Politica | News

Aumentano le pensioni di invalidità?

26 Giugno 2019 | Autore:
Aumentano le pensioni di invalidità?

Annuncio di Salvini: possibile incremento degli importi, attualmente fermi a 278 euro. Per farlo servono 3 miliardi. Aumenteranno anche i controlli dell’Inps.

«Adegueremo le pensioni di invalidità, attualmente ferme a 278 euro. Non useremo i soldi europei, ma se mio figlio ha fame io non gli nego il panino». Lo ha detto Matteo Salvini, ospite ieri sera nella trasmissione televisiva Cartabianca su Rai 3. Il leader della Lega ha ripreso subito dopo l’argomento su Twitter, spiegando: «Adeguare le pensioni di invalidità, portarle al doppio, costerebbe tre miliardi. Ci sono i soldi? Chiediamo, per dignità, di usare i soldi degli italiani. Senza chiedere nulla a nessuno».

C’è, quindi, un vero aumento in vista per le pensioni di invalidità o si tratta soltanto un annuncio che in realtà sarà impossibile realizzare? Vediamo meglio la questione e cerchiamo di capire come stanno le cose.

Gli importi attuali sono molto bassi e sono fermi da anni. L’unico piccolo aumento delle pensioni di invalidità civile si è avuto proprio nella primavera di quest’anno, grazie all’incremento Istat che le ha rivalutate dell’1,1% facendole arrivare a 285,66 euro mensili per gli invalidi totali al 100%. Ora, invece, il vice presidente del Consiglio Salvini propone di aumentarle e, quando gli viene chiesto di quanto, ipotizza addirittura di raddoppiarle.

L’Europa dal canto suo continua a chiedere all’Italia una riduzione della spesa previdenziale ed assistenziale. L’obiettivo di Salvini si pone in controtendenza: aumentare le pensioni di invalidità richiede innanzitutto di trovare le risorse per garantire la copertura finanziaria. Ci sono o no gli spazi per realizzare questa promessa?

Salvini sembra aver già fatto i conti economici ed anche i calcoli politici, quando ha parlato dei circa tre miliardi che saranno necessari al Governo ed ha escluso di chiederli all’Europa: «Chiediamo di farlo utilizzando i soldi degli italiani per il benessere degli italiani».

Quando l’intervistatrice gli ha chiesto come trovare questi soldi, ha aggiunto che «Quota 100 non si tocca» ed anzi ha rilanciato affermando che «l’obiettivo è quota 41, per far andare in pensione la gente dopo 41 anni di lavoro». Insomma, non si pesca altrove: non ci saranno nuove tasse o tagli sulle misure pensionistiche attuali ed anche il reddito di cittadinanza non verrà toccato.

Se è così, allora sembra proprio che per trovare i soldi bisognerà agire scavando nello stesso barattolo dei fondi stanziati e già disponibili proprio per queste pensioni, cioè combattendo il fenomeno dei falsi invalidi, che le percepiscono senza averne diritto. Togliere la pensione di invalidità a chi non spetta, in modo da poterla aumentare nei confronti di chi la merita, comporterebbe una riforma a costo zero e realizzerebbe una maggior giustizia sociale.

L’Inps ha già avviato un programma di controlli per il 2019: ci sarà una verifica straordinaria su centinaia di migliaia di invalidi per accertare sia le condizioni di salute sia quelle reddituali. Saranno controlli a campione, concentrati in quelle zone dove si registra il maggior numero di invalidi. Se dalle visite di controllo delle commissioni mediche Inps dovesse risultare una percentuale di invalidità inferiore, oppure dai controlli dell’Anagrafe Tributaria dovesse emergere un reddito superiore al massimale consentito, si perderebbe il diritto alla percezione.

Ricordiamo che per avere diritto all’assegno di invalidità civile  bisogna avere un’invalidità riconosciuta pari ad almeno il 74%, avere un reddito annuo non superiore a 4.906,72 euro ed essere in stato di disoccupazione.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. sarebbe ora di togliere la pensione a tutti questi falsi invalidi ,e colpire anche chi gliela dà!!!! AVERE UN Pò DI RIGUARDO X TUTTI QUESTI RAGAZZI MALATI DI CANCRO…(CHE VITA DI M….)

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube