Business | Articoli

Ape: chi ha debiti può ottenerla?

24 Gennaio 2018 | Autore:
Ape: chi ha debiti può ottenerla?

L’accesso alla pensione anticipata è escluso per i lavoratori che hanno debiti, che sono stati protestati o segnalati alla centrale rischi. Vediamo perché

Lavoratore moroso, protestato o segnalato alla centrale rischi? Se si appartiene a una di queste categorie non è possibile essere ammessi alla pensione anticipata tramite prestito Ape, anche in presenza di tutti gli altri requisiti richiesti dalla legge. Vediamo di capire il perché partendo da che cosa è l’Ape.

Ape: che cos’è?

L’Ape è una misura previdenziale sperimentale, introdotta dalla legge di bilancio 2017 e in vigore dal 1° maggio 2017 sino al 31 dicembre 2018. Essa è stata istituita con il fine di accompagnare i soggetti in possesso di determinati requisiti verso la pensione e consiste in un’indennità che l’Inps eroga nei confronti di coloro che abbiano almeno 63 anni di età, non siano titolari di pensione in Italia o all’estero e si trovino nelle condizioni determinate dalla legge.

Il pagamento dell’indennità si protrae sino a quando il beneficiario non raggiunge l’età per accedere alla pensione di vecchiaia o a un trattamento pensionistico. In concreto l’Ape si sostanzia in un finanziamento bancario da richiedere tramite l’Inps, e da restituire a rate, una volta raggiunti i requisiti per la pensione di vecchiaia. L’ammortamento del prestito è pari a 20 anni: le rate del piano di rimborso contengono oltre alla somma capitale, anche il pagamento di un’assicurazione obbligatoria contro il rischio di premorienza del pensionato e di un contributo al fondo di garanzia.

Ape: chi ha debiti può fare domanda?

In concreto deve dirsi che ad erogare questo prestito sono le banche convenzionate, le quali non vogliono impegnarsi nei confronti di lavoratori protestati o segnalati alla Centrale Rischi. L’esclusione, espressamente prevista per legge, dunque, elimina una grossa fetta di persone dalla possibilità di accedere all’anticipazione pensionistica. A tratti può apparire paradossale atteso che l’Ape rappresenta un ammortizzatore sociale e, dunque, servire da salvagente proprio a quelle categorie di persone che non godono di pensioni o di altri redditi e che, verosimilmente, possono trovarsi in una situazione di esposizione anche verso le banche. In sostanza, l’Ape viene negata per i lavoratori economicamente più deboli. Ecco perché.

Ape: cosa dichiarare nella domanda?

La legge prevede espressamente che al momento della domanda di prestito pensionistico Ape il lavoratore dichiara, sotto sua propria responsabilità:

  • di non avere nei confronti delle banche o di altri intermediari finanziari, esposizioni per debiti scaduti o sconfinanti (con riferimento all’utilizzo di fondi in eccedenza rispetto al saldo del conto corrente) e non pagati da più di novanta giorni;
  • di non essere a conoscenza di registrazioni del proprio nominativo nei registri della centrale dei rischi della Banca d’Italia;
  • di non essere oggetto di procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento ex legge 27 gennaio 2012, n. 3;
  • di non avere pignoramenti in corso o estinti senza integrale soddisfazione dei creditori;
  • di non avere protesti a proprio carico e non essere registrato nell’archivio della centrale di rischio della Banca d’Italia.

Ape: chi sono gli esclusi?

Dunque, se chi ha richiesto l’anticipo ha, nei confronti di una banca o di un operatore finanziario, un’esposizione per debiti scaduti o sconfinanti (ossia superiori al fido concesso) e non pagati da oltre 90 giorni, l’Ape non può essere concessa, a meno che i debiti non siano estinti per qualsiasi causa.

Niente Ape nemmeno per chi è registrato negli archivi della centrale rischi gestita dalla Banca d’Italia, oppure in un sistema di informazioni creditizie gestito da privati, a causa dell’inadempimento di uno o più prestiti, mutui o altri debiti.

Per chi è stato parte di procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento non è ugualmente possibile ottenere l’Ape, a meno che non sia stata chiusa la procedura di composizione della crisi. L’accesso all’anticipo pensionistico è negato anche a chi ha pignoramenti in corso, o estinti senza integrale soddisfazione dei creditori, a meno che non siano trascorsi 36 mesi dalla chiusura infruttuosa della procedura esecutiva.

Inoltre, per ottenere l’Ape è necessario non avere protesti a proprio carico, a meno che non sia intervenuta la cancellazione dell’elevazione del protesto. Niente Ape nemmeno per chi è registrato nell’archivio degli assegni bancari e postali e delle carte di pagamento irregolari istituito presso la Banca d’Italia, denominato centrale di allarme interbancaria (Cai), a meno che non sia intervenuta la cancellazione della registrazione dall’archivio.


note

Autore immagine:pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube