare allettante, considerato il prezzo di listino del modello in questione che nella versione originale è di poco superiore ai mille euro. A tal proposito, il consiglio che mi sento di darti è quello di acquistare orologi costosi solo in presenza della dovuta documentazione, come il certificato di autenticità, in quanto spesso è davvero molto difficile comprendere fino a dove si può spingere qualcuno per venderti un prodotto falso.

In alcuni casi, l’usato può essere molto conveniente, ma il prezzo è generalmente allineato con i valori di mercato, del quale per ogni segnatempo puoi trovare su molti siti autorevoli recensioni, opinioni e tutto ciò che ti può essere utile per non incappare in una truffa.

Gli orologi falsi e la legge

La legge impedisce la fabbricazione, la commercializzazione e la diffusione di qualunque oggetto contraffatto. Chiunque produca oggetti e utilizza in modo consapevole e intenzionale un marchio registrato, compie il reato di contraffazione, che è disciplinato dal Codice penale e prevede la reclusione da sei mesi a tre anni, più una sanzione pecuniaria accessoria che varia dai 2mila e 500 ai 25mila euro[1].

Per quanto riguarda la compravendita di oggetti contraffatti, la legge prevede due casi differenti, che sono il reato di ricettazione e l’incauto acquisto. Quando stai per acquistare un orologio devi, pertanto, prestare attenzione a non incorrere in questa spiacevole situazione.

Ricettazione: cos’è?

Il reato di ricettazione coinvolge tutti coloro che vendono consapevolmente oggetti contraffatti con lo scopo di trarne profitto. Un venditore sorpreso a commercializzare orologi falsi rischia la reclusione fino a 2 anni e una sanzione fino a 20mila euro, salvo i casi in cui riesca a dimostrare di non essere al corrente della non originalità dei segnatempo messi in vendita[2].

Se viene accertato che l’acquirente in questione è un commerciante o una persona che partecipa alla distribuzione degli orologi, la sanzione può arrivare fino a 1 milione di euro; a tal proposito, l’acquirente può essere a sua volta accusato di ricettazione. In tutti i casi, la merce contraffatta viene sequestrata dagli organi accertatori.

Cos’è l’incauto acquisto?

A differenza della contraffazione e della ricettazione, l’incauto acquisto non è un reato e non prevede conseguenze penali, ma consiste in un illecito amministrativo per il quale è prevista una sanzione pecuniaria. Nel caso in cui tu acquisti in modo inconsapevole e ingenuo un orologio contraffatto oppure proveniente da altri reati, quali ad esempio il furto, hai commesso un incauto acquisto, per il quale incorri in una sanzione che va dai 100 ai 7mila euro[3].

Falsi grossolani

In alcuni casi che la legge identifica come la vendita di falsi grossolani, i reati di contraffazione e ricettazione non possono essere contestati, in quanto non viene presupposto il tentativo di frode del venditore nei confronti dell’acquirente.

Sei di fronte a un falso grossolano quando è evidente che l’orologio che stai osservando è una copia mal riuscita di un modello originale. In ogni caso, questo fatto non giustifica la produzione e il commercio di orologi palesementi falsi, per i quali il giudice può decidere per la “contraffazione evidente” e presupporre i reati di cui sopra.

note

[1] Art.473 cod. pen.

[2] Art. 474 cod. pen.

[3] Cass. sent. n. 22225 del 2012.

Autore immagine: 123rf com.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA