Tech | Articoli

Chat cancellate: come scoprire se il partner ti tradisce

3 Giugno 2019
Chat cancellate: come scoprire se il partner ti tradisce

Marito e moglie: come scoprire una relazione segreta tramite WhatsApp e lo smartphone. Tutte le “falle” che consentono di sapere con chi chatti o parli.

Chi ha qualcosa da nascondere, di solito, cancella le prove. Lo sanno i possessori di smartphone che, al rientro a casa, si guardano bene dal conservare le lunghe chat di discussioni con l’amante. Una strisciata del dito sul display del cellulare e l’intera conversazione scompare per sempre. Ma sei davvero sicuro di ciò? Le cose non stanno esattamente in questo modo. Se hai utilizzato WhatsApp per scambiare, con la tua (o il tuo) amante, una serie di foto e immagini, video e audio, sappi che ora puoi essere facilmente scoperto. La nota chat di messaggistica – balzata di recente alle cronache per la falla ai sistemi di sicurezza, in grado di infettare il telefonino – può infatti rivelare al coniuge o al partner le tue “preferenze”, ossia i contatti con cui dialoghi di più. Possibile? Assolutamente sì. Ecco come fare e, in caso di chat cancellate, come scoprire se il partner ti tradisce.

WhatsApp: il trucco per scoprire se il partner ti tradisce

Esiste un trucco, su WhatsApp, che ti consente di scoprire se il partner ti tradisce. A differenza di quanto comunemente si crede, cancellare le chat non consente di eliminare tutte le prove delle conversazioni segrete; queste possono essere riportate a galla anche in un successivo momento. Ecco come.

Vai nel menu di WhatsApp e clicca sulla voce impostazioni. Di lì, clicca su utilizzo dati e archivio, contenente lo storico di tutti i dati delle chat. Clicca poi su Utilizzo archivio. Qui è contenuto un indice – che non può essere cancellato o resettato – con l’indicazione, in ordine decrescente, dei contatti della rubrica telefonica con cui si è scambiato un maggior numero di messaggi, calcolati sulla base dei bytes “utilizzati”. È chiaro quindi che, tanto maggiore è il numero di messaggi e dati scambiati con l’amante, tanto maggiori sono le possibilità che il suo contatto salga in testa alla lista e venga in bella evidenza. Le cose diventano ancora più complicate quando si è soliti scambiare foto, audio e video perché, come noto, in tali ipotesi vengono impiegati numerosi megabytes. A quel punto, sarà difficile togliere il contatto dalla posizione di vertice, salvo resettare l’intera app. Il che significa che, se il partner dovesse chiederti di mostrargli la lista in questione, dovresti trovare una buona scusa per giustificare la presenza di una determinata persona nell’elenco dei preferiti.

Gli altri metodi per scoprire se il partner ti tradisce

Esistono ulteriori metodi per scoprire un tradimento tramite il cellulare. Fermo restando che la legge vieta di impossessarsi del telefonino altrui o anche solo di spiarlo – costituendo ciò una violazione della privacy e quindi un reato – resta il fatto che, secondo alcuni tribunali, prendere in mano il cellulare che il convivente ha lasciato sul divano o in un altro posto comune, non è illegale. Infatti, nell’ambito di una convivenza, la sfera della privacy si riduce nell’ambito dei posti comuni alla coppia. Chi vuol proteggere dalle altrui interferenze i propri segreti deve custodirli in un posto personale (ad esempio il cassetto della scrivania). Non ci si può quindi lamentare se, avendo dimenticato lo smartphone sul tavolo della cucina, il coniuge lo va a guardare.

Detto ciò, vediamo quali altri sistemi esistono per scoprire, dal telefonino, eventuali tradimenti. Avevamo fornito il lungo elenco nell’articolo Come scoprire un tradimento con lo smartphone. Non c’è bisogno di spiare la cronologia delle telefonate. Se clicchi sull’icona di WhatsApp che serve per scrivere un nuovo messaggio, l’app ti suggerisce subito alcuni contatti, quelli con cui hai il maggior numero di conversazioni. Si tratta di una piccola lista “preferiti” che purtroppo non puoi eliminare. Quindi, se anche hai provveduto a cancellare tutte le conversazioni precedenti, Whatsapp si ricorda del tuo passato. 

Stesso discorso per Messanger: quando vai sulla nota app di messaggistica collegata a Facebook, appaiono i contatti frequenti.

Ricordati poi che “cestinare non significa cancellare”: quando strisci il dito sulla chat questa viene inserita nell’archivio, ma non eliminata del tutto dal tuo device. Per distruggere definitivamente le prove devi cliccare, in alto sullo schermo, sulla voce chat archiviate e di lì cancellarle per sempre. 

Stesso discorso vale per le fotografie: chi si scatta un selfie per mandarlo all’amante, deve sapere che molti cellulari contengono una cartella con le foto cancellate. Cartella che rimane visibile a tutti fino a definitivo svuotamento, che però deve avvenire manualmente. 


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA