L’esperto | Articoli

Incapacità a testimoniare: ultime sentenze

2 Luglio 2019
Incapacità a testimoniare: ultime sentenze

In questo articolo, troverai le ultime sentenze su: incapacità a testimoniare; persone aventi interesse al giudizio; prova testimoniale civile; deposizione del legale rappresentante; coinvolgimento della persona chiamata a deporre; incapacità a testimoniare del lavoratore; incapacità di due parti a rendersi reciproca testimonianza in cause connesse per identità di questioni.

Chi è incapace di testimoniare? In quali casi le deposizioni non sono attendibili? Leggi le ultime sentenze sull’incapacità a testimoniare.

Incapacità a testimoniare: in cosa consiste?

L’incapacità a testimoniare, prevista dall’art, 246, si identifica con l’interesse a proporre la domanda od a contraddirvi di cui all’art. 100 c.p.c. sussistente in capo al soggetto titolare di un diritto che lo legittimerebbe a partecipare al giudizio in una qualsiasi veste (legittimazione attiva o passiva, anche in linea alternativa o solidale, primaria o secondaria, interventore volontario o su istanza di parte). In altre parole sono esclusi dall’esperimento della prova testimoniale tutti quei soggetti terzi che a qualsiasi titolo potrebbero divenire parte del processo.

Tribunale Bari, 26/07/2018, n.3303

Inconciliabilità tra la veste di parte e di testimone

Il principio di inconciliabilità della veste di testimone con quella di parte, enunciato con riferimento alle persone fisiche, ha un portata minore per quel che concerne le persone giuridiche; conseguentemente, ferma restando l’incapacità a testimoniare della persona fisica che per statuto abbia la rappresentanza legale della società, la relativa eccezione di nullità della testimonianza deve essere proposta al più tardi dopo la sua assunzione o all’udienza successiva, in caso di mancata presenza del procuratore della parte interessata.

(Nella specie la S.C. ha cassato la sentenza perché il giudice del merito aveva dedotto d’ufficio l’incapacità a testimoniare del rappresentante legale della società senza la necessaria e tempestiva eccezione della controparte).

Cassazione civile sez. II, 23/07/2018, n.19498

Nullità della testimonianza

In tema di testimonianza, la nullità della testimonianza resa da persona incapace deve essere eccepita subito dopo l’espletamento della prova, ai sensi dell’art. 157, comma 2, c.p.c. (salvo il caso in cui il procuratore della parte interessata non sia stato presente all’assunzione del mezzo istruttorio, nella quale ipotesi la nullità può essere eccepita nell’udienza successiva), sicchè, in mancanza di tale tempestiva eccezione, la nullità deve intendersi sanata, senza che la preventiva eccezione d’incapacità a testimoniare, proposta a norma dell’art. 246 c.p.c., possa ritenersi comprensiva dell’eccezione di nullità delle testimonianze comunque ammesse ed assunte nonostante quella previa opposizione.

Alla stregua di tale principio, la convenuta avrebbe dovuto dedurre e dimostrare di avere eccepito la nullità della contrastata deposizione testimoniale all’atto stesso della sua assunzione, o immediatamente dopo, vale a dire all’udienza successiva, non essendo il procuratore di Unipol stato presente all’assunzione della prova orale, senza limitarsi ad invocare la violazione in questione per la prima volta nelle note conclusive.

Tribunale Lucca, 17/07/2018, n.1162

Nullità della testimonianza della persona incapace

Ai sensi dell’art. 157, comma, 2 c.p.c., la nullità della testimonianza resa da persona incapace ha natura relativa e deve essere eccepita subito dopo l’espletamento della prova; nella specie, per il teste è mancata in verbale la relativa tempestiva e puntuale eccezione, sicchè la nullità della relativa deposizione deve intendersi sanata per acquiescenza, atteso che la preventiva eccezione di incapacità a testimoniare (nel caso di specie peraltro mai sollevata a norma dell’art. 246 c.p.c. e proposta solo in appello), non può ritenersi a sua volta comprensiva dell’eccezione di nullità della testimonianza, comunque ammessa ed assunta nonostante la previa opposizione ( che nel caso in esame nemmeno c’è stata).

Corte appello Firenze sez. II, 11/04/2018, n.857

Incapacità a deporre: quando si verifica?

L’incapacità a deporre prevista dall’art. 246 c.p.c. si verifica quando il teste è titolare di un interesse personale, attuale e concreto, tale da legittimarlo a partecipare al giudizio nel quale è richiesta la sua testimonianza con riferimento alla materia che ivi è in discussione.
La valutazione della sussistenza o meno dell’interesse che dà luogo ad incapacità a testimoniare è rimessa – così come quella inerente l’attendibilità del teste e la rilevanza della deposizione – al giudice del merito, ed è insindacabile in sede di legittimità ove congruamente motivata.

Cassazione civile sez. II, 05/01/2018, n.167

Risarcimento danni da sinistro stradale e incapacità a testimoniare

Il terzo trasportato non è legittimato a testimoniare nel giudizio instaurato dal danneggiato finalizzato al risarcimento dei danni da questi riportati a seguito del sinistro, in quanto titolare di un’interesse che ne potrebbe legittimare la partecipazione al giudizio, in qualsiasi veste, non esclusa quella di interventore adesivo e tale legittimazione non è riacquistata neanche a seguito di una fattispecie estintiva del diritto quale la transazione o la prescrizione, in quanto l’incapacità a testimoniare va valutata prescindendo dalle vicende che costituiscono un posterius rispetto alla configurabilità dell’interesse a partecipare al giudizio che la determina, con la conseguenza che la fattispecie estintiva eventualmente opponibile non può impedire la partecipazione al giudizio del titolare del diritto che ne è colpito e non può renderlo carente dell’interesse previsto dall’art. 246 c.p.c. come causa di incapacità a testimoniare.

Tribunale Bologna sez. III, 16/11/2017, n.21015

Nullità della deposizione

L’incapacità a testimoniare derivante dalla esistenza, in un soggetto, della qualità di parte, anche virtuale, e di testimone, e che determina la nullità della stessa ai sensi dell’art. 246 cod. proc. civ., essendo posta a tutela dell’interesse delle parti, deve essere eccepita dalla parte interessata al momento dell’espletamento del mezzo di prova o nella prima difesa successiva, altrimenti la nullità dell’assunzione resta definitivamente sanata per acquiescenza.

Ne segue l’inammissibilità, in quanto concernente una questione per la prima volta dedotta con la sola impugnazione, della proposta eccezione, allorchè la sentenza impugnata non tratti di tale questione e l’appellante non deduca di avere tempestivamente eccepito la nullità della deposizione.

Tribunale Salerno sez. II, 25/07/2017, n.3762

Qual è l’interesse che dà luogo all’incapacità a testimoniare?

L’interesse che dà luogo all’incapacità a testimoniare è solo quello giuridico, personale, concreto ed attuale, che comporta una legittimazione principale a proporre l’azione ovvero una legittimazione secondaria ad intervenire in un giudizio già proposto da altri cointeressati. La ratio sottesa all’art. 246 c.p.c. consiste nell’evitare che una testimonianza possa essere resa da un soggetto legittimato a divenire parte del processo, o in via principale o quale intervenuto.

Quindi, l’incapacità a testimoniare riflette l’interesse ad agire quale condizione dell’azione che legittima, appunto sia l’azione in via principale, che un possibile intervento in un processo già pendente.

Tribunale Reggio Emilia sez. II, 19/07/2017, n.760

Dipendenti bancari

È infondata l’eccezione di incapacità a testimoniare dei testi escussi, quali dipendenti o funzionati dell’intermediario. Infatti, in materia, non è sufficiente che il funzionario o il dipendente bancario abbia mantenuto con il cliente rapporti da cui sono originate poi le pretese risarcitorie, per determinare la loro incapacità a testimoniare o ritenerli titolari di un interesse che ne giustifichi la partecipazione al giudizio. Il dipendente della banca che ha dato corso all’operazione impugnata dall’investitore ha un interesse riflesso e di mero fatto all’esito della causa e non può pertanto essere ritenuto incapace a testimoniare, anche se la sua deposizione dovrà essere valutata sulla base di elementi oggettivi e soggettivi.

Tribunale Ravenna, 03/07/2017, n.628

Oggetto della vertenza

L’incapacità a testimoniare è correlabile soltanto a un diretto coinvolgimento della persona chiamata a deporre nel rapporto controverso, tale da legittimare una sua assunzione della qualità di parte in senso sostanziale o processuale nel giudizio, e non già alla ravvisata sussistenza di un qualche interesse di detta persona in relazione a situazioni e a rapporti diversi da quello oggetto della vertenza, anche in qualche modo connessi (nella specie, è stato ritenuto capace di testimoniare il lavoratore che aveva querelato il ricorrente, quale autore dell’aggressione subita).

Cassazione civile sez. lav., 22/04/2016, n.8180

Omesso pagamento di contributi previdenziali

Nel giudizio tra datore di lavoro ed ente previdenziale, avente ad oggetto il mancato pagamento di contributi, qualora sorga contestazione sull’esistenza del rapporto di lavoro subordinato, presupposto dell’obbligo contributivo, sussiste l’incapacità a testimoniare del lavoratore i cui contributi siano stati omessi; ciò non esclude, tuttavia, che il giudice, avvalendosi dei poteri conferitigli dall’art. 421 c.p.c., possa interrogarlo liberamente sui fatti di causa.

Cassazione civile sez. lav., 25/01/2016, n.1256

L’eccezione di incompatibilità di un teste

È legittima l’eccezione di incompatibilità di un teste, e di conseguenza la sua incapacità a testimoniare, sollevata nel giudizio di primo grado e rigettata dal giudice che ne ha utilizzato la deposizione in sentenza, quando trattasi di progettista e direttore dei lavori di manufatti affetti da vizi e il giudizio ha ad oggetto il risarcimento dei danni per tali difformità poiché il teste predetto avrebbe potuto assumere la veste di legittimato passivo nella controversia dato che il provvedimento ex art. 246 c.p.c. va assunto con valutazione ex ante e non ex post.

Tribunale Grosseto, 01/10/2015, n.859



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube