L’esperto | Articoli

Contratti somministrazione di lavoro: ultime sentenze

14 Giugno 2019


Contratti somministrazione di lavoro: ultime sentenze

> L’esperto Pubblicato il 14 Giugno 2019



Pubblico impiego privatizzato; successione abusiva di contratti di somministrazione a termine; intermediazione e interposizione nelle prestazioni di lavoro; violazione del limite di proroghe del contratto per le agenzie di somministrazione di lavoro; sostituzione del personale assente.

In caso di illegittima o abusiva successione di contratti di somministrazione di lavoro a termine, il lavoratore ha diritto al risarcimento del danno. Per saperne di più, leggi le ultime sentenze.

Contratti a termine o di somministrazione di lavoro

Nel caso di contratti di lavoro a termine o di somministrazione di lavoro stipulati in realtà aziendali complesse al fine di sostituire personale assente, non è necessaria l’indicazione del nominativo della persona da sostituire.

Cassazione civile sez. lav., 06/02/2019, n.3463

Contratti di somministrazione di lavoro a termine

In materia di pubblico impiego privatizzato, nell’ipotesi di illegittima o abusiva successione di contratti di somministrazione di lavoro a termine, il lavoratore ha diritto – in conformità con il canone di effettività della tutela giurisdizionale affermato dalla Corte di Giustizia UE (ordinanza 12 dicembre 2013, in C-50/13) e con i principi enunciati dalle Sezioni Unite della S.C. nella sentenza n. 5072 del 2016 a proposito della abusiva reiterazione di contratti di lavoro a tempo determinato – al risarcimento del danno parametrato alla fattispecie di portata generale di cui all’art. 32, comma 5, della l. n. 183 del 2010, quale danno presunto, con valenza sanzionatoria e qualificabile come “danno comunitario”, determinato tra un minimo ed un massimo, salva la prova del maggior pregiudizio sofferto, che non può farsi comunque derivare dalla “perdita del posto”, in assenza di un’assunzione tramite concorso ex art. 97 Cost.

Cassazione civile sez. lav., 16/01/2019, n.992

Contratto di somministrazione: quando è nullo?

Nel contratto di somministrazione debbono essere indicate le ragioni dell’utilizzazione di lavoratori a tempo determinato e queste devono essere chiaramente percepibili. È infatti possibile effettuare una verifica sulla sussistenza effettiva della causale, dovendo la stessa essere concretamente riscontrabile. Posto ciò, non è sufficiente un’indicazione generica, essendo prevista la nullità del contratto in caso di indicazione della causale di somministrazione omessa o non specifica.

Cassazione civile sez. lav., 08/01/2019, n.197

Somministrazione irregolare

In tema di divieto d’intermediazione di manodopera, in caso di somministrazione irregolare, schermata da un contratto di appalto di servizi, va escluso il diritto alla detrazione dei costi dei lavoratori per invalidità del titolo giuridico dal quale scaturiscono, non essendo configurabile prestazione dell’appaltatore imponibile ai fini IVA, senza che possa assumere rilevanza, a riguardo, l’azione giudiziale del lavoratore per la costituzione del rapporto di lavoro alle dipendenze dell’utilizzatore effettivo, in quanto la conversione del rapporto, di per sé, implica la nullità dei contratti che ne sono oggetto.

Cassazione civile sez. trib., 07/12/2018, n.31720

Decorrenza del termine di decadenza per l’impugnativa stragiudiziale

In tema di successione di contratti di lavoro a termine in somministrazione, l’impugnazione stragiudiziale dell’ultimo contratto della serie non si estende ai contratti precedenti, neppure ove tra un contratto e l’altro sia decorso un termine inferiore a quello di sessanta giorni utile per l’impugnativa, poiché l’inesistenza di un unico continuativo rapporto di lavoro – il quale potrà determinarsi solo “ex post”, a seguito dell’eventuale accertamento della illegittimità del termine apposto – comporta la necessaria conseguenza che a ciascuno dei predetti contratti si applichino le regole inerenti la loro impugnabilità.

Cassazione civile sez. lav., 21/11/2018, n.30134

Prova della condotta fraudolenta del datore di lavoro

In tema di somministrazione di lavoro, la violazione del limite massimo di sei proroghe nell’arco di trentasei mesi, previsto dall’art. 42 del c.c.n.l. del 2008 per la categoria delle agenzie di somministrazione di lavoro, può ritenersi sussistente solo ove il lavoratore offra la prova della condotta fraudolenta del datore di lavoro, il quale, attraverso la stipulazione di un successivo contratto di somministrazione senza soluzione di continuità (di per sé non vietata), eluda il divieto di prorogare non più di sei volte il precedente contratto.

(Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che, con decisione immune da censure, aveva escluso la fittizietà della frattura fra un contratto e l’altro per avere il datore provato la sussistenza delle ragioni giustificative indicate nei contratti di somministrazione stipulati successivamente al primo, prorogato sei volte).

Cassazione civile sez. lav., 16/11/2018, n.29629

Esternalizzazione del lavoro: è vietata?

L’esternalizzazione del lavoro non è vietata dal nostro ordinamento e può essere attuata tramite l’appalto, la somministrazione di lavoro, il trasferimento di ramo d’azienda e l’ordinamento appresta mezzi di tutela in favore dei lavoratori i cui contratti siano interessati e/o subiscono le conseguenze di tali operazione (ad es. lo strumento della responsabilità solidale tra fornitore e utilizzatore).

Tribunale Roma sez. lav., 13/11/2018, n.8642

Stabilizzazione del personale a termine nelle p.a. e negli enti pubblici non economici

Il meccanismo di assunzione ex art. 1, comma 519, L. 296/2006 alla luce della direttiva del Ministro per le Riforme e le Innovazioni nelle Pubbliche Amministrazioni n. 7 del 30.04.2007 che ne fornisce la corretta interpretazione, non trova applicazione con riferimento ai “contratti di lavoro a tempo determinato afferenti gli uffici di diretta collaborazione dell’autorità politica” ed ai “lavoratori in somministrazione utilizzati da Pubbliche Amministrazioni“.

Corte appello Roma sez. lav., 31/10/2018, n.3902

Termine di decadenza per l’impugnazione stragiudiziale del licenziamento

In tema di somministrazione di lavoro, la decadenza di cui all’ art. 32, comma 4, della l. n. 183 del 2010, e la conseguente proroga, di cui al comma 1-bis del medesimo articolo, si applicano anche ai contratti a termine in somministrazione cessati o stipulati prima della data di entrata in vigore della legge stessa (24 novembre 2010), senza la necessità di una specifica previsione di deroga all’art. 11 disp. prel. c.c., atteso che la nuova norma non ha modificato la disciplina del fatto generatore del diritto ma solo il suo contenuto di poteri e facoltà, suscettibili di nuova regolamentazione perché ontologicamente e funzionalmente distinti da esso e non ancora consumati, dovendosi pertanto escludere ogni profilo di retroattività”.

Corte appello Milano sez. lav., 15/10/2018, n.1472

Somministrazione ed appalto di lavoro: differenza

Circa le condizioni di legittimità dell’appalto endoaziendale previsto dall’art. 29 D.Lvo 2003 n. 276 (poi modificato dal D. Lvo 2004 n.251), la differenza tra la somministrazione e l’appalto di lavoro, ammesso dalla nuova disciplina ad alcune condizioni, risiede nell’effettivo esercizio del potere organizzativo della prestazione lavorativa e nell’organizzazione dei mezzi necessari all’impresa da parte dell’appaltatore, mentre risulta secondaria la mera sussistenza di un potere organizzativo di tipo amministrativo (ad esempio in tema di ferie o permessi) in capo all’appaltatore.

Corte appello Roma sez. lav., 08/10/2018, n.3443

Affidamento di lavoro interinale

Nell’ambito di una gara bandita per acquisire somministrazione di lavoro interinale, per la quale sia stato previsto di indicare tutti i costi del servizio da remunerare, compresi quelli dovuti all’assenteismo gravante sul datore di lavoro, non si può ritenere che il parametro di riferimento per calcolare l’assenteismo sia necessariamente quello registrato dall’impresa tra il proprio personale negli anni in cui ha svolto il servizio per la stessa società appaltante, in quanto l’assenteismo del personale non è un dato perfettamente stimabile a priori, dipendendo da una serie variabile di fattori. I concorrenti, quindi, possono determinarsi autonomamente nel calcolare il costo dell’assenteismo, anche valutando la propria esperienza ed organizzazione aziendale in relazione agli indicatori di settore, ai fini della costruzione dell’offerta economica.

Consiglio di Stato sez. III, 22/06/2018, n.3861

Conversione in contratto a tempo indeterminato

L’indennità prevista dalla legge n. 183 del 2010, art. 32, trova applicazione ogni guai volta vi sia un contratto di lavoro a tempo determinato per il quale operi la conversione in contratto a tempo indeterminato e, dunque, anche in caso di condanna del datore di lavoro al risarcimento del danno subito dal lavoratore che abbia chiesto ed ottenuto dal giudice l’accertamento della nullità di un contratto di somministrazione lavoro, convertito – ai sensi del d.lg. n. 276 del 2003, art. 27, ultimo comma, in un contratto a tempo indeterminato tra lavoratore e utilizzatore della prestazione.

Cassazione civile sez. lav., 03/04/2018, n.8148


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA