Diritto e Fisco | Articoli

Casa abbandonata: cosa rischio?

3 Giugno 2019 | Autore:
Casa abbandonata: cosa rischio?

Cosa si rischia ad abbandonare la propria abitazione? Quali sono i pericoli? Cosa succede con le notifiche e con le tasse? Si può perdere la casa per usucapione?

Molte persone, non avendo un tetto sopra la testa, sono costrette a dormire in strada oppure sono ospitate da amici o parenti. Ci sono altri, invece, che, avendo più di un’abitazione, trascurano i propri immobili favorendone la fatiscenza prima del tempo. Devi sapere che il totale disinteresse per un proprio bene può comportare dei rischi per il legittimo titolare. Ad esempio, c’è la possibilità di dover pagare il risarcimento nel caso di danni e, addirittura, di perdere la proprietà. Cosa rischio se ho una casa abbandonata? Se ti stai ponendo questa domanda e vuoi saperne di più, ti consiglio di proseguire nella lettura: vedremo insieme quali sono i pericoli derivanti dal trascurare la propria casa.

Pericoli di una casa abbandonata: quali sono?

Non ci crederai, ma una casa abbandonata comporta un vero rischio. Quale? Cosa può succedere? Ebbene, devi sapere che il proprietario di un bene risponde dello stesso nel caso in cui qualcuno dovesse incorrere in un incidente. Ad esempio, la casa abbandonata da tempo potrebbe avere dei guasti alle tubature, una parte di intonaco cadente, delle tegole rotte: ognuna di queste circostanze può mettere a serio rischio non solo la proprietà altrui, ma anche l’incolumità personale!

Pensa alla tegola che cade dal tetto di un immobile fatiscente, in totale stato di abbandono. Ebbene, se quella tegola colpisse qualcuno (o qualcosa), dovrai risponderne tu in qualità di proprietario, in quanto avresti dovuto preoccuparti della corretta manutenzione della tua proprietà.

Casa abbandonata: cosa dice la legge?

Secondo la legge, il proprietario di un edificio o di un’altra costruzione è responsabile dei danni cagionati dalla loro rovina, salvo che provi che questa non è dovuta a difetto di manutenzione o a vizio di costruzione [1].

Quindi, grava sul proprietario di casa una vera e propria responsabilità oggettiva, visto che egli deve risarcire il danno anche se non è stato l’autore diretto. Per rovina di un edificio si deve intendere ogni disgregazione, sia pur limitata, degli elementi strutturali della costruzione, ovvero degli elementi accessori: pensa al distacco dell’intonaco, di calcinacci, ecc.

È evidente che tutta questa situazione rischia di aggravarsi nell’ipotesi di una casa abbandonata: se nessuno vive in un immobile, è chiaro che questo si deteriorerà prima del tempo.

Casa abbandonata: si può usucapire?

Un altro concreto rischio di avere una casa abbandonata è quello di perderne la proprietà. Come? Semplice: mediante usucapione. Come senz’altro saprai, la proprietà non si prescrive mai ma, se non esercitata per un lungo lasso di tempo, c’è la possibilità che venga acquisita da qualcun altro.

E così, se la tua casa è abbandonata e, dopo oltre venti anni, scopri che per tutto questo tempo ci ha abitato qualcuno, allora l’inquilino potrà agire contro di te chiedendo al giudice l’usucapione del bene: se provata, la proprietà passerà a colui che vi ha effettivamente abitato per tutti quegli anni.

Si pagano le tasse sulla casa abbandonata?

Quasi inutile dire che allo Stato non interessa se tu, di punto in bianco, hai abbandonato la tua casa per andare a vivere altrove: se non hai comunicato nulla (cambio di residenza, ecc.), dovrai continuare a pagare le tasse e i tributi locali, proprio come si ci abitassi.

Lo stesso vale per le utenze domestiche (luce, gas, acqua, ecc.): le bollette saranno meno salate per via del consumo nullo, ma comunque dovrai pagare gli importi fatturati.

Valgono le notifiche fatte presso una casa abbandonata?

Se non cambi formalmente residenza, ma ti limiti ad abbandonare, di fatto, la tua casa, eventuali notifiche effettuate presso questa abitazione saranno ritenute valide per tutti coloro che le effettueranno. Pensa alla notifica di multe, atti giudiziari, avvisi, ecc.

Se il portalettere non ti trova in casa, lascerà nella tua cassetta della posta un avviso di giacenza e, trascorsi dieci giorni (per gli atti giudiziari) oppure trenta (per le raccomandate), per il mittente la notifica si intenderà perfezionata. Questo potrebbe voler dire che, se abbandoni casa, un processo intentato nei tuoi confronti potrà andare avanti a tua totale insaputa, con pregiudizio per il tuo diritto di difesa.


note

[1] Art. 2053 cod. civ.

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube