L’esperto | Articoli

Pignoramento pensione: ultime sentenze

1 Luglio 2019
Pignoramento pensione: ultime sentenze

Le ultime sentenze su: pignoramento del saldo di conto corrente presso istituto di credito; redditi da lavoro o da pensione versati in conto; tutela del pensionato; sistema delle garanzie a favore del pensionato; minimo vitale; pignoramento della pensione; trattamenti pensionistici; impignorabilità parziale.

Mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice

L’errore su legge diversa da quella penale di cui all’art. 47, comma terzo, cod. pen., non rileva nel caso di norme da ritenersi incorporate nel precetto penale, fra le quali rientrano quelle che attribuiscono ad un bene il carattere della pignorabilità, trattandosi di disposizioni che, in quanto espressamente richiamate dall’art. 388, comma sesto, cod. pen., attraverso lo specifico riferimento alle cose o ai crediti “pignorabili”, ne costituiscono parte integrante.

(Fattispecie in cui la Corte ha ritenuto esente da censure la sentenza di condanna emessa in ordine al delitto di cui all’art. 388, comma sesto, cod. pen. per avere l’imputato, in qualità di debitore sottoposto a pignoramento mobiliare, dichiarato falsamente di non possedere beni pignorabili, ritenendo erroneamente che la propria pensione fosse impignorabile).

Cassazione penale sez. VI, 31/05/2016, n.27941

Esecuzione mobiliare presso il debitore e presso terzi

Sono inammissibili, per aberratio ictus, le questioni di legittimità costituzionale degli artt. 12, comma 2, d.l. 6 dicembre 2011, n. 201 e 3, comma 5, lett. b), d.l. 2 marzo 2012, n. 16, censurati per violazione degli artt. 3 e 38, comma 2, Cost., in quanto consentono al creditore di pignorare per intero i redditi da lavoro o da pensione, una volta che essi siano versati nel conto corrente intestato al debitore.

Il principio di tutela del pensionato di cui all’art. 38, comma 2, Cost. soffre, in relazione al quadro normativo vigente, gravi limitazioni suscettibili di comprimerlo oltre i limiti consentiti dall’ordinamento costituzionale.

La combinazione di diverse norme, pure dirette a garantire valori importanti quali la tutela delle ragioni di credito e l’effettività della responsabilità patrimoniale, ha generato interrelazioni che rendono incoerente il sistema delle garanzie a favore del pensionato, qualora i mezzi destinati alla fruizione di un diritto sociale incomprimibile per la semplice confluenza nel conto corrente bancario o postale, perdono il carattere di indisponibilità in relazione a misure cautelari ed espropriative. Il vulnus riscontrato e la necessità che l’ordinamento si doti di un rimedio effettivo per assicurare condizioni di vita minime al pensionato impongono la necessità che lo stesso legislatore dia tempestiva soluzione al problema.

Corte Costituzionale, 15/05/2015, n.85

Beni impignorabili o relativamente pignorabili

A seguito della pronuncia di illegittimità costituzionale dell’art. 128 del r.d. n. 1827 del 1935, che stabiliva l’impignorabilità dei trattamenti di pensione, la mancata determinazione da parte del legislatore della misura del “minimo vitale” del trattamento comporta che l’indagine circa la sussistenza o l’entità della parte di pensione, necessaria per assicurare al pensionato mezzi adeguati alle sue esigenze di vita, sia rimessa alla valutazione in fatto del giudice dell’esecuzione, incensurabile in cassazione se logicamente e congruamente motivata.

In particolare, è illegittimo il pignoramento della pensione presso il terzo Cassa Forense quando il titolo sia ormai venuto meno, in quanto gli effetti della decisione che esclude il diritto al mantenimento non possono comportare la ripetibilità delle somme a quel titolo corrisposte, ma – ove non corrisposte – non ne consentono la rivendicazione per la caducazione del titolo esecutivo.

Tribunale Roma, 12/09/2012, n.17124

L’impignorabilità parziale di trattamenti pensionistici

L’impignorabilità parziale di trattamenti pensionistici, è posta a tutela dell’interesse di natura pubblicistica consistente nel garantire al pensionato i mezzi adeguati alle proprie esigenze di vita (art. 38 cost.) e tale finalità è ancora più marcata dopo l’entrata in vigore della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, efficace dal 1 dicembre 2009 (data in cui è entrato in vigore il trattato di Lisbona), che, all’art 34, comma 3, garantisce il riconoscimento del diritto all’assistenza sociale al fine di assicurare un’esistenza dignitosa a tutti coloro che non dispongano di risorse sufficienti.

Ne consegue che il pignoramento della pensione eseguito oltre i limiti consentiti è radicalmente nullo per violazione di norme imperative e la nullità è rilevabile d’ufficio senza necessità di un’eccezione o di un’opposizione da parte del debitore esecutato.

(Nella specie, la S.C. ha dichiarato l’applicabilità di tale regime anche alla pensione erogata dall’Enasarco ai sensi dell’art. 28, comma 1, l. 2 febbraio 1973 n. 12, qualificata parzialmente impignorabile dalla Corte cost. con la pronuncia n. 183 del 2009).

Cassazione civile sez. III, 22/03/2011, n.6548

Cosa cono i crediti qualificati?

A tutela dei crediti da danno erariale, è consentita la sequestrabilità e la pignorabilità degli stipendi, dei salari e delle retribuzioni equivalenti nonché delle pensioni, in quanto gli stessi devono considerarsi “crediti qualificati”; legittimano quindi – alla luce delle decisioni e dei principi generali fissati dalla Corte costituzionale – l’assoggettamento a pignoramento, e a sequestro, nei limiti del quinto dell’intero ammontare della pensione.

Corte Conti reg., (Emilia-Romagna) sez. giurisd., 23/05/2006, n.644

Quota della pensione assoggettabile a pignoramento

A seguito della dichiarazione di incostituzionalità delle norme che sancivano l’impignorabilità delle pensioni, in assenza di una norma che determini la quota della pensione assoggettabile a pignoramento, secondo le indicazioni della Corte costituzionale nella sentenza n. 506 del 2002, al fine di assicurare al pensionato mezzi adeguati alle esigenze di vita, le pensioni sono da ritenersi in concreto tuttora non pignorabili.

Tribunale Como, 25/11/2003

Pignoramento di pensione Inps

Le sentenze di accoglimento di una questione di legittimità costituzionale pronunciate dalla Corte cost. hanno effetto retroattivo, con l’unico limite delle situazioni consolidate per essersi il relativo rapporto definitivamente esaurito, potendosi, in proposito, legittimamente ritenere « esauriti » i soli rapporti rispetto ai quali si sia formato il giudicato, ovvero sia decorso il termine prescrizionale o decadenziale previsto dalla legge.

(Nella specie, la S. C., accogliendo il ricorso, ha dichiarato che, essendo intervenuto un giudicato sull’inammissibilità di un’istanza di assegnazione di un credito sul presupposto dell’impignorabilità assoluta di una pensione Inps, non poteva trovare efficacia la sopravvenuta sentenza della Corte cost. n. 506 del 2002, che aveva dichiarato la illegittimità costituzionale delle norme specifiche nella parte in cui le stesse prevedevano l’impignorabilità assoluta dei trattamenti pensionistici).

Cassazione civile sez. III, 06/05/2010, n.10958

Pignoramento della pensione oltre i limiti consentiti

Il vigente regime di impignorabilità della pensione ai sensi e nei limiti di cui all’art. 69 l. n. 153 del 1969 è stabilito nell’interesse pubblico e perciò il pignoramento di essa, fuori dei limiti consentiti, è assolutamente nullo per violazione di norme imperative e tale nullità è rilevabile dal giudice anche di ufficio, e quindi indipendentemente dall’opposizione del debitore.

Tribunale Como, 06/11/2000



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

7 Commenti

  1. Ho letto il vostro art. sul pignoramento della pensione, sono rimasto affascinato dalle vostre spiegazioni, non ho parole, voi pensate che i pensionati sono tutti Avvocati? come si fa ha capire un racconto pieno di art. senza un minimo di esempio vero da capire in modo naturale il meccanismo che circonda il pignoramento? allora la prossima volta sono gli esempi chiari che dovete far vedere hai almeno per i poveri pensionati che di leggi e art. non sanno niente grazie

    1. Sei capitato in un articolo dove ci sono solo le ultime sentenze. Devi cercare le spiegazioni sul portale che parlano di pignoramento pensione.

    2. Buonasera. Questo articolo raccoglie le ultime pronunce dei giudici sull’argomento. Per leggere gli articoli in cui il pignoramento della pensione è approfondito e spiegato in parole semplici dai nostri specialisti, può cliccare qui https://www.laleggepertutti.it/288034_pignoramento-pensione-limiti In questo articolo, abbiamo spiegato quali sono le regole sui limiti di pignoramento della pensione. Per approfondire l’argomento, consigliamo anche la lettura di questo articolo: Pignoramento pensione reversibilità https://www.laleggepertutti.it/280124_pignoramento-pensione-reversibilita

  2. ..presumo che il pignoramento pensione continui a seguire la normativa del 27 giugno 2015, o sbaglio?…Grazie.

  3. Ma quand’è che alzano il minimo vitale? 680 EURO per vivere, vi sembra una cifra equa? Già Berlusconi nel 2008 riteneva giusto MILLE euro al mese per vivere. Parlano di salario minimo,,pensione e reddito di cittadinanza……..poi permettono che sia pignorato.VERGOGNA.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube