Diritto e Fisco | Articoli

Arriva il Certificato Unico dei debiti tributari

28 Giugno 2019
Arriva il Certificato Unico dei debiti tributari

In un unico documento la sintesi di cartelle esattoriali non saldate, Imu, bollo auto, contributi Inps, Irpef, Iva e tutte le altre imposte ormai scadute.

Per sapere, in un colpo solo, quanti debiti hai con l’Inps, l’Agenzia delle Entrate, il Comune e la Regione ora hai un nuovo strumento: arriva infatti il certificato unico dei debiti tributari, uno documento che potrai richiedere presso l’amministrazione finanziaria e che fotograferà tutte le insolvenze relative a tributi. 

In un solo certificato, potrai sapere quante cartelle esattoriali ti restano da pagare, quali importi devi ancora versare all’Inps per i contributi previdenziali, quante annualità di Imu sono scadute e non ancora saldate, se ti sei dimenticato di pagare il bollo auto o l’Irpef e così via. 

A prevedere il Certificato Unico dei debiti tributari, apparso per la prima volta nel Codice della crisi d’impresa, è un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate diramato ieri.

In esso si stabilisce che gli uffici dell’Amministrazione finanziaria devono rilasciare, su richiesta del debitore o del Tribunale, un certificato unico sull’esistenza di debiti risultanti dagli atti, dalle contestazioni in corso e da quelle già definite per le quali i debiti non siano stati soddisfatti. 

L’Agenzia delle Entrate ha così adottato, con proprio provvedimento, un facsimile per la richiesta che dovrà presentare il cittadino nonché i modelli per la certificazione dei debiti tributari, risultanti al sistema informativo dell’anagrafe tributaria, e dell’esistenza di contestazioni.

Sulla base dei dati tratti dalle interrogazioni al sistema informativo dell’anagrafe tributaria, chiarisce il provvedimento, l’ufficio certifica l’assenza di debiti tributari o l’esistenza di debiti tributari non soddisfatti. In quest’ultimo caso i dati sono forniti attraverso un prospetto articolato in 11 colonne (da A a M), nel quale i debiti tributari sono distintamente indicati nell’ammontare e nello stato della riscossione alla data di rilascio del certificato.

Nelle colonne da A ad E, sono fornite le informazioni sulla tipologia dell’atto al quale si riferisce il debito (ad esempio avviso di accertamento, atto di contestazione,cartella di pagamento, comunicazione degli esiti), il numero identificativo dell’atto, l’anno di imposta, la data di notifica e l’importo residuo dovuto del debito. Per importo residuo del debito deve essere considerato l’importo dovuto alla data di rilascio del certificato a titolo di imposta, sanzioni e interessi con esclusione degli interessi di mora.

La richiesta del certificato unico dei debiti tributari

L’istanza per il rilascio del certificato deve essere presentata all’ufficio competente in base al domicilio fiscale del soggetto di imposta tramite il modello Richiesta certificato unico debiti tributari.

Il debitore può richiedere il certificato personalmente o tramite soggetto delegato. In quest’ultimo caso, il soggetto delegato deve essere munito di formale delega da consegnare unitamente alla richiesta del certificato.

Se la richiesta è presentata dal debitore è dovuta l’imposta di bollo e i relativi certificati sono soggetti all’imposta di bollo e ai tributi speciali.

Dove si trova il modello con la richiesta del certificato unico per i debiti tributari 

Lo trovi qui oppure lo puoi scaricare gratuitamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Come presentare il modello

Il modello debitamente compilato e sottoscritto è presentato all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate competente:

  • mediante consegna diretta all’ufficio che rilascia la relativa ricevuta;
  • mediante raccomandata con avviso di ricevimento allegando una fotocopia del documento di identità del soggetto che firma il modello;
  • mediante posta elettronica certificata specificando nell’oggetto “Richiesta Certificato Unico debiti tributari (Art. 364 D. lgs. n. 14/2019)”. Il modello deve essere sottoscritto con firma digitale; nel caso sia sottoscritto con firma autografa, deve essere allegata una fotocopia del documento di identità del soggetto che firma il modello. Gli indirizzi PEC degli uffici dell’Agenzia delle Entrate sono reperibili sul sito Internet.

Qual è il facsimile della risposta con il modello unico?

Trovi il facsimile con la risposta dell’Agenzia delle Entrate cliccando qui.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube