Diritto e Fisco | Articoli

Facebook può usare le mie foto?

14 Luglio 2019 | Autore:
Facebook può usare le mie foto?

Immagini su Facebook: possono essere utilizzate da altri? Facebook può riutilizzare le foto che condividi sul social? Cosa può farne?

Facebook conta oltre due miliardi di utenti iscritti: ciò significa che, al mondo, circa una persona su tre ha un profilo Facebook. Un vero e proprio pianeta parallelo e virtuale, che si sviluppa grazie alle esperienze e alle informazioni che spontaneamente vengono condivise da tutti coloro che partecipano al più grande social network esistente. Il problema di prendere parte ad un fenomeno così esteso riguarda la riservatezza degli utenti non solo da attacchi da parte di hacker, ma anche dalla possibilità che sia la stessa piattaforma a fare un uso distorto dei dati personali. In particolare, ti sei mai chiesto se Facebook può usare le tue foto?

In altre parole, l’immagine di profilo che hai caricato al momento dell’iscrizione, nonché tutte le altre che costantemente condividi sul social, possono essere utilizzate da Facebook per i propri scopi commerciali? È quello che intendo spiegarti con il presente articolo. Se sei interessato all’argomento e hai cinque minuti di tempo, mettiti comodo e prosegui nella lettura: vedremo se Facebook può utilizzare le foto condivise.

Facebook può utilizzare le immagini condivise?

La risposta alla domanda di fondo di questo articolo («Facebook può usare le mie foto») si trova all’interno delle condizioni di utilizzo del social network di Zuckerberg. Se dal tuo profilo accedi a tali condizioni, troverai scritto che la condivisione di un’immagine o di qualsiasi altro documento o informazione all’interno di Facebook autorizza la piattaforma al loro utilizzo.

Quando l’utente condivide, pubblica o carica un contenuto coperto da diritti di proprietà intellettuale (ad esempio, la propria foto oppure un filmato), concede una licenza (non esclusiva e trasferibile) per la trasmissione, l’uso, la distribuzione, la modifica, la copia e la visualizzazione, la traduzione e la creazione di opere derivate dei propri contenuti, nel rispetto della privacy e delle impostazioni scelte dall’utente.

In estrema sintesi, tutto questo significa che tutte le foto condivise su Facebook sono memorizzate dal social e possono da questo essere copiate e/o condivise con altri soggetti (sempre nel rispetto delle proprie impostazioni) appartenenti al gruppo Facebook (tipo WhatsApp, Messenger, Instagram, ecc.). In pratica, la tua spontanea condivisione dà il consenso a Facebook di poter utilizzare la tua foto, i tuoi video, le tue informazioni, ecc.

Ovviamente, deve trattarsi di un utilizzo lecito: se Facebook sfruttasse le tue foto per rivenderle come proprie oppure la tua immagine per compiere o favorire una sostituzione di persona, commetterebbe un illecito. Ed infatti, come ti spiegherò anche nel prossimo paragrafo, la licenza concessa a Facebook non può violare le norme fondamentali sancite dalla legge e, in particolare, quelle sul diritto d’autore.

Chiunque può utilizzare le mie foto pubblicate su Facebook?

Il fatto che Facebook possa utilizzare le tue foto non significa che possa farlo chiunque. Se la tua partecipazione al social autorizza la piattaforma ad utilizzare ciò che condividi (soprattutto per fini pubblicitari), non vale lo stesso per le terze persone, cioè per gli altri utenti Facebook o, più in generale, per gli altri internauti.

Dunque, nessuno potrà fare il copia e incolla della tua immagine di profilo o di qualsiasi altra foto per farne ciò che vuole: occorre sempre il tuo consenso. Facebook, come detto, non ne ha bisogno perché l’autorizzazione è implicita nella condivisione della foto sul portale; ciò non vale però per tutti gli altri.

Ricorda bene, quindi, che la condivisione di una foto, di un’immagine o di qualsiasi altro contenuto non diventa di pubblico dominio per il solo fatto di aver effettuato la condivisione.

Cosa può fare Facebook con le mie foto?

Abbiamo detto che Facebook può utilizzare tutti i contenuti che tu condividi. All’interno della normativa sui dati, Facebook dice che raccoglie i contenuti, le comunicazioni e le altre informazioni che fornisci quando usi i suoi prodotti (Messenger, ecc.), nonché quando crei un account, crei o condividi contenuti e invii messaggi o comunichi con le altre persone.

Tutto ciò non significa che Facebook può fare ciò che vuole con i tuoi dati e con le tue foto. Facebook non potrebbe appropriarsi delle tue immagini per fini diversi: ad esempio, non è possibile attribuire una tua foto ad un’altra persona, perché si violerebbe il diritto d’autore.

Facebook utilizza le tue foto essenzialmente per fini pubblicitari e per migliorare i suoi servizi: pensa al riconoscimento facciale, che consente l’identificazione di una persona mediante una semplice foto, oppure alla geolocalizzazione di una fotografia.

In realtà, a Facebook interessano molto più gli altri dati che condividi, soprattutto quelli inerenti ai tuoi gusti commerciali, in modo tale da poterli girare alle imprese pubblicitarie. Ti sei mai chiesto perché, dopo aver messo un like ad una pagina Facebook, i banner pubblicitari (anche al di fuori del social) sponsorizzano immediatamente prodotti legati a quella precisa pagina o, comunque, appartenenti allo stesso genere?

note

Autore immagine: Unsplash.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA