L’esperto | Articoli

Aumento canone locazione: ultime sentenze

26 Giugno 2019
Aumento canone locazione: ultime sentenze

In questo articolo, troverai le ultime sentenze su: contratto di locazione; canone a scaletta; aumento del canone indicato nel contratto registrato; locazioni ad uso non abitativo; nullità della clausola che prevede l’aumento del canone.

Stipula del contratto di locazione e clausola

In tema di locazione, è nulla la pattuizione con cui parte locatrice e parte conduttrice convengano, con controindicazione scritta contemporanea alla stipula del contratto di locazione (e ancor di più se orale e successiva) che il canone indicato nel contratto registrato debba essere modificato in aumento. In dette ipotesi di illegittima sostituzione di un prezzo di locazione con un altro, l’effetto diacronico della sostituzione è impedito dalla disposizione normativa di cui all’art. 13 L. n. 431 del 1998 sicchè sarà proprio la clausola successivamente inserita attraverso controindicazione, ad essere affetta da nullità con perdurante validità di quella indicata nel contratto registrato.

Tribunale Massa, 12/11/2018, n.792

Locazioni ad uso non abitativo: canone a scaletta

Nelle locazioni di immobili ad uso non abitativo deve ritenersi legittima la previsione di un canone crescente per frazioni successive di tempo nell’arco del rapporto (c.d. canone a scaletta), purché il criterio della sua progressiva variazione in aumento sia obiettivamente prestabilito, al momento della stipulazione del contratto, e non risulti – dal testo del contratto medesimo o da elementi extratestuali della cui allegazione è onerato chi invoca la nullità della clausola – che le parti abbiano in realtà perseguito surrettiziamente lo scopo di neutralizzare soltanto gli effetti della svalutazione monetaria, eludendo i limiti quantitativi posti dalla L. n. 392 del 1978, art. 32, così incorrendo nella sanzione di nullità prevista dal successivo art. 79, comma 1 stessa legge.

Tribunale Roma sez. VI, 08/11/2018, n.21614

E’ legittima la previsione di un canone crescente?

Alla stregua del principio generale della libera determinazione convenzionale del canone locativo per gli immobili destinati ad uso non abitativo, deve ritenersi legittima la previsione di un canone crescente per frazioni successive di tempo nell’arco del rapporto (cd. canone a scaletta), purché il criterio della sua progressiva variazione in aumento sia obiettivamente prestabilito, al momento della stipulazione del contratto, e non risulti dal testo del contratto o da elementi extratestuali della cui allegazione è onerato chi invoca la nullità della clausola che le parti abbiano in realtà perseguito surrettiziamente lo scopo di neutralizzare soltanto gli effetti della svalutazione monetaria, eludendo i limiti quantitativi posti dall’art. 32 della legge n. 392 del 1978, così incorrendo nella sanzione di nullità prevista dal successivo art. 79, primo comma, della stessa legge.

Tribunale Livorno, 28/09/2018, n.987

Criterio della progressiva variazione in aumento del canone

Nella locazione di un bene ad uso non abitativo, deve ritenersi legittima la previsione di un canone crescente per frazioni successive di tempo nell’arco del rapporto, purché il criterio della sua progressiva variazione in aumento sia obiettivamente prestabilito, al momento della stipulazione del contratto, e non risulti, dal testo del contratto medesimo o da elementi extracontrattuali della cui allegazione è onerato chi invoca la nullità della clausola, che le parti abbiano in realtà perseguito surrettiziamente lo scopo di neutralizzare soltanto gli effetti della svalutazione monetaria, eludendo i limiti quantitativi posti dall’articolo 32 della legge 392/1978.

Tribunale Savona, 19/07/2018

Novazione del contratto di locazione ad uso non abitativo

Nei contratti di locazione ad uso non abitativo, secondo l’art. 79, legge n. 392/1978, il conduttore ha il diritto a non pagare somme in misura eccedente il dovuto, essendo nulla ogni pattuizione che non predetermini l’aumento «in misura differenziata e crescente per frazioni successive» e non sia elusiva del limite di cui all’art. 32, legge. n. 392/1978.

Cassazione civile sez. III, 14/03/2018, n.6124

Controversia sull’aggiornamento del canone di locazione ad uso non abitativo

La clausola che deferisce ad arbitri le controversie relative all’aumento del canone dei contratti di locazione ad uso non abitativo è applicabile in quanto, da un lato, non viola l’art. 54, l. n. 392/1978 il quale, secondo un’interpretazione costituzionalmente orientata, deve intendersi abrogato anche con riferimento alle locazioni di immobili ad uso non abitativo; dall’altro lato, la medesima clausola, non attenendo, in ogni caso, a diritti indisponibili, non viola il divieto di cui all’art. 806 c.p.c.

Cassazione civile sez. un., 15/06/2017, n.14861

Contratto di locazione con aumento del canone dopo l’intimazione di disdetta

In tema di locazione di immobili adibiti ad uso diverso da quello abitativo, ove il proprietario intimi la disdetta per la prima scadenza con comunicazione invalida, la successiva scrittura con la quale le parti concordino la prosecuzione del contratto per altri sei anni, ma con un canone notevolmente maggiorato, è nulla, ai sensi degli artt. 32 e 79 della l. n. 392 del 1978, ancorchè sia qualificata come una transazione con cui il locatore rinuncia ad attivarsi per il rilascio dell’immobile a fronte di un aumento del canone, trattandosi in realtà di accordo contrario alla norma imperativa dettata dall’art. 32 citato, finalizzato al raggiungimento di un risultato non consentito e riguardante un diritto non disponibile.

Cassazione civile sez. III, 04/04/2017, n.8669

Criteri di applicabilità dell’equo canone

Ai fini dell’applicazione dell’art. 26, comma 2, della l. n. 392 del 1978 – il quale stabilisce che le disposizioni per la determinazione dell’equo canone non si applicano alle locazioni concernenti immobili siti in comuni che, al censimento del 1971, avevano popolazione residente fino a 5.000 abitanti, qualora nel quinquennio precedente l’entrata in vigore della legge stessa, e successivamente ogni quinquennio, la popolazione residente non abbia subito variazioni in aumento, o comunque l’aumento percentuale sia stato inferiore a quello medio nazionale, secondo i dati dell’ISTAT – deve aversi riguardo unicamente al dato relativo alla popolazione residente al momento genetico del contratto di locazione, con esclusione, sul punto, di successivi mutamenti che vengano rilevati nel corso del rapporto locativo e prima della sua scadenza.

(Nella specie, la S.C. ha confermato la decisione di merito che aveva ritenuto applicabile il regime dell’equo canone poiché, pur essendo la popolazione del comune in cui era sito l’immobile inferiore ai 5.000 abitanti al momento della locazione, era certo che vi fosse stato un dirimente aumento della popolazione dal 1991 al 2000, ma non era stato provato che lo stesso fosse stato inferiore alla media nazionale).

Cassazione civile sez. VI, 06/02/2017, n.3040

Nullità della clausola che prevede aumenti del canone

La clausola che preveda la determinazione del canone in Misura differenziata e crescente per frazioni successive di tempo nell’arco del rapporto è valida a condizione che si tratti, non già di un vero e proprio “aumento”, bensì di un “adeguamento” del canone al mutato valore locativo dell’immobile volto a ripristinare il sinallagma originario, evitando uno squilibrio a vantaggio del conduttore altrimenti determinato dal canone fisso ovvero di una limitata e iniziale “riduzione” del canone convenuto, sempre che nell’uno, come nell’altro caso, tanto emerga da elementi obiettivi e predeterminati cui sia affidata “la scaletta” del canone.

Cassazione civile sez. III, 11/10/2016, n.20384

Proposta del locatore di aumento del canone

Non emerge dalla mera adesione del conduttore ad una proposta del locatore di aumento del canone, la volontà inequivoca di estinzione della precedente obbligazione e di sostituzione con altra nuova, essendo rimasti inalterati tutti gli altri elementi del rapporto. Il che consente di ritenere che il conduttore apportò dei miglioramenti all’immobile, avendo previamente ottenuto il consenso da parte del locatore; ed induce ad escludere che egli intese rinunciare all’indennità dovutagli per l’esecuzione delle opere con l’approvazione del secondo contratto.

Tribunale Bari sez. III, 22/03/2016, n.1504



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube