Diritto e Fisco | Articoli

Come sfuggire alla patrimoniale

21 Maggio 2019 | Autore:
Come sfuggire alla patrimoniale

C’è un modo legale per difendersi da una nuova imposta nel caso in cui venisse introdotta dal Governo? Esiste già oggi una tassa simile in Italia?

Per ora non c’è nulla di certo ma è un nuvolone che minaccia tempesta su un’Italia già messa a dura prova da tanti problemi economici. L’ipotesi di una nuova imposta introdotta da un Governo che non solo aveva promesso di abbassare le tasse ma anche di non aggiungerne delle altre, preoccupa i risparmiatori. Al punto che più di uno già si chiede come sfuggire alla patrimoniale prima che questa venga approvata.

In realtà, e in qualche modo, una patrimoniale esiste già. Almeno secondo il Centro studi della Cgia di Mestre, uno dei principali punti di riferimento nel nostro Paese per quanto riguarda il monitoraggio dell’economia. Si tratta dell’Imu, l’imposta he colpisce il patrimonio immobiliare di chi ha una casa di lusso o di chi ha un immobile oltre alla prima abitazione. Pensa che dal 2012 ad oggi, tra Imu e Tasi le famiglie e le imprese italiane hanno versato 156 miliardi di euro. Una cifra che, secondo la Cgia, rappresenta, appunto, una patrimoniale fantasma, anche se non colpisce tutti i modo omogeneo e complessivo.

A queste imposte se ne potrebbe aggiungere un’altra, come quella di successione che colpisce comunque la ricchezza degli italiani. La possibilità di vedersi piombare addosso un nuovo prelievo forzato è quella che fa pensare a come sfuggire alla patrimoniale, nel caso in cui – come probabile- i conti dell’Italia continuino a chiedere rinforzi.

Vediamo di capirne di più.

Patrimoniale: che cos’è?

La tassa patrimoniale è un’imposta sui beni che costituiscono la ricchezza dei cittadini che viene applicata in modo omogeneo e complessivo. Significa che colpisce tutti allo stesso modo, indipendentemente da ciò che si guadagna al lavoro.

La patrimoniale, dunque, interessa i risparmi ed i beni immobiliari degli italiani. Nello specifico:

  • le obbligazioni private;
  • azioni e partecipazioni;
  • fondi comuni;
  • titoli all’estero;
  • depositi;
  • certificati;
  • brevetti;
  • immobili.

Non vengono toccate, invece, le forme di previdenza complementare (ad esempio, le polizze vita, i piani pensionistici o altre forme di accantonamento) in quanto questi soldi non sono nell’immediata disponibilità del cittadino.

Patrimoniale: esiste già in Italia?

Nel nostro Paese non c’è una patrimoniale vera e propria, nel senso di un prelievo forzato «omogeneo e complessivo» che interessi tutti i cittadini. Anni fa venne proposta dal Partito Democratico sotto la guida di Pier Luigi Bersani, ma l’idea naufragò.

Tuttavia, lo Stato applica oggi una sorta di patrimoniale sugli immobili attraverso l’Imu. È vero che l’imposta è stata abolita sulla prima casa, ma è altrettanto vero che molti italiani la devono versare sia sulle pertinenze, sia sulle seconde case, sia sugli immobili di lusso. Come dicevamo all’inizio, dal 2012 ad oggi sono stati incassato quasi 160 miliardi a questo titolo. Non sono pochi.

A ciò si aggiunge la tassa di successione, che colpisce ugualmente il patrimonio dei risparmiatori. Viene applicata su:

  • beni immobili, cioè case, locali commerciali, terreni, ecc.;
  • conti correnti bancari e postali;
  • azioni, obbligazioni e fondi fiduciari;
  • partecipazioni in società;
  • beni di lusso;
  • opere d’arte;
  • oro, gioielli ed altri beni contenuti in cassette di sicurezza;
  • denaro.

Non vengono tassati, invece:

  • le aziende familiari e le partecipazioni sociali quando le aziende hanno sede in Italia ed i beneficiari della successione continuano l’attività di impresa oppure ne detengono il controllo per almeno 5 anni;
  • i titoli di debito pubblico, come Bot, Cct, ecc.;
  • il Tfr e le altre indennità che spettano di diritto proprio agli eredi;
  • i crediti verso lo Stato;
  • i beni culturali;
  • i veicoli iscritti al Pra.

Volendo, un’altra forma di patrimoniale è l’imposta di bollo dello 0,2% applicata sui risparmi.

Patrimoniale: come difendersi?

C’è da dire che non tutti all’interno del Governo sarebbero favorevoli all’introduzione di una patrimoniale. Un’importante voce fuori dal coro è quella del ministro dell’Economia, Giovanni Tria, secondo cui «la patrimoniale è una misura distruttiva, che scatena la fuga di capitali liquidi e colpisce il patrimonio immobiliare, il che fa crollare il valore».

In altre parole, Tria sostiene che il doppio effetto negativo di una patrimoniale sarebbe:

  • costringere i risparmiatori ad investire fuori dall’Italia;
  • la distruzione degli investimenti finanziari che non possono essere trasferiti altrove.

Nel caso in cui le parole del ministro non venissero ascoltate, come sfuggire alla patrimoniale? Verrebbe da dire «prendi i soldi e scappa». Una delle possibilità, infatti, è quella di levare le tende dall’Italia e di andare a vivere e a lavorare (anche con un’attività in proprio) in un Paese anche vicino ai nostri confini, dove l’imposizione fiscale è molto più leggera. Qualche esempio? Bulgaria, Cipro, Malta o le Canarie, in Spagna.

Ma se non vuoi restare tra le maglie normative dell’Unione europea, puoi sempre scegliere l’Albania, il Montenegro, Andorra o l’immancabile Svizzera. Tutti Paesi che, non dovendo rendere conto a Bruxelles, possono applicare il regime fiscale a loro più conveniente per attirare dei risparmiatori esteri.

Un altro modo (sempre legale, per carità) per difendersi dalla patrimoniale è quello di diversificare i risparmi senza doverti spostare in un altro Paese. Anziché muoverti tu, puoi muovere i tuoi soldi investendo all’estero.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. se ho ereditato un quadro di Van Gogh da 50 milioni di € si applica la patrimoniale? con che denari la si paga? taglio una fetta del quadro? Ma anche parlando di alloggi: vendo una stanza? Le patrimoniali su valori non liquidi (contanti disponibili), comprese quelle già esistenti, sono un furto che i politici di turno attuano usando la minaccia delle forze di polizia pagate dai cittadini, ritenendosi arrogantemente più capaci di meglio utilizzare il ricavato per lo sviluppo del paese. Fino ad oggi il tutto si è risolto sempre senza ridurre i debiti che lasciamo ai figli.

  2. TRE direttive su cui lavorare senza inventare altre tasse:
    -anticorruzione; trasparenza dai consiglieri ai parlamentari anche contro schermi di beni detenuti nei paradisi fiscali spesso il risultato della grande corruzione .
    -azione decisa contro paradisi fiscali
    -incentivazone edilizia coinvolgendo privati epubblici a investire in immobili da ristrutturare pagando a monte lo 0,1% e sospendendo la riscossione quando venduto
    -incentivazione opere pubbliche utili che accrescono il valore del patrimonio ( no ponti e strade basta- si impianti depurazione su tutto il litorale -si impianti fotovoltaici in maniera massiccia
    -tamponare immigrazione cooperando con la UE per la costruzione di impianti en elettrica da importare e pagare trattenendo una percentuale dei costi degli investimenti-vedi noor 1 noor 2 marocco ….sono solo alcune qzioni da mettere in campo . ci vuole attivismo e creatività

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube