Business | Articoli

Lavoro: concorso per la Marina Militare

2 Febbraio 2018
Lavoro: concorso per la Marina Militare

Requisiti di partecipazione, criteri di selezione e bando. C’è tempo fino al 1° marzo per la domanda

Il Ministero della Difesa ha istituito un bando pubblico per arruolare 38 Ufficiali in servizio permanente nei ruoli speciali dei Corpi della Marina Militare. Il concorso prevede una selezione per titoli ed esami. I vincitori saranno poi integrati presso il Corpo di Stato Maggiore, il Corpo del Genio della Marina, il Corpo di Commissariato Militare Marittimo e il Corpo delle Capitanerie di Porto, ognuno nel proprio ruolo. Il concorso, il cui avviso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale [1] prevede l’espletamento di alcune prove all’esito delle quali verranno redatte le graduatorie di merito per la copertura dei posti disponibili.

Marina Militare: i posti messi a concorso

Il bando per Ufficiali mette a concorso 38 posti, distribuiti nel seguente modo:

•          n. 13 posti nel Corpo di Stato Maggiore;

•          n. 15 posti nel Corpo del Genio della Marina, così ripartiti:

•          n. 5 posti nel genio navale – settore navale;

•          n. 2 posti nel genio navale – settore sommergibili;

•          n. 5 posti nella specialità armi navali;

•          n. 3 posti nella specialità infrastrutture;

•          n. 6 posti nel Corpo di Commissariato Militare Marittimo;

•          n. 4 posti nel Corpo delle Capitanerie di Porto.

 Marina Militare: i requisiti di partecipazione

Possono partecipare al concorso Marina Militare 2018 per Ufficiali determinate categorie di candidati: Ufficiali di Complemento della Marina Militare in congedo, Ufficiali in Ferma Prefissata, Ufficiali inferiori della Marina facenti parte delle Forze di Completamento, Sottufficiali appartenenti al ruolo dei Marescialli della Marina Militare, Sottufficiali appartenenti al ruolo dei Sergenti della Marina Militare, frequentatori dei corsi normali dell’Accademia Navale, idonei non vincitori di precedenti concorsi per la nomina a Sottotenente di Vascello, Volontari in servizio permanente della Marina Militare.

Ai candidati si richiede il possesso dei seguenti requisiti generali:

  • cittadinanza italiana;
  • non aver superato il 45° anno di età o, solo per gli Ufficiali di Complemento della Marina Militare in congedo, i frequentatori dei corsi normali dell’Accademia Navale e i non vincitori di precedenti concorsi per la nomina a Sottotenente di Vascello, il 35° anno di età;
  • diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quinquennale o titolo di studio quadriennale, integrato dal corso annuale previsto per l’ammissione ai corsi universitari o titoli equipollenti;
  • solo per il Corpo del Genio della Marina – specialità infrastrutture è richiesto almeno un titolo di studio tra diploma di geometra o perito industriale –indirizzo specializzato per l’edilizia, diploma d’istruzione secondaria conseguito presso un Istituto Tecnico, settore tecnologico a indirizzo costruzioni, ambiente e territorio, esclusa l’articolazione geotecnico, con abilitazione all’esercizio della relativa professione, oppure laurea magistrale in architettura e ingegneria edile – architettura, ingegneria civile, ingegneria dei sistemi edilizi, ingegneria della sicurezza o in pianificazione territoriale urbanistica e ambientale, o titoli di studio equiparati e /o equipollenti, con abilitazione ad una professione tra architetto, pianificatore territoriale e ingegnere civile e ambientale;
  • il godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti o licenziati dall’impiego presso una pubblica amministrazione, a seguito di procedimento disciplinare, ovvero prosciolti, d’autorità d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze Armate o di Polizia per motivi disciplinari o di inattitudine alla vita militare, ad esclusione dell’inidoneità psico-fisica;
  • non essere stati condannati per delitti non colposi, non essere imputati in procedimenti penali per delitti non colposi e non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
  • aver tenuto condotta incensurabile;
  • non aver tenuto nei confronti delle istituzioni democratiche comportamenti che non diano sicuro affidamento di scrupolosa fedeltà alla Costituzione Repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato;
  • non aver riportato sanzioni disciplinari di stato negli ultimi 5 anni.

Marina militare: le selezioni

Le procedure concorsuali comprendono lo svolgimento dei seguenti esami:

  • 2 prove scritte: una di cultura generale e una di cultura tecnico professionale;
  • valutazione dei titoli di merito;
  • accertamenti psicofisici;
  • accertamento attitudinale;
  • prove di efficienza fisica;
  • prova orale;
  • prova orale facoltativa di lingua straniera.

Marina militare: la domanda e il bando

Le domande di partecipazione possono essere presentate, entro il 1° marzo 2018, attraverso l’apposita procedura online, accessibile dalla pagina web del Ministero della difesa. Per i dettagli e per ulteriori informazioni vi invitiamo in ogni caso a consultare dettagliatamente il bando.


note

[1] 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n. 9 del 30.01.2018.

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube