L’esperto | Articoli

Esclusione concorso pubblico impiego: ultime sentenze

6 Giugno 2019
Esclusione concorso pubblico impiego: ultime sentenze

Giurisdizione ordinaria e amministrativa; procedure selettive per progressioni economiche interne; procedimento di concorso; impugnabilità degli atti; esclusione dal concorso; approvazione della graduatoria definitiva; ammissione senza concorso; pubblico impiego contrattualizzato; concorso per dirigente.

Le controversie relative alle procedure di selezione per le progressioni economiche interne sono devolute alla giurisdizione del giudice ordinario. L’ordinanza cautelare che ammette con riserva al concorso il candidato che ha impugnato l’esclusione è finalizzata ad evitare il protrarsi della lesione. Leggi le ultime sentenze sull’esclusione dal concorso nel pubblico impiego.

Giurisdizione del giudice ordinario

Le procedure selettive per le progressioni economiche interne, le quali, pur guidate da criteri meritocratici e metodi selettivi tipici del pubblico concorso, costituiscono comunque fisiologico sviluppo del rapporto di lavoro con esclusione di effetti novativi. In tali procedure le posizioni rimangono di diritto soggettivo, e gli atti, di competenza dell’amministrazione, meri atti “datoriali”, con conseguente devoluzione al G.O. delle relative controversie.

T.A.R. Catania, (Sicilia) sez. II, 18/01/2019, n.77

Impugnazione della graduatoria definitiva di un concorso pubblico

Nei concorsi per la copertura di posti nel pubblico impiego, l’impugnazione del provvedimento endoprocedimentale immediatamente lesivo, quale è l’esclusione dal concorso, deve successivamente estendersi, a pena di improcedibilità, agli ulteriori atti pregiudiziali, quali l’approvazione definitiva della graduatoria, con l’onere di estendere il relativo contraddittorio anche ai soggetti controinteressati (c.d. “successivi”).

Tuttavia, l’adempimento di tale onere presuppone, ai sensi dell’art. 41 c.p.a., quanto meno la c.d. “piena conoscenza” dell’atto, ovvero, per gli atti di cui non sia richiesta la notificazione individuale, la scadenza del termine della pubblicazione, se questa sia prevista dalla legge o in base alla legge.

A tal fine non è di per sé legittima la pubblicazione della graduatoria finale del concorso sul Bollettino Ufficiale del Personale, anziché sulla Gazzetta Ufficiale, atteso che il d.P.R. n. 487 del 09/05/1994 – di approvazione del “Regolamento recante norme sull’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi” – all’art. 15, commi 5 e 6, dispone che “le graduatorie dei vincitori dei concorsi sono pubblicate nel Bollettino ufficiale della Presidenza del Consiglio dei Ministri o dell’amministrazione interessata”, che “di tale pubblicazione è data notizia mediante avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica”, e che (solo) “dalla data di pubblicazione di detto avviso decorre il termine per le eventuali impugnative”.

T.A.R. Catania, (Sicilia) sez. III, 17/01/2019, n.46

Rapporto di lavoro con l’Amministrazione in assenza di pubblico concorso

Il rapporto di lavoro instaurato con l’Amministrazione in contrasto con le disposizioni che lo disciplinano, e tale è quello che viene instaurato in assenza di pubblico concorso, nasce e vive come rapporto di fatto, rispetto al quale gli indici rilevatori del pubblico impiego assumono soltanto funzione di astratta qualificazione, al fine della determinazione della giurisdizione (già esclusiva del g.a. in virtù della fictio iuris di validità del rapporto nullo ai soli fini di cui all’art. 2126 c.c.) e della disciplina economica e previdenziale cui debbono essere sottoposte le prestazioni lavorative. In particolare, non è idonea a costituire un rapporto di impiego pubblico la serie ininterrotta di assunzioni, la quale non costituisce neppure presupposto per la trasformazione del rapporto a tempo indeterminato ai sensi dell’art. 2 L. 18 aprile 1962 n. 230 (“Se il rapporto di lavoro continua dopo la scadenza del termine inizialmente fissato o successivamente prorogato, il contratto si considera a tempo indeterminato fin dalla data della prima assunzione del lavoratore”), atteso che detta disposizione trova applicazione nel settore del pubblico impiego solo quando l’Amministrazione ne riceva legittimazione da una adeguata fonte normativa, che faccia proprio il principio affermato dalla legge stessa.

T.A.R. Catania, (Sicilia) sez. III, 13/11/2018, n.2160

Dipendente vincitore del concorso per dirigente

In tema di pubblico impiego contrattualizzato, in virtù dell’art. 28, comma 5, del d.lgs. n. 29 del 1993, come modificato dall’art. 10 del d.lgs. n. 387 del 1998 (applicabile “ratione temporis”), al dipendente vincitore del concorso per dirigente spetta, sino al conferimento del primo incarico, la differenza fra il trattamento economico fisso riconosciuto al dirigente dal contratto collettivo (stipendio tabellare, RIA, maturato economico annuo, assegno “ad personam” o elemento fisso, ove acquisiti) e il trattamento economico effettivamente ricevuto, con esclusione di quello accessorio (retribuzione di posizione), che è correlato all’effettiva attribuzione delle funzioni dirigenziali e all’assunzione delle connesse responsabilità.

Cassazione civile sez. lav., 10/09/2018, n.21973

Annullamento della prova scritta di un concorso

La motivazione dell’annullamento di un elaborato relativo alla prova scritta di un concorso di posti di pubblico impiego è sufficiente quando la commissione dà atto che esso è stato copiato, non essendo strettamente necessaria la specifica indicazione dei vari brani; infatti, l’accertamento della individuazione delle parti copiate attiene alla valutazione dei presupposti di fatto dell’annullamento, che è sempre accertabile dal giudice, e non alla sufficienza della motivazione.

T.A.R. Bari, (Puglia) sez. I, 05/07/2018, n.988

Assunzione nel pubblico impiego

La presenza di un elevato tasso di discrezionalità, nel senso dell’ineliminabilità di una variabilità di apprezzamenti nel formulare i giudizi che richiedono conoscenze ad elevato livello di complesse discipline cognitive, esclude che nei procedimenti di abilitazione scientifica nazionale possa applicarsi l’intero corpus delle regole tipiche dei concorsi per l’assunzione nel pubblico impiego e, in genere, delle procedure valutative complesse a carattere comparativo.

E’, quindi, consentito soltanto verificare l’esistenza di un coerente sviluppo fra le fasi procedurali del concorso, nel senso che la scelta finale della Commissione non appaia in contraddizione con gli elementi emergenti dalle varie fasi in cui si è articolato il procedimento selettivo; di tal che la valutazione della Commissione giudicatrice, in quanto inerente ad un giudizio qualitativo sulle esperienze e sulla preparazione scientifica dei candidati, può essere dichiarata illegittima solo ove si riscontrino macroscopiche carenze nella motivazione o nei prestabiliti criteri di valutazione ovvero nei contenuti di ragionevolezza e proporzionalità della decisione.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. III, 05/12/2017, n.12028

Ammissione con riserva ad un pubblico concorso

V’è una necessaria correlazione tra l’azione principale e l’incidente cautelare, per cui l’ammissione con riserva ad un pubblico concorso di un candidato che ne abbia impugnato l’esclusione, mira a produrre il solo effetto d’impedire, pendente il giudizio, il protrarsi della lesione da lui lamentata, consentendogli la partecipazione alle prove concorsuali.

Gli altri effetti conseguono al passaggio in giudicato della pronuncia di merito favorevole, solo la quale è idonea a rimuovere dalla realtà giuridica l’atto d’esclusione e, dunque a porre l’obbligo alla pubblica amministrazione di provvedere ad attribuire alla parte vittoriosa tutti i vantaggi che le derivano dal superamento del concorso, rese inattaccabili dallo scioglimento positivo della riserva di ammissione.

T.A.R. Catanzaro, (Calabria) sez. I, 26/07/2017, n.1186

Progressione verticale nel pubblico impiego

L’art. 37, l. prov. Trento 3 aprile 1997 n. 7, come novellato dalla l. prov. 29 ottobre 2010 n. 22, che prevede la riserva al personale in servizio a tempo indeterminato del 50% dei nuovi posti e prescrive il possesso del titolo di studio previsto per l’accesso alla categoria, costituisce una norma di rango primario sovraordinata, oltreché sopravvenuta, rispetto all’art. 5 dell’ordinamento professionale del 2004, non assumendo inoltre rilevanza, ai fini dell’esclusione dell’applicabilità al corso-concorso, il richiamo testuale al concorso, dato che la norma recepisce i principi introdotti, senza alcun distinguo al riguardo, dalla normativa statale.

Quest’ultima (art. 52, comma 1 bis, d.lg. n. 165 del 2001, inserito dall’art. 62 comma 1, d.lg. n. 150 del 2009), riaffermando il principio generale dell’accesso tramite concorso pubblico anche con riguardo alle progressioni fra le aree e limitando al 50% la riserva di posti per il personale interno, ha sancito la necessità del possesso dei titoli di studio richiesti dall’esterno anche da parte del personale interessato alla progressione verticale. La chiara finalità della normativa statale, i cui principi sono stati recepiti dall’art. 37 della l. prov. n. 7 del 1997, non consente di ipotizzare incompatibili distinzioni, peraltro non previste, tra concorso e corso-concorso.

T.A.R. Trento, (Trentino-Alto Adige) sez. I, 12/06/2017, n.196

Mancata percezione di redditi

In tema di imposte sui redditi, in base all’art. 6, comma 2, del d.P.R. n. 917 del 1986, le somme percepite dal contribuente a titolo risarcitorio sono soggette ad imposizione qualora risultino destinate a reintegrare un danno concretatosi nella mancata percezione di redditi, mentre non costituiscono reddito imponibile nella diversa ipotesi in cui esse tendano a ristorare un pregiudizio di natura diversa.

(In applicazione di tale principio, la S.C. ha ritenuto tassabile il risarcimento commisurato ai redditi che una contribuente, ingiustamente esclusa da un concorso per titoli, avrebbe percepito nel periodo ricompreso fra la data in cui avrebbe dovuto essere assunta dall’ente e quella di assunzione di altro impiego pubblico, avvenuta nelle more dell’annullamento della delibera di esclusione dal concorso).

Cassazione civile sez. trib., 26/04/2017, n.10244

Ritardo nell’assunzione conseguente a illegittima esclusione da concorso

Nel caso di ritardata costituzione di un rapporto d’impiego pubblico, conseguente a illegittima esclusione dalla procedura di assunzione, spetta all’interessato, ai fini giuridici, il riconoscimento della medesima decorrenza attribuita a quanti siano stati, nella medesima procedura, nominati tempestivamente, ma ai fini economici non può riconoscersi il diritto alla corresponsione delle retribuzioni relative al periodo di ritardo nell’assunzione atteso che detto diritto, in ragione della sua natura sinallagmatica, presuppone necessariamente l’avvenuto svolgimento dell’attività di servizio.

Consiglio di Stato sez. III, 01/03/2017, n.955

Omessa sottoscrizione della domanda di partecipazione 

Nei concorsi indetti per la copertura di posti nel pubblico impiego la ratio sottesa al principio, che colpisce con l’esclusione l’omessa sottoscrizione della domanda di partecipazione, non è punire una distrazione, ma assicurare l’Amministrazione sulla provenienza dell’atto e sulla riferibilità della domanda a chi ne appare l’autore, al fine di evitare il progredire di una procedura di selezione concorsuale certamente inutile per non essere stata la domanda effettivamente compilata dall’autore; peraltro, da quest’ultimo la sanzione espulsiva può essere evitata se egli, accortosi del suo errore, sottoscrive un nuovo atto prima che la Pubblica amministrazione lo escluda dalla procedura.

Consiglio di Stato sez. IV, 24/08/2016, n.3685

Esclusione dai concorsi degli aspiranti soggetti a procedimenti penali in corso

L’esclusione, nel bando di concorso pubblico, degli aspiranti soggetti a procedimenti penali in corso non costituisce scelta irragionevole o macroscopicamente contraria ai principi dell’ordinamento giuridico vigente in quanto corrisponde ad un’esigenza di “difesa avanzata” della Pubblica Amministrazione che, in ragione delle particolari esigenze di determinati impieghi pubblici, legittimamente individua circostanze che essa ritiene ostative all’assunzione del candidato in ragione del danno suscettibile di arrecare all’interesse pubblico, specialmente quando gli illeciti penali sono connessi con l’impiego da assumere.

Consiglio di Stato sez. V, 08/08/2016, n.3542


note

Autore immagine: 123rf com.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube