Diritto e Fisco | Articoli

Piano Lega: tagliare detrazioni e agevolazioni fiscali

30 Maggio 2019
Piano Lega: tagliare detrazioni e agevolazioni fiscali

Riduzione Irpef, condoni e rimoudulazione a tutto campo di detrazioni e deduzioni. 

Forse non è un’idea così originale, ma al momento è l’unico vero piano di battaglia della Lega per cercare di recuperare i 50miliardi di euro che servono per finanziare la flat tax: la revisione e rimodulazione delle detrazioni e agevolazioni fiscali. Si lavora a un taglio netto per chi ha un reddito superiore a una determinata soglia, taglio che, di certo, non piacerà proprio a quel ceto medio che flat tax vorrebbe in questo momento aiutare. Una cosa però è certa: se è innegabile che il fisco italiano tassa più volte gli stessi redditi, è anche vero che a volte le agevolazioni sono irrazionali. 

Della tax expenditures – ossia della revisione della mappa di deduzioni e detrazioni fiscali – si parla già da diversi anni e anche i precedenti governi hanno cercato di mettere mano al sistema. Tentativi risultati sempre inutili, anche perché là dove tocchi perdi anche voti. Ecco perché proprio ieri, in una intervista a Sky, il sottosegretario all’Economia Massimo Bitonci ha confermato che i tecnici dell’esecutivo stanno lavorando a una rimodulazione delle agevolazioni fiscali a tutto campo. Si va dalla possibilità di tagliare detrazioni e deduzioni per chi dichiara un reddito sopra un determinato limite, facendo salve – ha specificato Bitonci – le detrazioni per mutui prima casa o gli sconti Irpef per lavori di ristrutturazione o riqualificazione energetica degli edifici. Il tutto per evitare di indebitare ulteriormente lo Stato, sebbene il deficit che già abbiamo è bastato a far andare su tutte le furie la Commissione Europea che, con una lettera inviata proprio ieri a Tria, ha chiesto ulteriori chiarimenti sul nostro sforamento dai patti comunitari. Tradotto in parole semplici, significa “ultimo avvertimento” prima della maxi multa da 3,5 miliardi. 

Nella revisione delle detrazioni e agevolazioni fiscali non potevano mancare i famosi 80 euro di Renzi, tanto criticati quando furono introdotti ma che ancora non sono stati eliminati. E infatti, consapevole che non si può togliere neanche 1 euro agli italiani senza perdere il loro consenso, Salvini non vuole formalmente cancellare il bonus ma assorbirlo con un sistema di detrazioni. 

Allo studio del Governo  ci sono anche altre misure come l’applicazione di franchigie o nuovi tetti per gli sconti, con un’indicazione ben precisa: «Tagliare tutte le agevolazioni oggi inutili o non più efficaci»: sono proprio queste le parole del sottosegretario, riportate dal Sole 24 Ore questa mattina in edicola. 

Altre risorse utili per la Lega potrebbero arrivare dalla lotta all’evasione e con ulteriori condoni e sanatorie. Tra le ipotesi di sanatorie da riproporre, oltre alla proroga della rottamazione delle cartelle, rispunta anche la cosiddetta «Dichiarazione integrativa speciale» per poter correggere errori od omissioni delle denunce dei redditi o Irap già presentate. Contribuenti e imprese potrebbe sanare le loro posizioni versando una percentuale al posto delle maggiori imposte dovute (Irpef, Ires, sostitutive o Irap) evitando così l’applicazione delle sanzioni. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. Non vorrei che eliminando le varie detrazioni e deduzioni si desse una spinta a incrementare prestazioni in nero.

  2. Questo progetto della lega di togliere detrazioni e deduzioni creerà ulteriori ingiustizie soprattutto tra i contribuenti più deboli, gli anziani che hanno spesso patologie che li portano a sostenere spese enormi per farmaci ,analisi e per la stessa assistenza che obbliga ad assumere badanti o a un ricovero in casa di riposo…lo sa Salvini qual è la retta di una casa di riposo? Più di 3000 euro al mese nella mia città Firenze…ci pensino Salvini e i suoi ,gli anziani sono tanti e molti ancora votano!!!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube