Diritto e Fisco | Articoli

«Ti tolgo i figli» è minaccia?

11 Giugno 2019
«Ti tolgo i figli» è minaccia?

Liti sull’affidamento dei figli: quando le frasi di vendetta e ripicca tra genitori sono reato.

La classica scena a seguito di una separazione: lui o lei, adirato con l’ex coniuge, gli grida: «Vedrai… ti tolgo i figli». Una persona normale risponderebbe «Lo vedremo». Invece, c’è stato chi si è sentito minacciato ed è andato a sporgere denuncia. 

Ora sappiamo che, per il diritto, la minaccia scatta solo quando il male prospettato è ingiusto e dipende dall’autore della frase. Dire, ad esempio, «Ti ammazzo» è una minaccia perché risponde ad entrambi i requisiti. Ma dire «ti tolgo i figli» è minaccia? La risposta è stata data dalla Cassazione [1].

La Corte ricorda, a chi ha la memoria corta e cerca ogni appiglio per avviare una battaglia giudiziaria, che a decidere l’affidamento e la collocazione dei figli è solo il giudice. È a lui che spetta la decisione finale in merito alle capacità dei genitori e alle eventuali responsabilità che potrebbero determinare la perdita della potestà. Questo significa che dire «ti tolgo i figli» non può considerarsi una minaccia proprio perché l’evento, anche se ingiusto, non dipende da chi parla.

È un po’ come dire: «Che la peste ti colga» o ancora «Ti auguro di morire per una brutta malattia tra atroci sofferenze»: di certo, non si tratta di una frase gentile, né il male prospettato si può dire giusto, ma il suo verificarsi è subordinato ad eventi indipendenti dall’opera dell’uomo. Ciò che invece dipende dalla propria volontà («Ti faccio nero di botte») è sicuramente minaccia.

Ecco che, proprio per queste motivazioni, la Cassazione ha detto che dire «ti tolgo i figli» non solo non è una minaccia, ma è pienamente legale. Del resto, diversamente ragionando, nessuno potrebbe dire a un’altra persona «Ti faccio causa» o «Ti trascino in tribunale», azioni invece che costituiscono l’esercizio di un diritto fondamentale – quello alla difesa giudiziaria – riconosciuto dalla Costituzione. 

Incredibile è piuttosto che, per una vicenda del genere, ci sia stato bisogno di arrivare in Cassazione per sentire definitivamente pronunciare l’assoluzione. Invece, secondo il legale della signora – a cui il marito aveva minacciato di toglierle il figlio – «si trattava di frasi fortemente lesive della dignità personale della donna ed in grado di intimorirla gravemente, andando a toccare profili delicati della vita personale». 

Offese, invece, del tutto prive di valenza minatoria, risponde la Cassazione, tanto più che i fatti profilati come forieri di conseguenze pregiudizievoli per la madre non dipendevano dalla sola volontà dell’ex marito.

L’insegnamento vale per qualsiasi altro caso simile: prima di denunciare per minaccia bisogna interrogarsi non tanto sul proprio stato soggettivo e sul timore che si è subito, ma sull’oggettiva valenza intimidatoria della frase in contestazione. 


note

[1] Cass. sent. n. 25596/19 del 10.06.2019.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube