Diritto e Fisco | Articoli

Come tradire via WhatsApp senza essere scoperti

17 Giugno 2019 | Autore:

> Diritto e Fisco Pubblicato il 17 Giugno 2019



Tradimento su WhatsApp: come evitare di essere scoperti dal partner? Ecco alcuni utili consigli per usare WhatsApp senza che la propria privacy sia violata.

«Non parlare se lì c’è lei, lascia parlare me, dì sì o no»: così recita il testo di una nota canzone italiana interpretata da Claudia Mori. La storia è sempre la stessa: una donna chiama l’amante al telefono, il quale però, non potendo parlare perché ha accanto la moglie, deve fingere che dall’altra parte della cornetta ci sia un dottore ed è costretto ad esprimersi a monosillabi per non farsi scoprire. Era il 1974. Oggi, quasi mezzo secolo dopo, l’infedeltà è rimasta la stessa, mentre i mezzi per comunicare messaggi focosi sono mutati: alla vecchia telefonata si preferisce sempre più un veloce WhatsApp oppure una nota vocale. Il pericolo di essere smascherati, però, sussiste sempre. Sicuramente, ti sarai chiesto, anche solo per curiosità, se è possibile tradire via WhatsApp senza essere scoperti. La risposta dipende dalle precauzioni che il fedifrago intende adottare.

Innanzitutto, va detto che WhatsApp, in linea di massima, è uno strumento di comunicazione tra i più sicuri: la crittografia di cui è dotato impedisce a chiunque di intercettare la conversazione che avviene tra due persone. Nemmeno WhatsApp sa cosa qual è il contenuto delle chat dei suoi clienti. Eppure, questo non significa che le nostre conversazioni siano al sicuro da occhi indiscreti: il partner potrebbe, infatti, accedere direttamente al dispositivo (smartphone, computer o tablet) dal quale si chatta e scoprirne il contenuto. Tra l’altro, in un caso del genere, il coniuge tradito potrebbe anche trascrivere le conversazioni, oppure farne copia o fotografarle, e portarle in giudizio per farle valere in un eventuale processo per separazione o divorzio. E allora: come tradire su WhatsApp senza essere scoperti? Vediamo insieme qualche consiglio utile.

Messaggi WhatsApp: sono sicuri?

Partiamo da una domanda di fondo: i messaggi (e, in genere, tutte le conversazioni su WhatsApp) sono sicuri? Come anticipato nell’introduzione, la risposta è positiva. Ciò perché WhatsApp (come oramai qualsiasi sistema di messaggistica istantanea) protegge tutte le conversazioni, sia che avvengano mediante messaggi che tramite chiamata o videochiamata, attraverso crittografia end-to-end. Di cosa si tratta?

La crittografia end-to-end impedisce di intercettare le chat tra utenti WhatsApp: ciò significa che nessuno (nemmeno WhatsApp stesso) può “intromettersi” intercettando il contenuto della comunicazione oppure registrandolo. Insomma: solamente destinatario e mittente possono avere conoscenza della chat.

Ciò non toglie, ovviamente, che si possa prendere possesso dello smartphone e svelarne gli arcani segreti: la crittografia end-to-end è stata ideata per proteggere gli utenti dagli attacchi degli hacker o, più in generale, dalle intercettazioni, ma non dalle mogli gelose.

Come scoprire i tradimenti su WhatsApp?

Sun Tzu, lo stratega militare cinese noto per la sua Arte della guerra, diceva: «Se conosci il nemico e te stesso, la tua vittoria è sicura». Per comprendere efficacemente come tradire via WhatsApp senza essere scoperti, dunque, è bene conoscere dapprima come si potrebbe essere smascherati. In altre parole, come in una partita a scacchi, analizziamo prima i punti deboli di WhatsApp per poi giungere a comprendere come chattare senza farsi sorprendere.

Ebbene, sappi che, nonostante sia praticamente impossibile effettuare un’intercettazione telefonica su WhatsApp, scoprire un tradimento non è così difficile. Innanzitutto, la cosa più scontata che potrebbe fare il tuo partner è quella di prendere visione direttamente delle chat presenti sul tuo cellulare.

Mi dirai: nulla di più semplice per evitare di essere scoperti; basta archiviare o cancellare la chat. Sbagliato. Tieni bene a mente che le chat archiviate restano comunque visibili sul cellulare; quelle cancellate, poi, sebbene apparentemente non più visibili, possono essere estratte dal cellulare mediante appositi software o analisi di perito. In altre parole, dei tuoi messaggi resta comunque traccia sul dispositivo, anche se hai eliminato definitivamente la chat.

In secondo luogo, un compagno/compagna particolarmente geloso/a potrebbe affidarsi ad un’agenzia investigativa per mettere sotto controllo il tuo smartphone. Poiché, come detto, un’intercettazione telefonica in piena regola non darebbe frutti, è possibile inserire una cimice nel cellulare affinché registri, proprio come un microfono, ciò che tu dici.

Lo stesso risultato si può ottenere con un’attenta operazione di hackeraggio: infettando il tuo smartphone con un apposito software (un virus, insomma), è possibile registrare le tue conversazioni vocali ed ottenere lo stesso risultato di un’intercettazione ambientale.

Un altro metodo per accedere alle tue chat private pur non avendo la disponibilità del telefonino è quello di ricorrere a WhatsApp Web: si tratta del software che consente di utilizzare WhatsApp direttamente dal computer. Se hai dimenticato di sganciare il tuo smartphone dal computer, le chat saranno visualizzabili anche da lì: basta un attimo e la frittata è fatta.

Tradimento su WhatsApp: come non farsi scoprire?

Ora che conosciamo le maggiori falle di WhatsApp o, comunque, i modi più comuni per scoprire le chat bollenti e proibite degli italiani, vediamo come non cadere in errore (sarebbe meglio spiegare come non cadere in tentazione, ma questa è un’altra storia…) e, dunque, come tradire via WhatsApp senza essere scoperti.

Archiviare chat WhatsApp per nascondere il tradimento

Innanzitutto, se chatti con il tuo/la tua amante, è praticamente inutile che tu archivi la chat: l’archiviazione, infatti, non elimina la conversazione, ma semplicemente la inserisce in una sezione ad essa dedicata. Se si tratta di un cellulare con sistema operativo Android, l’archiviazione “spinge in basso”, in fondo a tutti i tuoi contatti, la chat oggetto della tua attenzione: per vedere le chat archiviate tramite l’applicazione di WhatsApp su Android, quindi, non bisogna fare altro che scorrere l’elenco delle chat verso il basso, fino a che non arrivi alla fine.

Nell’applicazione di WhatsApp su dispositivi iOS (Iphone, in pratica), invece, la lista delle chat archiviate sarà più facilmente visibile: ti basterà scorrere dal basso verso l’alto la lista delle conversazioni presenti nella schermata Chat di WhatsApp. Comparirà quindi la voce Chat Archiviate e il numero corrispondente alle conversazioni archiviate.

Quindi, se non vuoi farti scoprire ti consiglio di non utilizzare il sistema dell’archiviazione, poiché la chat non viene cancellata e, quindi, è sempre recuperabile. Anzi, archiviare una chat, anche se effettuata con persona dal nome non compromettente, può comunque insospettire il tuo partner: dunque, anche se decidi di chiamare la tua amante col nome fittizio di Mario per non destare sospetti e poi archivi la chat, desterai comunque sospetti sul perché hai archiviato quella conversazione.

Eliminare le chat WhatsApp per non far scoprire il tradimento

Se non vuoi farti scoprire dal tuo partner, il metodo più sicuro è quello di cancellare le conversazioni più compromettenti: l’archiviazione, infatti, è inutile. L’unico modo consiste nell’eliminare definitivamente i messaggi e le chiamate effettuate.

Come detto qualche paragrafo fa, nemmeno questa operazione è totalmente sicura: ed infatti, se si sottoponesse il tuo smartphone a perizia, si potrebbero estrarre i “tabulati” delle tue conversazioni, le quali restano salvate sul dispositivo nonostante l’eliminazione. Ovviamente, si tratta di un’operazione complessa, che difficilmente il partner tradito potrebbe fare da solo, senza l’aiuto di persone esperte.

In tribunale, un’operazione del genere è demandata ad apposita perizia da effettuarsi sullo smartphone, solo a richiesta di parte e su ordine del giudice. Se ne vuoi sapere di più su questo specifico argomento, ti invito a leggere il mio articolo su Come richiedere tabulati messaggi WhatsApp.

Come rendere segrete le chat WhatsApp?

A differenza di altri sistemi di messaggistica istantanea (tipo Telegram), WhatsApp non consente di utilizzare le chat a tempo, cioè quelle dotate di un timer che, una volta impostato, provvede ad eliminare automaticamente la conversazione.

Quello che puoi fare per non far scoprire il tuo tradimento su WhatsApp è scaricare un’app che ti consenta di impostare una password. In pratica, è come mettere un lucchetto: puoi impostare un codice senza il quale non è possibile accedere a WhatsApp. Ovviamente, questa operazione nutrirà leciti sospetti.

Tradimento: chiamate e videochiamate WhatsApp sono sicure?

Come detto più volte, ogni tipo di conversazione fatta con WhatsApp è protetta da una cifratura che non consente ad alcuno di procedere ad intercettazione. Questo non significa che non si possa (con procedure illegali) captare il contenuto di chiamate e videochiamate: ed infatti, attraverso sofisticati software, è possibile prendere il controllo degli elementi hardware del dispositivo (ad esempio, del microfono) e attivarlo a proprio piacimento.

Così facendo, il tuo telefonino verrà utilizzato per effettuare delle vere e proprie intercettazioni ambientali, capaci di registrare tutto ciò che dici non solo mentre parli a telefono, ma anche mentre parli con altre persone e il tuo telefono è nei paraggi.

Il consiglio, quindi, è di utilizzare le chiamate o le videochiamate solo occasionalmente, visto che comunque sono più sicure dei messaggi: ed infatti, la chiamata viene registrata da WhatsApp, ma ovviamente il tuo partner, salvo il caso che ti ho appena narrato sopra, non potrà avere conoscenza del contenuto.

Se vuoi stare ancora più tranquillo, provvedi sempre a cancellare la chiamata WhatsApp subito dopo averla fatta: a differenza dei messaggi, non è prevista l’impostazione di archiviazione e, quindi, potrai solamente cancellarla.

Traffico dati WhatsApp: come non far scoprire il tradimento

Devi sapere che WhatsApp registra tutte le operazioni che compi con l’app: esiste, infatti, una sezione dedicata al traffico dati, nel quale è possibile effettuare una vera e propria visura di tutte le tue attività. Per accedere a questa sezione, basta cliccare in alto a destra su impostazioni, poi su Utilizzo dati e archivio; qui, cliccando su Utilizzo archivio, troverai i contatti con cui hai chattato di più, calcolato in base allo scambio di dati. In cima alla lista troverai le persone con cui hai scambiato più messaggi, file e contenuti di ogni tipo.

Se vuoi stare tranquillo, ti consiglio di controllare periodicamente questo archivio e di eliminare i contatti che possono destare sospetti nel tuo partner.

Foto WhatsApp: come non farsi scoprire?

Ricorda che le foto e i video che scambi via WhatsApp, anche se eliminati dalla chat, potrebbero rimanere salvati nell’archivio del tuo smartphone: pertanto, controlla bene nelle cartelle del tuo cellulare, perché alcune foto compromettenti potrebbero ancora essere lì, pronte a comprometterti.

WhatsApp Web: come nascondere il tradimento?

Se utilizzi spesso il computer per lavoro, allora sicuramente utilizzerai WhatsApp Web, il software che ti consente di agganciare il tuo WhatsApp del cellulare al pc, in modo tale che, per chattare, ti basterà mettere in pausa la finestra di lavoro e utilizzare comodamente l’ampia tastiera del computer.

Ebbene, se dimentichi di scollegare il tuo WhatsApp dal computer, il tuo partner potrebbe accedervi tranquillamente mentre tu sei via, vedendo in diretta le tue chat riservate. Per evitare ciò, quando hai terminato con il pc, ricorda di cliccare, dal menù Whatsapp Web, la voce Disconnetti tutti i computer: così facendo tutti i dispositivi connessi all’account verranno disconnessi e bisognerà scansionare di nuovo il QR Code per collegare di nuovo il telefonino al computer.

note

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA