Politica | News

Il nuovo partito di Conte

22 Giugno 2019 | Autore:
Il nuovo partito di Conte

Nell’attuale incertezza politica spunta un’ipotesi: il premier Conte potrebbe fondare un partito. Secondo i sondaggi, otterrebbe numerosi consensi.

Nel dibattito politico di questi giorni spunta una nuova ipotesi:  il premier Conte potrebbe fondare un suo partito. Nascerebbe un movimento nuovo, guidato direttamente da lui, che in questo modo potrebbe sganciarsi dai vincoli posti dalla Lega ed il Movimento 5 Stelle, che hanno diverse linee politiche e lo spingono in diverse direzioni, costringendolo continuamente ad una faticosa opera di mediazione. A prevedere quali potrebbero essere gli esiti di tale nuova forza (probabilmente di centro) in caso di elezioni anticipate, è Il Sole 24 Ore uscito questa mattina in edicola. Secondo il quotidiano, il «nuovo partito di Conte» incasserebbe già il 12% dei consensi.

Il Presidente del Consiglio in poco più di un anno di Governo ha acquisito parecchia visibilità, specialmente negli ultimi mesi, diventando l’ago della bilancia tra le opposte sponde di Di Maio e Salvini, spesso in polemica tra loro. Un ruolo di fermezza espresso con posizioni forti e decise che lo hanno fatto emergere all’attenzione degli italiani. Non più un portavoce, come era apparso nei primi tempi, ma un personaggio autonomo e capace di prendere decisioni impegnative ed importanti.

Il partito di Conte per ora è solo potenziale ed egli stesso non ha lanciato nessun annuncio al riguardo, ma l’ipotesi si irrobustisce di giorno in giorno: il Presidente del Consiglio piace sempre più ai cittadini e viene apprezzato non solo per l’immagine, ma anche e soprattutto per la linea politica che sta conducendo.

La linea di Conte piace, soprattutto per la posizione assunta verso l’Europa

Proprio ieri, Conte è rientrato dalla riunione del Consiglio Europeo a Bruxelles, dove ha sostenuto una posizione di fermezza per l’Italia, cercando di dialogare da pari a pari con i vertici dell’Unione. Ha evitato imposizioni ed ha rassicurato che farà di tutto per riuscire ad evitare la procedura di infrazione minacciata dall’Europa in caso di mancato rispetto del patto di stabilità.

Sua è stata anche l’iniziativa della lettera all’Ue per trattare in modo da aprire un negoziato per ridiscutere le regole europee, giudicate senza mezzi termini troppo rigide e penalizzanti per la crescita economica.

Una posizione che sembra piacere ai cittadini: nel caso in cui fondasse un partito ora, i sondaggi (l’ultimo è quello di Antonio Noto, su un campione di 1.000 intervistati) lo danno al 12%. Una cifra ragguardevole, se confrontata con i concorrenti: ad esempio, un partito guidato da Matteo Renzi (in forte contrasto con l’attuale segretario del Pd Zingaretti) avrebbe – sempre stando agli ultimi sondaggi – il 6%, ed una lista capeggiata dal governatore della Liguria Giovanni Toti (attualmente in quota Forza Italia) arriverebbe appena al 2,5%.

Insomma, se la situazione  dovesse evolversi verso la creazione di nuovi soggetti politici in modo da superare la confusione attuale, Giuseppe Conte sarebbe in pole position per guidare un suo nuovo partito, avvantaggiato dai consensi ricevuti per il lavoro svolto come Presidente del Consiglio dei ministri nell’attuale governo a maggioranza Lega – Movimento 5 Stelle. Anche nell’M5S, poi, la leadership di Di Maio è messa in discussione da alcuni esponenti come Di Battista, che sembra pronto a candidarsi alla guida del movimento.

Una cosa è certa: oggi c’è una fortissima attenzione dei cittadini sulle mosse e sulle scelte della politica. Lo hanno dimostrato di recente i risultati delle ultime elezione europee ed amministrative di maggio, che hanno registrato grandi cambiamenti rispetto alle maggioranze delineate nelle elezioni politiche di marzo 2018, appena un anno fa.

In situazioni di incertezza come quella attuale, tra ripresa economica che non arriva, situazione internazionale tesa e ruolo dell’Italia alla ricerca di un equilibrio in ambito europeo, i leader emergono e di solito vincono quelli che hanno le idee più chiare e la maggiore capacità di decisione.

Salvini lo sa bene ed anche per questo sfrutta al massimo le sue doti di comunicatore ed assume posizioni dai toni forti, arrivando a minacciare crisi di governo nel caso in cui non passino i provvedimenti auspicati dalla Lega, primo fra tutti quello sulla flat tax.

Al di là degli scontri interni nella maggioranza di Governo, il banco di prova sarà nei prossimi giorni: entro il 30 giugno (data fissata per la prossima riunione del Consiglio Europeo) si dovranno decidere le misure per evitare la maxi multa che l’Europa è pronta ad irrogare all’Italia se i parametri del deficit di bilancio non saranno rispettati.

Anche per questo il Decreto crescita approvato ieri dalla Camera è in dirittura d’arrivo, ma rimane incerto come trovare le risorse finanziarie necessarie per coprire queste misure innovative. Sarà difficile farlo, se si vuole mantenere davvero la promessa del taglio delle tasse ed evitare l’aumento dell’Iva.

Moltissime, quindi, le questioni sul tavolo per l’Italia sul fronte della politica interna e di quella estera: ma proprio queste difficoltà favoriscono l’emergere di personaggi chiave, rassicuranti ed autorevoli come in questo momento appare Conte.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube