Politica | Articoli

Tagli alla politica: i ministri non avranno più il doppio stipendio

30 Aprile 2013 | Autore:
Tagli alla politica: i ministri non avranno più il doppio stipendio

Letta annuncia la fine degli stipendi doppi e promette nuovi tagli sui costi della politica: verità o fumo negli occhi?

Va di moda parlare dei tagli alla politica: la misura è colma e il consenso popolare passa per la riduzione dei costi e degli sprechi.

In genere, ciò di cui il politico viene privato, gli è poi restituito sotto diversa forma: vedasi l’abolizione dei finanziamenti ai partiti, reintrodotti sotto forma di rimborsi elettorali. Come dire: ciò che esce dalla porta rientra dalla finestra.

Tuttavia, se a parlare di tagli è il fresco Presidente del Consiglio Letta, viene quasi da prenderlo sul serio. E così, pare che il primo decreto del governo servirà proprio ad impedire che i ministri percepiscano sia lo stipendio da ministro che quello da parlamentare: in parole povere, saranno aboliti i doppi stipendi.

L’opera di moralizzazione della politica parte da qui. Questa manovra consentirà di risparmiare somme ingenti. Ma, a ben vedere, rappresenta la classica pagliuzza nell’occhio rispetto alla trave nascosta di dietro.

Che dire ad esempio del fatto che tutti gli ex presidenti di Camera e Senato, per i dieci anni successivi al loro mandato, hanno diritto ad auto blu e uffici con personale al seguito?

O del fatto che Senatori e Deputati non rieletti, oltre a un vitalizio da sogno, ricevono il cosiddetto “assegno di solidarietà (o di fine mandato)”: somme di denaro a sei cifre (cinque se va male) e, per giunta, esentasse [1]? Lo scopo di questa buonuscita sarebbe quello di consentire al politico il reinserimento nel mondo del lavoro. Come se ne avesse bisogno…

La rinuncia dei presidenti delle Camere al 30% della retribuzione e i propositi del nuovo premier sono un punto da cui partire. Ma siamo ancora ben lontani dal fatidico vestito nuovo che la politica deve indossare. Per ora, semmai, si punta a rattoppare quello vecchio, ricucendo lo strappo creatosi tra elettori ed eletti, nella speranza che non sia solo fumo negli occhi.


note

[1] Corrispondenti all’80% dell’importo mensile lordo dell’indennità, moltiplicato per gli anni di effettivo mandato.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube