Diritto e Fisco | Articoli

Versamento Bancoposta

25 Luglio 2019 | Autore:
Versamento Bancoposta

Conto Bancoposta: cos’è e come funziona? Come si fa un accredito su un conto corrente delle Poste Italiane? Come si compila il modulo di versamento Bancoposta?

Le Poste Italiane sono a tutti gli effetti un istituto di credito, proprio come le banche ordinarie. A differenza di queste ultime, però, le Poste possono contare su una presenza sul territorio davvero capillare, visto che non esiste Comune italiano ove non vi sia almeno un ufficio; essere clienti delle Poste, quindi, significa poter contare in qualsiasi luogo su una filiale, cosa che non si può dire per tutti gli istituti bancari. Nello specifico, le Poste Italiane si occupano dei servizi più propriamente bancari attraverso Bancoposta, cioè il conto postale che è equiparabile in tutto e per tutto ad un conto corrente. Attraverso Bancoposta è possibile compiere le operazioni più tradizionali, nonché di usufruire di particolari prodotti finanziari. Con questo articolo vorrei soffermarmi in modo particolare sul versamento Bancoposta: come si fa e come si compila il relativo modulo. Se anche tu sei cliente delle Poste, prenditi cinque minuti di tempo per leggere i prossimi paragrafi: vedremo insieme cos’è e come funziona un versamento Bancoposta.

Bancoposta: cos’è?

Per Bancoposta si può intendere tanto il conto corrente che le Poste offre ai propri clienti, con annessi tutti i servizi, tanto la struttura di Poste Italiane che si occupa della raccolta del risparmio tra il pubblico, dell’emissione, gestione e vendita di carte prepagate e di altri mezzi di pagamento, nonché dei servizi di pagamento (erogazione pensioni, bollettini postali, assegni postali, vaglia, ecc.)

In pratica, il termine Bancoposta individua sia il prodotto, lo strumento che viene messo a disposizione dei cittadini, tanto la divisione delle Poste che si occupa dei servizi più propriamente bancari, quali il deposito, l’emissione di carte e assegni, ecc. Ovviamente, noi faremo riferimento al primo significato di Bancoposta, cioè quello che si riferisce al conto.

Conto Bancoposta: cos’è?

Il conto Bancoposta è un conto corrente destinato alle sole persone fisiche e funziona a tutti gli effetti come quello che puoi aprire presso una banca. È noto che il conto corrente semplifica la gestione del denaro: il cliente deposita il denaro, l’istituto (banca o Poste) lo custodisce e offre una serie di servizi, quali accredito dello stipendio o della pensione, pagamenti, incassi, bonifici, domiciliazione delle bollette, carta di debito, carta di credito, assegni. Il cliente può versare e prelevare denaro dal conto corrente in qualsiasi momento.

Bancoposta: come funziona il conto corrente delle Poste Italiane?

Con il conto Bancoposta, si possono:

  • custodire i risparmi;
  • prelevare o accreditare denaro sia tramite gli sportelli postali, sia con gli sportelli esterni ATM presenti presso ogni ufficio di Poste Italiane sia, infine, attraverso i bancomat di una qualsiasi banca;
  • gestire versamenti e pagamenti, per esempio mediante le domiciliazioni delle bollette, l’accredito dello stipendio o ancora tramite bollettini e bonifici.

Per permettere di effettuare le operazioni suddette, in particolare quelle con gli sportelli ATM e bancomat, al conto Bancoposta è spesso associato una carta di debito (meglio noto come bancomat) o una carta di credito e un libretto per gli assegni.

Per la gestione, invece, si può scegliere di volta in volta se eseguire le operazioni presso gli sportelli o tramite il proprio computer, grazie ai servizi di home banking oppure comodamente con lo smartphone utilizzando l’applicazione Bancoposta.

Versamento su conto Bancoposta: come funziona?

Per poter effettuare un versamento su un conto Bancoposta occorre compilare una specifica distinta, cioè un modulo, grande quanto un normale foglio A4, reperibile presso tutti gli sportelli degli uffici di Poste Italiane (in genere si trovano sugli espositori; in caso contrario, è possibile richiederlo al personale).

Il modulo riporta l’intestazione “Modulo di richiesta servizi a valere sul conto corrente BancoPosta e/o sul Libretto di Risparmio Postale” e si compone di due pagine, di cui solo la prima deve essere obbligatoriamente compilata in ogni parte per poter eseguire l’operazione.

Se vuoi arrivare agli uffici postali già preparato, puoi trovare il modulo di versamento, così da poterlo scaricare comodamente a casa, cliccando qui.

È importante precisare che il versamento su conto corrente Bancoposta può essere eseguito anche da un soggetto diverso dal titolare del conto beneficiario: ciò è ovvio, visto che, in genere, i versamenti vengono effettuati dai creditori o, comunque, da persona che deve dei soldi al titolare del conto.

Come compilare il modulo per il versamento su Bancoposta?

Il modulo per il versamento su conto corrente Bancoposta va correttamente compilato inserendo tutti i dati richiesti. Per la precisione, bisogna indicare:

  • il numero del conto Bancoposta che beneficerà del versamento;
  • l’intestatario del conto;
  • l’importo da versare.

Poiché il versamento su Bancoposta può avvenire sia in contanti che con assegni postali o bancari, indica con attenzione la somma da versare o, nel caso in cui devi versare degli assegni, specifica la quantità. In una sola operazione di versamento potete effettuare il deposito di contanti e assegni, anche contemporaneamente.

L’importo va scritto in maniera corretta, indicando numericamente la cifra, e tenendo presente che dovrete inserire sia i valori interi (euro) che i valori decimali (centesimi). Ad esempio, se devi versare 1500 euro, dovrai scrivere: 1.500,00 euro. Se c’è abbastanza spazio, potresti anche specificare l’importo in lettere, così: millecinquecento/00 euro.

Ricorda che per riuscire a visualizzare l’avvenuto accredito degli assegni possono essere necessari, in media, dai tre ai cinque giorni lavorativi, mentre per i versamenti in contanti l’accredito è contestuale al deposito.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube