Diritto e Fisco | Articoli

Profilo hackerato: come fare?

17 Giugno 2019 | Autore:

> Diritto e Fisco Pubblicato il 17 Giugno 2019



Cosa fare se ti hanno hackerato il profilo? Quali reati sono stati commessi? Come fare segnalazione a Facebook o Instagram? Come fare dalla polizia postale?

In un mondo virtuale, fatto di identità virtuali e di soldi virtuali, non potevano che trasformarsi anche i reati, anch’essi oramai virtuali, ma con effetti ben concreti sulla realtà. Di cosa sto parlando? Mi riferisco ai criminali che agiscono sul web, che sfruttano le loro competenze tecnologiche per violare account e truffare i poveri malcapitati. Sempre più spesso i pirati del web attaccano i profili dei social network, rubando le credenziali e sfruttandoli per i loro scopi. Come fare nel caso di profilo hackerato? Ecco di seguito alcune indicazioni che spero potranno esserti utili.

Hackeraggio: cosa significa?

Prima di vedere cosa fare se ti hanno hackerato il profilo, vorrei spiegarti brevemente in cosa può consistere l’hackeraggio. Come sicuramente saprai, gli hacker sono degli individui particolarmente esperti di tecnologia e, soprattutto, di informatica. Il problema è che essi utilizzano le proprie competenze per commettere degli illeciti, spesso dei reati (leggi il mio articolo Hacker: è reato? se ne vuoi sapere di più).

In cosa consiste l’hackeraggio? Non c’è un’unica attività a cui è possibile ricondurre l’azione di questi criminali: per lo più, il loro obiettivo è quello di introdursi nei computer privati al fine di rubarne i dati, così da poter ricattare il povero sventurato. Ma non solo.

Gli hacker possono addirittura infettare con appositi virus i dispositivi degli altri utenti e utilizzarli per compiere delle vere e proprie intercettazioni. Ancora, gli hacker possono riuscire ad avere accesso alle password memorizzate sul computer, in modo tale da poter accedere ai propri profili personali: non soltanto social network, ma anche servizi di home banking, email e pec.

Con questo articolo mi soffermerò esclusivamente sull’hackeraggio di cui sono vittime gli internauti che sono iscritti in un social network. Spiegheremo pertanto come fare in caso di profilo hackerato.

Profilo hackerato: cosa fare?

Un giorno come tanti, dopo aver svolto le tue faccende, ti siedi al computer di casa, ti colleghi a Facebook oppure ad Instagram, inserisci le tue credenziali, ma ti accorgi che non puoi entrare: il sistema ti segnala che la password è sbagliata. Riprovi, pensando di aver commesso un errore, ma non c’è niente da fare: non riesci ad accedere al tuo profilo. Insospettito, chiami un tuo amico e gli chiedi di controllare sul social se il tuo profilo esiste ancora; la risposta è positiva. Per di più, risulta anche attivo in chat.

In un caso del genere, è evidente che qualcuno ha hackerato il tuo profilo, nel senso che è riuscito ad ottenere le credenziali e ad entrare. In genere, ci si accorge di ciò proprio perché non si riesce ad accedere al proprio avatar; altre volte, accade di essere avvertiti dagli amici che, prima di te, si sono resi conto che il tuo profilo è “impazzito” e pubblica contenuti anomali o addirittura vietati (filmati pornografici, ad esempio). Cosa fare davanti ad un profilo hackerato?

Ebbene, se hai perso il controllo della tua identità virtuale perché qualcuno è entrato al posto tuo e ha “gettato le chiavi”, nel senso che ha cambiato la password, allora devi fare due cose: segnalare il problema al social network e sporgere denuncia.

Segnalare un profilo hackerato: come fare?

Se il tuo profilo hackerato pubblica contenuti compromettenti oppure che ledono la tua privacy, prima ancora di sporgere denuncia prenditi due minuti di tempo per segnalare il fatto al social network. Ogni piattaforma prevede una procedura del genere: non ti sarà difficile, quindi, segnalare l’illecito.

Per quanto riguarda Facebook, occorre visitare la pagina dedicata agli Account falsi o vittime di hacker, presente nel Centro assistenza. Qui troverai spiegato passo passo cosa fare se il tuo profilo è stato hackerato.

Anche Instagram è dotato di un servizio del tutto simile: ti basterà selezionare su ‘Richiedi assistenza all’accesso’ e, dopo, sulla voce “Hai bisogno di ulteriore assistenza?”.

Come denunciare un profilo hackerato?

Dopodiché, cioè dopo aver segnalato il problema al social in modo che proceda a bloccare il profilo hackerato, devi recarti dalle autorità per sporgere denuncia: ciò di cui sei stato vittima, infatti, è un reato in piena regola, denominato accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico [1], punito con la reclusione fino a tre anni. Inoltre, se l’hacker utilizza il tuo profilo spacciandosi per te, allora si integra anche il reato di sostituzione di persona [2].

Puoi sporgere denuncia presso qualsiasi autorità (carabinieri, polizia, ecc.); il mio consiglio, però, è quello di recarti direttamente presso la polizia postale, la quale si occupa in maniera specifica di reprimere i reati commessi sul web. Una volta qui, gli ufficiali ti aiuteranno a inquadrare bene il tuo problema e ti chiederanno tutti i dati che possono essere utili per le indagini.

Codice identificativo: cos’è?

È molto probabile che la polizia postale ti chiederà il codice identificativo del tuo profilo. Di cosa si tratta? Il codice identificativo (o codice ID) è un numero composto di diverse cifre, che serve ad individuare in maniera univoca il tuo profilo. È un po’ come se fosse il codice fiscale del tuo avatar. Ti consiglio pertanto di recarti alla polizia postale essendo già in possesso di questa informazione.

Come si risale al proprio codice identificativo? È molto semplice: se vuoi conoscere il tuo codice ID di Facebook, ti basta cliccare qui e inserire nell’apposita barra di ricerca l’indirizzo della pagina del tuo profilo. Non occorre accedervi: è sufficiente fare il copia e incolla della pagina del profilo, così come ti appare dall’esterno (come appare ai tuoi amici, insomma).

Se invece il profilo hackerato è quello Instagram e vuoi recuperare il codice identificativo, clicca qui e inserisci semplicemente il nome del tuo profilo (ad esempio, Mario Rossi).

note

[1] Art. 615-ter, cod. pen.

[2] Art. 494 cod. pen.

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA