HOME Articoli

Lo sai che? Per non pagare l’assegno, ne denuncia lo smarrimento: condannato per calunnia

Lo sai che? Pubblicato il 15 gennaio 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 15 gennaio 2013

Condannato per calunnia chi dichiara di aver perso un assegno, mentre invece lo ha regolarmente consegnato in pagamento a un suo creditore.

Spesso accade che, per sottrarsi all’obbligo di pagare una somma in denaro, alcuni soggetti – mal consigliati – dopo aver regolarmente staccato l’assegno al creditore, dichiarino alle autorità di polizia di averlo smarrito. Il correntista, poi, consegna tale dichiarazione – sia essa accompagnata dalla querela o meno [1] – alla propria banca affinché quest’ultima blocchi il pagamento del titolo.

Si tratta di un espediente che, in prima battuta, realizza l’interesse truffaldino del debitore, ma che poi lo espone a un rischio ben più grave.

Ha stabilito di recente la Corte di Cassazione [2] che la falsa dichiarazione di aver smarrito un assegno, invece regolarmente consegnato a un altro soggetto, integra il reato di calunnia. In questo modo, infatti, il correntista attribuisce, ai danni di chi ha ricevuto il titolo (cosiddetto “prenditore”), il reato di furto o di ricettazione.

In altri termini, così facendo, si accusa indirettamente di furto un soggetto che invece ha ottenuto il legittimo possesso del titolo. Il che integra il reato di calunnia.

note

[1] Generalmente, in casi del genere, si fa seguire, alla denuncia di smarrimento, anche la querela per i reati di appropriazione indebita di cosa smarrita e di falso in assegno.

[2] Cass. sent. n. 39237/2011.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI