Diritto e Fisco | Articoli

Subito esecutivo il decreto di modifica delle condizioni di affidamento e assegno

29 Aprile 2013
Subito esecutivo il decreto di modifica delle condizioni di affidamento e assegno

Immediatamente esecutive le modifiche su affidamento e assegni.

Con una importante sentenza dello scorso venerdì [1], le Sezioni Unite della Cassazione hanno posto fine a un dubbio interpretativo che si era venuto a creare in giurisprudenza, anche in seno alle diverse sezioni della stessa Cassazione [2].

La Corte ha stabilito che è immediatamente esecutivo il decreto del tribunale che modifica le condizioni economiche dei coniugi dopo la separazione o il divorzio, così come lo è il decreto che rivede le disposizioni sull’affidamento dei figli. Ciò coerentemente al fatto che è altrettanto esecutivo in via immediata il provvedimento del Presidente del Tribunale preso nella fase preliminare del giudizio di separazione e divorzio, di cui condivide la natura di decisione modificabile.

La conseguenza, sul piano pratico, della innovativa pronuncia è che, da ora, già con l’emissione del decreto si potrà chiedere – senza bisogno di ulteriori provvedimenti e formalità (come la clausola di esecutorietà) – l’adempimento e l’esecuzione di quanto disposto dal giudice nel decreto stesso.

La Cassazione, in passato, aveva giustificato la tesi negativa ricordando che per i procedimenti in questione si applica la procedura in Camera di Consiglio e, quindi, anche la previsione di esecutorietà solo ad opera del giudice. Una soluzione tuttavia – sottolineava la stessa Corte – che poneva questioni di discriminazione dei giudizi in materia di famiglia rispetto agli altri procedimenti per i quali è già prevista, per legge, l’esecutorietà della sentenza resa in primo grado.

Se dunque non fosse intervenuta la Cassazione a correggere il tiro interpretativo, sarebbe dovuto intervenire il legislatore o la Corte Costituzionale.


note

[1] Cass. S.U. sent. n. 10064/2013 del 26.04.2013.

[2] Cfr. in senso negativo Cass. sent. n. 9373/2011; in senso positivo Cass. sent. n. 4376/12.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube