L’esperto | Articoli

Dati personali online: ultime sentenze

1 Marzo 2022
Dati personali online: ultime sentenze

Lesione del diritto alla riservatezza; gestori dei motori di ricerca su Internet; notizie di cronaca, diritto all’oblio e rimozione di un articolo; pubblicazione di video su un sito Internet; trattamento di dati personali a scopi esclusivamente giornalistici; tutela della vita privata.

Per il gestore di un sito, l’indirizzo di protocollo Internet dinamico di un visitatore rappresenta un dato personale. Il trattamento dei dati può superare il periodo necessario agli scopi per cui sono stati raccolti? È lecita la pubblicazione su un sito internet di un provvedimento giurisdizionale che indica lo stato di salute del ricorrente? Leggi le ultime sentenze.

Diffusione online di dati giudiziari

In tema di protezione dei dati personali, il trattamento da parte di enti pubblici a base elettiva dei dati giudiziari riguardanti il corpo elettorale e i diritti di elettorato attivo e passivo, risponde ad una “finalità di rilevante interesse pubblico” ai sensi dell’art. 65 d.lg. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, nella stesura anteriore alle modifiche introdotte con il d.lg. n. 101/2018) ed è consentito e lecitamente esercitato, nei limiti indicati da questa disposizione, solo ove siano stati preventivamente individuati, ai sensi degli artt. 20 e 21 d.lg. n. 196/2003, ‘i tipi di dati trattati’ e ‘le operazioni eseguibili’, così da predeterminare e circoscrivere l’attività discrezionalmente consentita. Infatti, qualora questi elementi non siano stati specificati da espressa disposizione di legge o dal Garante per la protezione dei dati personali, spetta al soggetto pubblico che esegue il trattamento provvedere in proprio alla preventiva individuazione degli stessi, mediante l’adozione di un atto regolamentare in conformità del parere resto dal Garante ai sensi dell’art. 154, comma 1, lett. g) d.lg. n. 196/2003, con l’effetto che il trattamento dei dati che abbia esorbitato dall’individuazione così compiuta non può ritenersi né consentito, né lecitamente esercitato (fattispecie relativa alla diffusione online dei dati giudiziari di candidati al Collegio Professionale dei Periti industriali).

Cassazione civile sez. I, 16/06/2021, n.17208

Tutela dei dati personali memorizzati nell’account della persona deceduta

L’accesso e il trasferimento dei dati e delle informazioni memorizzati sull’account di una persona deceduta (anche sincronizzati online su iCloud), è consentito ai terzi legittimati, ai sensi dell’art. 2-terdecies nel D.Lgs. n. 196/2003, introdotto dal d.lgs. n. 101/2018 che ha esteso le norme del GDPR anche ai trattamenti dei dati personali di persone decedute, quando i terzi siano portatori di interessi “per ragioni familiari meritevoli di protezione”, se non espressamente vietato dall’interessato, senza che la società di informazione titolare del trattamento possa frapporre ostacoli non previsti dalla normativa europea e nazionale.

Tribunale Milano sez. I, 09/02/2021

Dati sensibili di un dipendente

Il Comune deve rimuovere dall’albo pretorio online, dopo 15 giorni dalla pubblicazione delle sue deliberazioni, le informazioni in esse contenute che non attengono all’organizzazione degli uffici o al funzionamento dell’ente, ma che riguardano dati sensibili di un soggetto. Ad affermarlo è la Cassazione che conferma la legittimità dell’ordinanza ingiunzione con la quale il Garante per la protezione dei dati personali irrogava la sanzione di 4mila euro nei confronti di un comune, a causa di un trattamento di dati personali effettuato in violazione dell’articolo 124 del Codice della privacy.

Nello specifico, l’ente locale era colpevole di aver mantenuto visibile sul proprio albo pretorio online, per oltre un anno, alcune determinazioni dirigenziali dalle quali risultavano dati personali di un dipendente, non attinenti al profilo organizzativo dell’amministrazione, i quali avrebbero dovuto essere rimossi dopo 15 giorni.

Cassazione civile sez. II, 03/09/2020, n.18292

Registrazione e pubblicazione online di un video che ritrae poliziotti

Ai sensi dell’articolo 3 della direttiva 95/46/CE, la registrazione video di taluni agenti di polizia all’interno di un commissariato, durante la raccolta di una deposizione, e la pubblicazione del video così registrato su un sito Internet dove gli utenti possono inviare, visionare e condividere contenuti video, rientrano nell’ambito di applicazione della direttiva e possono costituire, in astratto, un trattamento di dati personali esclusivamente a scopi giornalistici, a condizione che da tale video risulti che la registrazione e la relativa pubblicazione abbiano avuto quale unica finalità la divulgazione al pubblico di informazioni, opinioni o idee.

Spetterà al giudice nazionale escludere, caso per caso, che la registrazione e la pubblicazione del video, avvenute senza che le persone interessate venissero informate di tale registrazione e delle sue finalità, costituiscano un’ingerenza nel diritto fondamentale al rispetto della vita privata di tali persone, vale a dire degli agenti di polizia che appaiono nel video stesso, ciò perché non si può ritenere che ogni informazione pubblicata su Internet, che riguardi dati personali, rientri nella nozione di « attività giornalistiche » e che, a tale titolo, benefici del regime speciale di cui all’articolo 9 della direttiva 95/46.

Corte giustizia UE sez. II, 14/02/2019, n.345

Internet e dati personali: il consenso specifico dell’interessato

In tema di consenso al trattamento dei dati personali, la previsione dell’art. 23 del d.lgs. n. 196 del 2003, nello stabilire che il consenso è validamente prestato solo se espresso liberamente e specificamente in riferimento ad un trattamento chiaramente individuato, consente al gestore di un sito internet, il quale somministri un servizio fungibile cui l’utente possa rinunciare senza gravoso sacrificio (nella specie servizio di “newsletter” su tematiche legate alla finanza, al fisco, al diritto e al lavoro), di condizionare la fornitura del servizio al trattamento dei dati per finalità pubblicitarie, sempre che il consenso sia singolarmente ed inequivocabilmente prestato in riferimento a tale effetto, il che comporta altresì la necessità, almeno, dell’indicazione dei settori merceologici o dei servizi cui i messaggi pubblicitari saranno riferiti.

Cassazione civile sez. I, 02/07/2018, n.17278

Responsabilità amministratore di una fanpage su Facebook

L’art. 2, lett. d), della Direttiva 95/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 ottobre 1995, relativa alla tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati, deve essere interpretato nel senso che la nozione di « responsabile del trattamento », ai sensi di tale disposizione, include l’amministratore di una fanpage presente su un social network.

Corte giustizia UE grande sezione, 05/06/2018, n.210

Lesione del diritto all’oblio

Sussiste la giurisdizione dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali nei confronti di una società italiana, quale stabilimento della società di diritto irlandese facente parte del medesimo gruppo che gestisce servizi di ricerca su internet in Europa, in relazione alla richiesta della rimozione dei risultati da parte di un soggetto residente in Italia.

Difatti, nel caso in cui il ricorrente lamenti la lesione del proprio diritto all’oblio, il danno può legittimamente ritenersi prodotto solo nel paese di origine del soggetto che si assume leso in base alle disposizioni del Reg. 2012/1215/UE.

Allo stesso modo, in vista dell’obiettivo della tutela efficace e completa del diritto alla vita privata, perseguito da Dir. 95/46/CE, l’espressione «nel contesto delle attività di uno stabilimento» di cui all’art. 4 della medesima direttiva, in tema di legge applicabile, non può ricevere un’interpretazione restrittiva, cosicché il trattamento dei dati personali per cui è causa deve assumersi effettuato appunto nel contesto dell’attività commerciale e pubblicitaria svolta dalla società italiana, quale stabilimento nel territorio italiano della società irlandese, titolare dei servizi di ricerca via internet.

Tribunale Milano sez. I, 04/01/2017, n.12623

Trattamento dei dati degli utenti: responsabilità del provider

Gli utenti dei server online possono chiedere al gestore di rettificare od eliminare i propri dati trattati dal motore di ricerca. Qualora questo ultimo non dia riscontro alla richiesta dell’utente, questo ultimo può adire l’autorità giudiziaria o amministrativa per la tutela, anche risarcitoria, dei propri diritti.

Tribunale Roma sez. I, 13/03/2017

Divulgazione di atti contenenti dati personali

La pubblicazione, sul sito “internet” di un comune, delle delibere relative alla costituzione dell’ente in un giudizio risarcitorio, conseguente a sinistro stradale, proposto nei suoi confronti, dalle quali risulti l’indicazione dei dati anagrafici delle controparti, la targa ed il modello di autovettura, nonchè la natura della lesione fisica subita, non viola la riservatezza dei soggetti ivi menzionati, sia perché la divulgazione di atti che determinino la diffusione di dati personali deve ritenersi lecita qualora prevista, come nella specie, da una norma di legge o di regolamento, sia perché il contenuto delle predette delibere rende identificabili gli interessati, anche in considerazione dell’ampio contesto sociale della città di loro residenza, solo associando i dati pubblicati ad altri elementi identificativi, tramite operazioni di ricerca comportanti un dispendio di attività, di energia e di spese sproporzionato rispetto all’interesse alla loro individuazione.

Cassazione civile sez. III, 13/10/2016, n.20615

Danni non patrimoniali causati dalla divulgazione di dati personali sul web

La divulgazione di dati personali effettuata direttamente o per interposta persona, mediante la gestione di siti “Internet” accessibili al pubblico, e tra loro collegati, lede il diritto alla riservatezza garantito dall’art. 2 Cost. ed è idonea a produrre danni risarcibili ai sensi dell’art. 2043 c.c., quando manchino il consenso degli interessati, l’interesse pubblico alla diffusione dei dati e la pertinenza della divulgazione rispetto al tema trattato.

Cassazione civile sez. III, 19/07/2016, n.14694

Indirizzo di protocollo Internet dinamico di un visitatore

L’articolo 2, lettera a), della direttiva 95/46 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 ottobre 1995, relativa alla tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati, dev’essere interpretato nel senso che un indirizzo di protocollo Internet dinamico registrato da un fornitore di servizi di media online in occasione della consultazione, da parte di una persona, di un sito Internet che tale fornitore rende accessibile al pubblico costituisce, nei confronti di tale fornitore, un dato personale ai sensi di detta disposizione, qualora detto fornitore disponga di mezzi giuridici che gli consentano di far identificare la persona interessata grazie alle informazioni aggiuntive di cui il fornitore di accesso a Internet di detta persona dispone.

Corte giustizia UE sez. II, 19/10/2016, n.582

Conservazione di un articolo di cronaca nell’archivio online di una testata

Integra i presupposti dell’illecito trattamento di dati personali la conservazione di un articolo di cronaca nell’archivio online di una testata giornalistica che si protragga per un rilevante lasso di tempo dalla originaria pubblicazione, specie allorquando sia trascorso un significativo arco temporale dalla richiesta, inviata dall’interessato al giornale, di rimozione dell’articolo ed in mancanza di aggiornamenti della vicenda pubblicata.

Cassazione civile sez. I, 24/06/2016, n.13161

Trattamento dati personali: periodo superiore a quello necessario

Il trattamento dei dati non può avvenire per un periodo superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti e trattati e in proposito occorre notare che la rete internet costituisce una realtà ove le informazioni non sono archiviate (e cioè organizzate e strutturate) ma solo memorizzate senza limiti e senza tempo, poste tutte al medesimo livello, senza una valutazione del relativo peso, prive di contestualizzazione e di collegamento con altre informazioni pubblicate: di qui appunto il diritto del soggetto cui le informazioni si riferiscono (che può anche essere una persona giuridica o un ente collettivo) ad ottenere la cancellazione delle informazioni che, pur se lecitamente diffuse, risultano inutilmente lesive in ragione della loro perdita di attualità (nel caso di specie si è ritenuto congruo il termine di tre anni dai fatti accaduti e riferiti).

Tribunale Mantova, 28/10/2016

Pubblicazione su un sito Internet di un provvedimento giurisdizionale

In tema di trattamento dei dati sensibili, è illecita la pubblicazione, su un sito internet liberamente accessibile, di un provvedimento giurisdizionale che indichi lo stato di salute del ricorrente e le sue invalidità, atteso che si tratta di dati la cui tutela è posta a protezione del diritto alla riservatezza della sfera privata dell’individuo.

Cassazione civile sez. I, 20/05/2016, n.10510



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube