Diritto e Fisco | Articoli

Bollette non pagate: Crif e pignoramento

26 Maggio 2019
Bollette non pagate: Crif e pignoramento

Recupero crediti bollette del telefono, luce, acqua e gas: quali conseguenze per l’utente moroso?

Sono sempre più frequenti i casi di bollette non pagate e, con esse, i tentativi delle società di recupero crediti di ottenere il versamento spontaneo del dovuto. Tentativi tanto più difficili se si tiene conto del fatto che, ormai, le bollette di luce, acqua e gas hanno tempi di prescrizione più brevi: non più cinque ma due anni, come previsto da una legge del 2017 [1] (leggi Prescrizione bollette utenze domestiche). Naturalmente, c’è sempre la possibilità di interrompere la prescrizione con una raccomandata contenente una diffida, ma se le società fornitrici dovessero spendere 4 euro per ogni utente moroso affronterebbero dei costi eccessivamente gravosi. Ecco perché si dà mandato ai call center di tentare un ultimo e bonario contatto con il cliente per ottenere un adempimento spontaneo.

In questa sede, gli operatori – che purtroppo vengono in parte pagati a percentuale sul recuperato – tentano ogni espediente pur di convincere il moroso a regolarizzarsi. I più scorretti minacciano conseguenze legali improbabili o addirittura impossibili.

Per le bollette non pagate si arriva così a parlare di Crif e pignoramento. Succede assai spesso. Ne è testimone anche il motore di ricerca più famoso del mondo – Google – che, grazie al suo algoritmo di suggerimento delle ricerche più digitate, dopo la voce bollette non pagate, consiglia subito le parole Crif e pignoramento.

Ed allora è bene comprendere se c’è davvero correlazione tra tali concetti e se si può effettivamente temere conseguenze di questo tipo in caso di morosità nel pagamento delle fatture della luce, dell’acqua, del gas o del telefono. Cerchiamo di fare il punto della situazione.

Bollette non pagate: pignoramento

Si può subire un pignoramento per una bolletta non pagata? La risposta è assolutamente no. Prima di qualsiasi azione esecutiva, il creditore deve essere in possesso di un “titolo” ossia una condanna del giudice. Questa condanna può essere una sentenza o – nel nostro caso più probabile – un decreto ingiuntivo. Di qui il problema si sposta su un altro piano: è davvero possibile un’azione giudiziaria per una o più bollette non pagate? Al di là del fatto che la società fornitrice è in grado di limitare il danno da morosità sospendendo la fornitura ed evitando che il debito cresca troppo, c’è un discorso di opportunità: un decreto ingiuntivo o una causa per piccole cifre è assai improbabile. Ne abbiamo parlato in Decreto ingiuntivo per 100 euro. Se è vero che il fornitore non è propenso ad affrontare le spese per le diffide con raccomandata, si può comprendere con quanta riluttanza possa agire davanti a un giudice di pace per il recupero di un credito così basso. I costi legali sarebbero troppo elevati.

È vero che esiste sempre la condanna alle spese processuali nei confronti della parte soccombente (in questo caso l’utente), ma non è detto che si tratti di un soggetto solvibile (si pensi a un anziano con una pensione al di sotto del minimo vitale, quinti impignorabile).

Se, quindi, l’operatore del call center di recupero crediti ti dice che, per le bollette non pagate, si rischia il pignoramento non ti sta dicendo una bugia, ma una cosa assai improbabile. In parte perché, prima del pignoramento è sempre necessaria l’azione giudiziale, con conseguente spreco di tempi e di costi; in parte perché sono estremamente rari i ricorsi al giudice per importi irrisori.

Bollette non pagate: Crif

Sentirai qualche operato del call center minacciarti di segnalazione alla Crif. Qui siamo nell’ambito delle bugie. La Crif è infatti una società privata che valuta l’affidabilità bancaria di un soggetto che ha o ha avuto rapporti con istituti di credito. Essa raccoglie tutti i dati relativi a pagamenti o inadempimenti. Non solo, quindi, i cattivi pagatori.

Di conseguenza, le segnalazioni alla Crif – così come quelle alla Centrale Rischi – scaturiscono solo da contratti di mutuo, finanziamento, conto corrente, apertura di credito e qualsiasi altro rapporto giuridico con intermediari finanziari. Le società della luce, acqua, gas e telefono non sono tali. Per cui, se non paghi una bolletta non vieni segnalato né in Crif né alla Centrale Rischi della Banca d’Italia.


note

[1] Art. 1 co. 4-11 Legge n. 205/2017.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Buon pomeriggio se una persona noj a possibilita di pagare e disuccupato e invalido al 100 per cento prende una pensione minima o prende poco che succede

    1. Gianluca puoi trovare le risposte alle tue domande nei nostri articoli:
      -Pagare meno luce, acqua, gas https://www.laleggepertutti.it/266629_pagare-meno-luce-acqua-gas
      -Pignoramento a persona invalida https://www.laleggepertutti.it/183907_pignoramento-a-persona-invalida
      -Come togliersi un debito: 5 scorciatoie https://www.laleggepertutti.it/210643_come-togliersi-un-debito-5-scorciatoie
      -Quali diritti ha un invalido al 100% https://www.laleggepertutti.it/172476_quali-diritti-ha-un-invalido-al-100

  2. Buongiorno,
    scusate, ma vi chiedo di informarvi meglio.
    Io ho richiesto di volturare a mio nome un contratto di fornitura gas con EnelEnergia e mi è stato detto che non era possibile perchè l’azienda aveva messo un blocco collegato al mio codice fiscale (tipo Crif o Cattivo pagatore).
    Voglio specificare che non ho mai avuto problemi se non di pagare la bolletta in ritardo, ma senza aver mai avuto stacchi, solo la raccomandata dove si intimava di pagare entro e non oltre il….
    Io ho dovuto rivolgermi ad altro fornitore, mio malgrado.
    G.M.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube