L’esperto | Articoli

Addebito separazione alla moglie: ultime sentenze

18 Giugno 2021
Addebito separazione alla moglie: ultime sentenze

Le ultime pronunce giurisprudenziali su: addebito della separazione; infedeltà della moglie; danni non patrimoniali.

Violazione del dovere di fedeltà e risarcibilità dei danni

La natura giuridica del dovere di fedeltà derivante dal matrimonio implica che la sua violazione non sia sanzionata unicamente con le misure tipiche del diritto di famiglia, quale l’addebito della separazione, ma possa dar luogo al risarcimento dei danni non patrimoniali ex art. 2059 c.c., senza che la mancanza di pronuncia di addebito in sede di separazione sia a ciò preclusiva, sempre che [tuttavia] la condizione di afflizione indotta nel coniuge superi la soglia della tollerabilità e si traduca, per le sue modalità o per la gravità dello sconvolgimento che provoca, nella violazione di un diritto costituzionalmente protetto, quale, in ipotesi, quello alla salute o all’onore o alla dignità personale (escluso, nella specie, il risarcimento del danno da illecito endofamiliare, in conseguenza della violazione da parte della moglie dei doveri coniugali, che avrebbe determinato nel marito uno stato depressivo dopo l’allontanamento della moglie dalla casa familiare, atteso che mancava la prova del nesso tra il tradimento subito e lo stato depressivo in cui l’uomo era caduto).

Cassazione civile sez. VI, 19/11/2020, n.26383

Abbandono del tetto coniugale: quando non giustifica l’addebito?

L’abbandono del tetto coniugale non giustifica l’addebito ove sia motivato da una giusta causa costituita dal determinarsi di una situazione di intollerabilità della convivenza coniugale (nella specie, i giudici del merito avevano imputato a una situazione di estrema e prolungata tensione tra i coniugi, tale da determinare l’impossibilità di prosecuzione di una civile convivenza, la causa della separazione, rilevando altresì che siffatta situazione si era verificata antecedentemente alla violazione dei doveri coniugali – obbligo di fedeltà e di coabitazione – da parte della moglie).

Cassazione civile sez. VI, 28/05/2019, n.14591

Moglie si rifiuta di avere rapporti intimi con il marito: c’è addebito?

In tema di separazione, è da escludere l’addebito alla moglie che si rifiuta di avere rapporti intimi con il marito, quando ciò dipende da una malattia documentata nonché dall’opprimente atmosfera instaurata in casa dal marito, che non poteva certo agevolare una normale vita di coppia.

Cassazione civile sez. VI, 15/02/2019, n.4653

Infedeltà della moglie

Va innanzitutto chiarito che non può attribuirsi alla condotta del marito – il quale ha dichiarato in sede di interrogatorio formale di aver saputo della relazione della moglie e di aver cercato di sistemare la cosa – efficacia di esimente oggettiva (consenso dell’avente diritto) vertendosi in materia di diritti indisponibili, e considerato che la tolleranza è irrilevante come stato soggettivo esprimente una impensabile accettazione consensuale della condotta infedele del coniuge.

Né si può considerare la condotta del marito come espressione di una sostanziale cessazione dell’affectio coniugalis e quindi della conversione del matrimonio in una protratta convivenza meramente formale. In accoglimento dell’appello del marito ed in riforma della sentenza impugnata, la separazione dei coniugi deve essere pronunciata con addebito alla moglie e, poiché il diritto all’assegno di mantenimento presuppone che la separazione non sia addebitabile al coniuge che ne fa richiesta (art. 156 c.c.), deve anche essere respinta la domanda proposta in tal senso da quest’ultima.

Corte appello Roma, 29/05/2018, n.3625

Addebito della separazione per condotta contraria ai doveri coniugali

In materia di separazione personale tra coniugi, la pronuncia di addebito postula l’accertamento di due presupposti: la sussistenza di un comportamento consapevolmente contrario ai doveri nascenti dal matrimonio e il collegamento causale di tale condotta alla situazione di intollerabilità della prosecuzione della convivenza, la quale giustifica la separazione medesima.

L’indagine sulla intollerabilità della convivenza e sull’addebitabilità della separazione, tuttavia, non può basarsi sull’esame di singoli episodi, ma deve risultare da una valutazione globale dei reciproci comportamenti che emergono dal processo, senza sfociare nell’accertamento di responsabilità di altro ordine che riguardano la sfera strettamente intima e familiare delle persone.

Nel caso di specie, il Tribunale non ha accolto la domanda di addebito in quanto, anche se la relazione extraconiugale del marito era la ragione giustificativa della separazione, non c’è stata, da parte della moglie, una efficace dimostrazione del nesso di causalità tra tale relazione e la rottura dell’unione matrimoniale.

Tribunale Larino, 26/04/2017, n.256

Addebito a carico di uno dei due coniugi

In tema di separazione dei coniugi, la dichiarazione di addebito della separazione implica la imputabilità al coniuge del comportamento, volontariamente e consapevolmente contrario ai doveri del matrimonio. Pertanto, non può esservi dichiarazione di addebito a carico di uno dei due coniugi quando manchi la imputabilità soggettiva di quei comportamenti che hanno reso intollerabile, in modo inequivocabile, la prosecuzione della convivenza ex art. 151, comma 1, c.c.

(Nel caso di specie i devastanti comportamenti compulsivi, e le manifestazioni di ossessione religiosa hanno trovato sostanziale conferma nella istruttoria processuale, e tuttavia, ad una valutazione psichiatrica accurata, la moglie – destinataria della domanda di addebito – non è risultata affetta da alcuna conclamata patologia tale da poter spiegare i fenomeni riferiti, portando, così, detta circostanza a far ritenere al Tribunale che la medesima non abbia agito consapevolmente bensì sia stata “agìta”  – come riconosciuto dallo stesso coniuge istante a detta del quale il malessere spirituale ha provocato atroci sofferenze alla signora, tormenti da lei non direttamente voluti come conseguenza diretta delle proprie scelta di vita).

Tribunale Milano sez. IX, 18/01/2017

Separazione: quando c’è l’addebito?

La separazione giudiziale va addebitata al coniuge che, con la sua condotta, abbia determinato il venir meno del rapporto fiduciario con l’altro coniuge, e quindi la crisi matrimoniale, oltretutto dando cattivo esempio ed incitamento alla figlia minore adolescente (nella specie, la separazione è stata addebitata alla moglie che: a) ha avuto, o almeno ha dato a intendere di avere, una relazione extraconiugale, alludendovi con post volgari sul suo profilo Facebook, leggibili anche dalla figlia; b) ha ivi pubblicato foto sia sue che della figlia in abbigliamento succinto e con atteggiamento inopportuno per l’una e per l’altra; c) ha consentito che alla figlia venissero scattate foto in pose allusive e discutibili, commentandone poi una positivamente allorché la figlia stessa l’ha pubblicata sul proprio profilo Facebook).

Tribunale Prato, 28/10/2016, n.1100

Abbandono del tetto coniugale

Sussiste l’addebito della separazione in capo alla moglie quando quest’ultima abbandona il tetto coniugale e tiene un atteggiamento contrario ai doveri coniugali (nella specie: ha fatto credere da commenti sul social-network Facebook di avere una relazione extra coniugale con un altro uomo, ha pubblicato sul social-network Facebook una foto con la figlia sedicenne entrambe in atteggiamento equivoco e con un abbigliamento non adatto alla loro età, ha prelevato € 15.000,00 dal conto corrente comune e lo ha speso senza comunicarlo al marito).

Tribunale Prato, 28/10/2016, n.1100

Tradimento: basta per l’addebito della separazione?

Ai fini della pronuncia di addebito, non è sufficiente la sola violazione dei doveri previsti a carico dei coniugi dall’art. 143 c.c., ma occorre verificare se tale violazione abbia assunto efficacia causale nella determinazione della crisi coniugale ovvero se essa sia intervenuta quando era già maturata una situazione di intollerabilità della convivenza (nella specie, il marito aveva chiesto che la separazione fosse addebitata alla moglie per aver la donna intrapreso una relazione, via Internet, con un altro uomo).

Cassazione civile sez. VI, 14/07/2016, n.14414

Pronuncia di addebito: accertamento

In tema di separazione personale, la pronuncia di addebito postula l’accertamento di due presupposti: la sussistenza di un comportamento consapevolmente contrario ai doveri nascenti dal matrimonio e che a questo sia causalmente ricollegabile la situazione di intollerabilità della prosecuzione della convivenza, giustificativa della separazione medesima.

In particolare, l’indagine sull’intollerabilità della convivenza e sull’addebitabilità della separazione non può basarsi sull’esame di singoli episodi di frattura, ma deve derivare da una valutazione globale dei reciproci comportamenti, quali emergono dal processo (nel caso di specie viene respinta la richiesta di addebito della moglie, condannata anche al pagamento di un’ulteriore somma ex art. 96 ult. co. c.p.c., per aver perseverato, pur essendo stato trovato un accordo su affidamento e frequentazione dei figli, nel non aderire alla proposta transattiva del marito riguardo all’assegno di mantenimento, di importo uguale a quanto statuito dalla medesima sentenza).

Tribunale Roma sez. I, 29/07/2015



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube