Diritto e Fisco | Articoli

Codice raccomandata 152

17 Maggio 2019 | Autore:
Codice raccomandata 152

Avviso di giacenza con codice 152: cosa significa? Cosa indicano i codici raccomandata 152, 153 e 154? Compiuta giacenza: cos’è?

Se attendi da tempo una lettera o un avviso importante, non devi temere se il postino non ti trova a casa: se non ci sei, oppure non c’è nessun altro che possa ritirare la posta per te, il portalettere provvede a lasciare nella cassetta una comunicazione (cosiddetto avviso di giacenza) ove ti dice che la busta a te destinata ti attende per il ritiro presso l’ufficio postale. Dall’avviso potrai ricavare alcune informazioni utili su ciò che si trova alle poste: in particolare, grazie al codice raccomandata, potrai sapere in anticipo quale può essere il contenuto della missiva. Con questo articolo vorrei soffermarmi in particolare sul codice raccomandata 152. Cosa significa? Cosa contiene una lettera contraddistinta da tale numero? Cosa può essere stato recapitato? Se cerchi risposte a queste domande, sei nel posto giusto: nei prossimi paragrafi ti spiegherò, in modo semplice e chiaro, cos’è un avviso di giacenza e cosa può contenere una raccomandata recante codice 152.

Cos’è l’avviso di giacenza?

Cominciamo con ordine. Prima di spiegarti cosa identifica il codice raccomandata 152 è necessario che ti dica cos’è l’avviso di giacenza. Come in parte anticipato, si tratta di una comunicazione che il portalettere lascia ogni volta che non trova il destinatario (o altro soggetto legittimato alla ricezione, come il portiere oppure un familiare) della raccomandata o dell’atto che deve recapitare.

L’avviso di giacenza ha l’aspetto di uno scontrino della spesa, all’interno del quale potrai trovare diverse informazioni. Prosegui nella lettura.

Cosa c’è scritto nell’avviso di giacenza?

All’interno dell’avviso di giacenza che il postino ti ha lasciato troverai alcune indicazioni molto utili ad identificare la raccomandata o l’atto che era a te destinato e che ora si trova, in attesa del ritiro, presso l’ufficio postale. Nello specifico, nell’avviso di giacenza sono riportati:

  • la città di provenienza della busta;
  • la data in cui il postino si è recato da te per la consegna;
  • l’ufficio postale ove la busta è in attesa del ritiro (cosiddetto ufficio postale di giacenza);
  • i giorni e gli orari durante i quali puoi recarti alle poste per il ritiro;
  • un codice composto da circa una decine di cifre, indicante il contenuto della busta.

Proprio quest’ultimo codice numerico prende il nome di codice raccomandata e, se inizia per le cifre 152, può contenere quanto di seguito sto per indicarti.

Codice 152: cosa c’è nella raccomandata?

Se nella tua cassetta delle lettere hai trovato un avviso di giacenza (spesso definito anche come raccomandata indescritta) recante il codice raccomandata 152, puoi stare tranquillo che non si tratta di un atto giudiziario oppure di una multa.

Come spiegato anche nel mio articolo dal titolo Avviso di giacenza raccomandata: codice per sapere che c’è dentro, tutti i codici che cominciano con il numero 15 indicano delle raccomandate semplici, cioè comunicazioni che possono provenire da un privato, da un’impresa oppure da un’amministrazione pubblica ma che non necessariamente contengono cattive notizie.

Codice raccomandata 152: cosa può contenere?

In una raccomandata avente codice 152 potrai trovare:

  • una diffida da parte di un privato oppure di un legale;
  • una comunicazione formale da parte di un’impresa (ad esempio, la casa madre della tua auto), da una banca o da un’assicurazione;
  • una convocazione condominiale;
  • un sollecito di pagamento;
  • una risposta proveniente dalla pubblica amministrazione.

Codici raccomandata 153 e 154

Del tutto analoghi al codice raccomandata 152 sono il codice 153 e il codice 154, anch’essi riferibili a comunicazioni semplici, differenti dalle notifiche formali di atti giudiziari, multe o cartelle di pagamento.

Compiuta giacenza: dopo quanto tempo?

Se una raccomandata identificata dal codice 152 non viene ritirata presso l’ufficio postale di giacenza entro trenta giorni da quando è stato consegnato il relativo avviso al destinatario assente, essa verrà restituita al mittente per compiuta giacenza.

La compiuta giacenza sta a significare che, sebbene la raccomandata o l’atto non siano stati ritirati, essi si intendono comunque regolarmente portati a conoscenza del destinatario e, per il mittente, la notifica è perfettamente andata a buon fine.

La compiuta giacenza per una raccomandata è di trenta giorni; per un atto giudiziario, invece, è di centottanta giorni (sei mesi).

note

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA