Business | Articoli

Pacchetto sport: tutti i bonus e le agevolazioni

8 febbraio 2018


Pacchetto sport: tutti i bonus e le agevolazioni

> Business Pubblicato il 8 febbraio 2018



Vediamo tutti i bonus e le agevolazioni che la legge di bilancio 2018 ha destinato al mondo dello sport e degli sportivi

Mens sana in corpore sano, lo sanno tutti. Ed infatti, sono noti gli innumerevoli benefici che ha l’attività sportiva sulla nostra mente e sul nostro corpo. Praticare sport in modo regolare rappresenta un importantissimo strumento non solo per migliorare l’aspetto esteriore, ma anche e soprattutto per combattere molte gravi patologie, quali l’obesità, il diabete, l’infarto, l’ipertensione, l’ictus e, non da ultimo, lo stress.  Probabilmente la constatazione del preoccupante livello di sedentarietà registrato recentemente in Italia (nel 2016 la percentuale di coloro che non hanno praticato alcuno sport, né hanno fatto attività fisica è stata stimata intorno al 39,2%) unito alla presa di coscienza della sempre maggiore diffusione delle malattie sopra ricordate, ha spinto il Governo ad introdurre nella legge  di bilancio 2018 numerose agevolazioni relative al  mondo dello sport. Vediamo, dunque quali sono le agevolazioni destinate al mondo dello sport e tutti i bonus previsti dal cosiddetto “Pacchetto sport” 2018.  

Sport bonus: cos’è e come funziona

Per chi vuole investire in palestre, il 2018 è l’anno giusto. Viene riconosciuto, infatti, il cosiddetto “sport bonus“, vale a dire un credito d’imposta (cioè un credito del contribuente nei confronti dell’erario dello Stato) a tutte le imprese che effettuino erogazioni liberali fino a 40mila euro nell’anno 2018 per interventi di restauro o ristrutturazione di impianti sportivi pubblici, anche qualora questi siano stati dati in concessione a soggetti privati. Tale credito di imposta, nei limiti del 3 per mille dei ricavi annui, verrà riconosciuto nella misura del 50% dell’importo erogato e comunque nel limite complessivo di spesa pari a 10milioni di euro. Il soggetto al quale sarà riconosciuto lo sport bonus dovrà comunicare immediatamente all’Ufficio per lo Sport presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri l’ammontare delle somme ricevute e la loro destinazione; dovrà, altresì, provvedere a darne adeguata pubblicità attraverso l’utilizzo di mezzi informatici. Inoltre, entro il 30 giugno di ogni anno successivo a quello  dell’erogazione e fino al momento in cui i lavori di ristrutturazione saranno ultimati,  il soggetto beneficiario del bonus in questione dovrà comunicare all’Ufficio per lo Sport presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri lo stato di avanzamento dei lavori, anche mediante una rendicontazione delle modalità di utilizzo delle somme erogate.

Società sportive dilettantistiche con scopo di lucro

Un’altra importantissima novità introdotta dalla legge di bilancio riguarda la creazione delle società sportive dilettantistiche con scopo di lucro. Si tratta di una rilevante innovazione rispetto al sistema attualmente vigente, in cui l’esercizio in forma associata di attività sportive dilettantistiche svolta nella forma giuridica societaria comporta le seguenti peculiarità: il fine sociale non deve essere lucrativo e i proventi che derivano dalla società non possono essere divisi dai soci nemmeno in modo indiretto [1]. Con le nuove disposizioni, invece, si consente l’istituzione di società sportive dilettantistiche con scopo di lucro. Queste nuove forme societarie a scopo di lucro, qualora dovessero essere riconosciute dal Coni (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), potranno usufruire del vantaggio del dimezzamento dell’imposta sul reddito (Ires), nel rispetto di quanto previsto a livello europeo [2] per i cosiddetti “aiuti de minimis (aiuti di Stato di modesta entità, i quali non dovrebbero provocare notevoli distorsioni della concorrenza).

Sport bonus e impianti calcistici

Un ulteriore beneficio fiscale è destinato alle società appartenenti alla Lega di serie B, alla Lega Pro e alla Lega nazionale dilettanti che decidono di ammodernare gli impianti calcistici. Il beneficio fiscale è un credito di imposta pari al 12% delle spese sostenute per gli interventi di ristrutturazione finalizzati all’ammodernamento degli impianti calcistici, fino a un massimo di 25 mila euro. 

Fondo «Sport e periferie»

È previsto uno stanziamento di 10milioni di euro per il fondo «Sport e periferie». Tali risorse verranno assegnate all’Ufficio per lo Sport presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. È compito del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze,  adottare (entro 120 giorni dell’entrata in vigore della legge di bilancio) un decreto che individui i criteri e le modalità di gestione delle risorse assegnate all’Ufficio dello Sport, nel rispetto delle seguenti finalità, individuate dalla legge [3]:

  • ricognizione degli impianti sportivi esistenti sul territorio nazionale;
  • realizzazione e  rigenerazione  di  impianti  sportivi destinati all’attività agonistica  nazionale,  localizzati  nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane, nonché diffusione di attrezzature sportive nelle stesse aree, con l’obiettivo di  rimuovere gli squilibri economici e sociali ivi esistenti;
  • completamento e adeguamento di impianti  sportivi  esistenti, con destinazione all’attività agonistica nazionale e internazionale.

Franchigia per compensi derivanti dall’attività sportiva dilettantistica

Altra rilevante disposizione riguarda la soglia delle indennità, dei rimborsi forfettari, dei premi e dei compensi connessi all’attività sportiva dilettantistica che non concorrono a formare il reddito. Con le nuove disposizioni, infatti, si è avuto  un innalzamento da 7.500 euro a 10mila euro annuali.

Il “Fondo unico a sostegno del potenziamento del movimento sportivo italiano”

Viene, inoltre, istituito il “Fondo unico a sostegno del potenziamento del movimento sportivo italiano”, con dotazione di 12milioni per il 2018, di 7milioni di euro per il 2019, di 8,2milioni di euro per il 2020 e di 10,5milioni di euro per il 2021. Queste risorse devono finanziare progetti connessi ad una delle finalità di seguito indicate:

  • incentivare l’avviamento all’esercizio della pratica sportiva delle persone disabili mediante l’uso di ausili per lo sport;
  • sostenere la realizzazione di eventi calcistici di rilevanza internazionale;
  • sostenere la realizzazione di altri eventi sportivi di rilevanza internazionale;
  • sostenere la maternità delle atlete non professioniste;
  • garantire il diritto all’esercizio della pratica sportiva quale insopprimibile forma di svolgimento della personalità del minore, anche attraverso la realizzazione di campagne di sensibilizzazione.

 

 

note

[1] Art. 90, comma 18, L. 289/2002 come modificato dall’art. 4, comma 6ter della legge 128/2004.

[2] Regolamento UE 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013.

[3] Art. 15, comma 2, lettere a), b) e c), del D.L. 185/2015 convertito, con modificazioni, dalla L. 9/2016.

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI