L’esperto | Articoli

Contratto di noleggio: ultime sentenze

28 Giugno 2019
Contratto di noleggio: ultime sentenze

Leggi le ultime sentenze su: contratto di noleggio; responsabilità operativa dei voli; noleggio senza conducente; trasporti marittimi; noleggio di autovettura con conducente.

Contratto di noleggio: cos’è?

Riguardo la disciplina del contratto di noleggio, è necessario fare riferimento a quanto previsto dal Codice civile per la locazione di beni mobili, anche se è utile precisare che il noleggio non è un contratto di locazione di beni, ma di locazione di opera, cioè di un servizio. Praticamente, mentre nel contratto di locazione una parte si obbliga a far godere all’altra una cosa mobile o immobile per un certo periodo di tempo, nel contratto di noleggio una parte si obbliga a compiere una determinata prestazione verso l’altra.

Tribunale Perugia, 20/03/2019, n.423

Noleggio di un aeromobile con equipaggio

La nozione di vettore aereo operativo va interpretata nel senso che non comprende il vettore che fornisce a noleggio un aeromobile comprensivo dell’equipaggio, senza però assumersi la responsabilità operativa dei voli. È irrilevante la circostanza che la conferma della prenotazione di un posto su un volo indichi come vettore quello che fornito l’aeromobile in wet lease.

Corte giustizia UE sez. III, 04/07/2018, n.532

Scioglimento del contratto di noleggio

Ai sensi dell’art. 169 l.f. il Giudice può autorizzare lo scioglimento del contratto di noleggio qualora i beni noleggiati non siano più utilizzati perché non fanno parte del perimetro del ramo di azienda, cosicché non vi è ragione logica di aggravare il passivo con ulteriori canoni.

Tribunale Milano sez. II, 25/06/2018

Contratto di noleggio a lungo termine: caratteristiche

Il disconoscimento di una scrittura privata, ai sensi dell’art. 214 c.p.c., pur non richiedendo una forma vincolata, deve rivestire i caratteri della specificità e della determinatezza e non risolversi in una espressione di stile per cui il disconoscimento effettuato nell’atto di citazione doveva comportare l’onere in capo alla convenuta a chiedere la verificazione di quelle sottoscrizioni onde poter continuare, non solo a pretendere l’adempimento del contratto, ma anche semplicemente a contrastare la domanda dell’attrice (nella specie: nell’atto di citazione l’attrice aveva negato di aver approvato e firmato le condizioni generali del contratto, ma solo il modulo predisposto dalla controparte nel quale erano riportate sinteticamente le caratteristiche dei un contratto di noleggio a lungo termine e tale contestazione vale come disconoscimento).

Corte appello Roma sez. III, 27/04/2018, n.2740

Noleggio di imbarcazioni

In tema di locazione di immobili urbani adibiti ad uso diverso da quello di abitazione, i diritti di prelazione e riscatto spettano soltanto se l’attività svolta nell’immobile implica il contatto diretto con il pubblico degli utenti e dei consumatori.

Stante la mancata tempestiva contestazione dell’odierna appellante sul punto, deve ritenersi che sul terreno in questione la società appellata svolgesse attività sia di rimessaggio che di noleggio imbarcazioni, in particolare, non risultando manufatti che, all’epoca del contratto di vendita, delimitassero o evitassero l’accesso al pubblico, ben può ritenersi che sul terreno in questione venisse comunque svolta quella parte di attività di noleggio e rimessaggio comportante necessariamente contatti diretti con il pubblico, pur ammettendo la destinazione del medesimo terreno anche alla mera custodia o alla mera riparazione di imbarcazioni.

Corte appello Genova sez. I, 09/02/2018, n.77

Noleggio di autovetture senza conducente

In tema di determinazione dei coefficienti di ammortamento, poiché l’attività di noleggio di autovetture senza conducente non integra un contratto di trasporto ma si sostanzia nella stipulazione di contratti di locazione con i quali il noleggiatore concede l’utilizzo di una cosa mobile all’altra parte verso corrispettivo per un determinato periodo, ad essa non si applica il coefficiente del 30 per cento del costo delle autovetture utilizzate, previsto dalla tabella allegata al d.m. 31 dicembre 1988 per i “Servizi di trasporto persone con autovettura da piazza e da rimessa”- voce “Autovetture in genere (servizio pubblico)”, bensì quello inferiore del 25 per cento indicato dalla voce residuale “Autoveicoli, motoveicoli e simili”.

Cassazione civile sez. trib., 04/10/2017, n.23145

Noleggio di beni ed utenze, tra cui l’energia elettrica

In tema di accise sul consumo di energia elettrica ed addizionale provinciale, l’art. 53, comma 2, lett. a), del d.lgs. n. 504 del 1995, nel testo applicabile “ratione temporis”, ha ad oggetto una fattispecie di intermediazione nello scambio oneroso dell’energia elettrica, senza che rilevi, ai fini tributari, lo specifico schema negoziale utilizzato od incida l’eventuale contestuale cessione di altre utilità, sicché, qualora nel medesimo sito industriale insista una pluralità di aziende alimentate con contratto onnicomprensivo (contratto di “service”, con messa a disposizione di locali, servizi vari, noleggio di beni ed utenze, tra cui l’energia elettrica), il prestatore del servizio, ancorché sprovvisto di licenza, va qualificato come soggetto passivo dell’imposta e l’esenzione di cui all’art. 52, comma 2, lett. o bis, del d.lgs. cit. (poi sostituito dall’art. 52, comma 3, lett. f) del medesimo d.lgs.), va computata in capo a ciascun soggetto separatamente.

Cassazione civile sez. trib., 20/09/2017, n.21816

Noleggio per il trasporto di merci

In tema di trasporti marittimi, la sottoscrizione della polizza di carico non può assumere, “ex se”, il valore di accettazione di un clausola compromissoria per arbitrato estero in mancanza di espresso e specifico richiamo a quest’ultima, trattandosi di pattuizione da stipularsi per iscritto e, quindi, in una forma che condiziona la possibilità di delibazione del lodo eventualmente ottenuto dalla parte interessata, secondo le previsioni in tal senso desumibili dall’art. II della Convenzione di New York del 10 giugno 1958, resa esecutiva in Italia con l. n. 62 del 1968. (Nella specie, la polizza di carico, richiamante la clausola arbitrale contenuta in un contratto di noleggio per il trasporto di merci, era stata firmata esclusivamente dal comandante della nave).

Cassazione civile sez. VI, 19/09/2017, n.21655

Noleggio con conducente

In tema di noleggio con conducente (ncc), l’esistenza di un contratto di appalto, in virtù del quale l’autovettura adibita al servizio di autonoleggio sia a disposizione dei clienti del committente in giorni ed orari predeterminati, esclude l’assimilazione della prestazione a quella svolta dai taxi – per essere la stessa rivolta a potenziali fruitori chiaramente identificabili e non ad una indifferenziata platea – e, conseguentemente, l’illecito amministrativo di esercizio di attività di autonoleggio con conducente in contrasto con le prescrizioni contenute nell’autorizzazione e nella normativa di settore.

(Nella specie, la S.C. ha riformato la sentenza impugnata che, confermando il verbale di contravvenzione ivi opposto, aveva ritenuto illecita la sosta, su area pubblica nei pressi di una discoteca, di vetture autorizzate al servizio di ncc, nonostante i relativi conducenti, alla stregua dei contratti di appalto prodotti e conclusi con il gestore del locale, fossero in attesa di prelevare, all’esterno di esso e nelle ore concordate, i clienti che avevano a propria volta commissionato, prenotandolo, il servizio al gestore della discoteca).

Cassazione civile sez. II, 19/05/2017, n.1267

Impianti sportivi: noleggio dei campi

Sotto il profilo degli obblighi nascenti a carico del gestore di un impianto sportivo dal contratto di noleggio dei campi e della messa a disposizione delle connesse strutture e servizi, cioè dal punto di vista della responsabilità contrattuale, il titolare dell’impianto assume l’impegno di garantire la buona manutenzione dei campi da gioco e delle relative strutture, in modo da prevenire situazioni di pericolo, predisponendo le opportune protezioni e segnalazioni.

A siffatti incombenti non può tuttavia darsi un’estensione tale da far ricadere sul gestore la responsabilità della non appropriata condotta degli utenti, tutte le volte in cui da questa sia derivato un danno a terzi..

Tribunale Grosseto, 09/01/2017, n.11

Trasporto di persone mediante autoservizi

In ordine all’applicabilità della legge n. 21 del 1992 alle nuove forme di organizzazione e gestione telematica del trasporto di persone mediante autoservizi, deve ritenersi che le nuove tipologie di servizi di trasporto siano qualificabili nell’ambito del trasporto privato di persone non di linea, attesa l’evidente incompatibilità con i tratti costitutivi del servizio pubblico e, comunque, con il servizio di taxi, né ciò osta alla rilevanza pubblicistica delle medesime, analogamente a quanto avviene per il servizio di noleggio di autovettura con conducente.

Consiglio di Stato sez. I, 23/12/2015, n.757



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube