Business | Articoli

Come denunciare gli illeciti sul posto di lavoro

8 febbraio 2018 | Autore:


> Business Pubblicato il 8 febbraio 2018



Nasce un’apposita App: diventa più semplice e più sicuro segnalare le condotte illecite, i reati e le irregolarità di cui si sia venuti a conoscenza sul posto di lavoro. Vediamo come  e perché

Spesso chi viene a conoscenza di una pratica “poco lecita” altrui si vede bene dal segnalarla alle autorità competenti. Il più delle volte, per la paura di essere additati come “spie”, nonostante si venga a conoscenza di illeciti,  si evita di sporgere denuncia. Insomma, la paura regna sovrana: ci si nasconde dietro al classico «chi si fa i fatti suoi campa cent’anni», ma tutti sanno che troppe volte questa espressione altro non nasconde se non la paura che genera omertà, trasformandosi in uno dei mali peggiori per la società. Ciò accade anche nel mondo del lavoro. Realtà che, benché rappresenti la quotidianità di ognuno, si manifesta talvolta ostica. E ciò non tanto per il lavoro in sé, ma per le dinamiche che – sul posto di lavoro – si vengono a creare. Dinamiche delicate, fatte di consuetudini alle quali ci si deve abituare presto. Ogni ambiante di lavoro, è risaputo, rappresenta un piccolo globo a se stante. Si tratta di un microcosmo fatto di rapporti (gerarchici e non) tra colleghi, dove spesso regna sovrano “il gioco delle parti”. Un gioco, però, che non è così semplice da imparare. Anche per quello, oltre che per acquisire professionalità, ci vuole esperienza! Il vero punto dolente è che, come in ogni realtà sociale che si rispetti (!), anche il posto di lavoro rappresenta spesso scenario di irregolarità, atti illeciti ed ingiustizie più o meno gravi. Purtroppo però, chi viene a conoscenza di un illecito sul posto di lavoro, il più delle volte si vede bene dal denunciarlo. Si temono, infatti, ritorsioni, discriminazioni, sanzioni (in una parola mobbing) e addirittura licenziamenti.

La legge sul Whistleblowing

Ebbene, proprio per questi motivi, è stata di recente approvata la legge [1] che introduce in Italia il cosiddetto whistleblowing, vale a dire la legge che tutela chi, venendo a conoscenza di irregolarità o atti illeciti sul posto di lavoro, decida di denunciarli. Chi denuncia un reato, un atto illecito o una irregolarità di cui sia venuto a conoscenza sul posto di lavoro non può essere discriminato o peggio sanzionato, al contrario deve essere tutelato. Ne avevamo già parlato in: La nuova legge: le tutele per chi segnala gli illeciti sul lavoro. Vediamo, dunque, cos’è il whistleblowing, cosa prevede la nuova legge e come fare per denunciare gli illeciti sul posto di lavoro. Sul punto, come avremo modo di vedere nel presente articolo, è stata creata un’applicazione on line che consente di acquisire e gestire tramite una procedura interamente digitalizzata e anonima le segnalazioni di illeciti. Si tratta di una App che, mettendo al centro la massima riservatezza dei dipendenti, consentirà loro di denunciare gli illeciti sul lavoro senza avere nulla da temere. Ma procediamo con ordine.

Whistleblowing: cos’è

Negli ultimi tempi si è sentito molto parlare del whistleblowing.Tuttavia, forse per colpa del termine (un po’ ostico per chi non mastica bene l’inglese) un po’ per la delicatezza della tematica trattata, non tutti hanno le idee chiare. Vediamo, quindi, cos’è il whistleblowing e perché la relativa disciplina è così importante per la tutela dei dipendenti ed al fine di garantire ambienti di lavoro – per quanto più possibile  – “sani” e scevri da prassi più o meno velatamente corruttive.

Partiamo dal termine. La parola whistleblowing, tradotta letteralmente dall’inglese significa “soffiare nel fischietto” (to blow the whistle). Si tratta di un’espressione figurata che ha lo scopo di evocare nella mente l’immagine dell’arbitro che fischia un fallo. Il campo di applicazione, però, non è quello calcistico. L’ambito di riferimento, come anticipato, è il mondo del lavoro. Il whistleblowing, dunque, altro non è che la segnalazione di attività illecite nell’amministrazione pubblica o in aziende private, da parte del dipendente che ne sia venuto a conoscenza per ragioni di lavoro. Per maggiori approfondimenti, leggi: Cos’è il whistleblowing?.

Chi è il whistleblower

Il whistleblower è il soggetto che, a fronte di attività illecite o fraudolente di cui viene a conoscenza sul posto di lavoro, si fa carico di segnalare al proprio dirigente o alle autorità competenti la situazione irregolare. È quindi un soggetto “coraggioso” che pertanto deve essere tutelato e non discriminato (come spesso avviene). Il fine ultimo è quello di creare un circolo virtuoso, di riportare le procedure amministrative e i comportamenti dei dipendenti pubblici sui binari della legalità, evitando il clima dell’omertà che troppo spesso aleggia – più o meno pesantemente – un po’ ovunque. Si tratta in sintesi di un modo per aumentare la collaborazione tra amministrazione e dipendenti pubblici.

Whistleblowing: la nuova legge

Abbiamo già parlato della legge che ha introdotto in Italia il  whistleblowing (leggi sul punto: La nuova legge: le tutele per chi segnala gli illeciti sul lavoro). La norma si compone di tre articoli [2] e mira soprattutto alla tutela dei lavoratori. In estrema sintesi, il principio cardine della legge è il seguente: il dipendente, sia pubblico che privato, che denuncia un reato o un atto illecito di cui sia venuto a conoscenza sul posto di lavoro non può essere discriminato, sanzionato o licenziato.

Whistleblowing: cosa si può segnalare?

Ciò premesso, è necessario precisare quali illeciti possono formare  oggetto della segnalazione, al fine di ricevere le tutele previste nei confronti del cosiddetto whistleblower, vale a dire del segnalante.

In realtà, non esiste una lista dei reati e delle irregolarità che possono costituire l’oggetto del whistleblowing. Tuttavia, ai fini della legge in esame, vengono considerate rilevanti le segnalazioni che riguardano comportamenti, rischi, reati o irregolarità, consumati o tentati, a danno dell’interesse pubblico. La segnalazione, in tale ottica, è un atto di manifestazione di senso civico, attraverso cui il whistleblower (vale a dire il segnalante) contribuisce all’emersione e alla prevenzione di rischi e situazioni pregiudizievoli per l’amministrazione o l’azienda di appartenenza e, di riflesso, per l’interesse pubblico collettivo. In particolare, la segnalazione può riguardare azioni od omissioni, commesse o tentate:

  • penalmente rilevanti;
  • poste in essere in violazione dei Codici di comportamento o di altre disposizioni interne sanzionabili in via disciplinare;
  • suscettibili di arrecare un pregiudizio patrimoniale all’amministrazione di appartenenza o ad altro ente pubblico;
  • suscettibili di arrecare un danno alla salute o sicurezza dei dipendenti, utenti e cittadini o di arrecare un danno all’ambiente;
  • tali da arrecare pregiudizio agli utenti, ai dipendenti o ad altri soggetti che svolgono la loro attività presso l’Istituto.

Il whistleblowing non riguarda il rapporto di lavoro

Il whistleblowing, però, non riguarda doglianze di carattere personale del segnalante o rivendicazioni e istanze che rientrano nella disciplina del rapporto di lavoro o dei rapporti con il superiore gerarchico o colleghi, per le quali occorre fare riferimento alla disciplina e alle procedure appositamente previste per far valere i propri diritti di lavoratore. Attenzione: quelle appena menzionate sono questioni altrettanto rilevanti e meritevoli di tutela. Ed infatti, eventuali atti discriminatori a danno del lavoratore non sono comunque ammessi nel nostro ordinamento e ciò a prescindere dall’oggetto della segnalazione. Non a caso esiste ed è severamente punito il cosiddetto mobbing. Se però, le segnalazioni riguardano il rapporto di lavoro e la corretta applicazione della normativa sul lavoro e sulla previdenza (ad esempio, mancato pagamento retributivo,  straordinari svolti e non pagati, licenziamento illegittimo, ecc.) le tutele previste in favore del dipendente sono diverse e attivabili dinanzi ad autorità differenti, quali il giudice ordinario (vale a dire il Tribunale Civile in funzione di Giudice del lavoro) e prima ancora dinanzi al cosiddetto Ispettorato del Lavoro. In tali casi, dunque, non sarà attivabile la procedura e le tutele previste per il whistleblowing; sarà, invece, opportuno segnalare tutte le irregolarità all’Ispettorato del lavoro. 

Come denunciare gli illeciti sul posto di lavoro

Le autorità alle quali far pervenire le segnalazioni sono le seguenti:

  • Anac (Autorità nazionale anticorruzione);
  • Giudice ordinario (vale a dire il Tribunale);
  • Giudice contabile (cioè la Corte dei Conti).

Le segnalazioni, inoltre, possono sempre essere riferite al proprio superiore gerarchico o al cosiddetto responsabile della prevenzione della corruzione dell’ente (di norma un dirigente amministrativo; negli enti locali il segretario).

Segnalazione di illeciti sul lavoro: no alle discriminazioni

A seguito della segnalazione fatta pervenire ai predetti soggetti da parte dell’interessato o del sindacato di riferimento, il “segnalante” non potrà subire alcuna discriminazione collegata alla propria segnalazione. In particolare il dipendente che segnala gli illeciti che abbia conosciuto in ragione del rapporto di lavoro non potrà essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito o sottoposto ad altre misure ritorsive. Gli atti discriminatori eventualmente subiti saranno, infatti, dichiarati nulli: si prevede il reintegro nel posto di lavoro in caso di licenziamento e la nullità di ogni atto discriminatorio o ritorsivo. L’onere della prova è invertito, nel senso che spetta al datore di lavoro dimostrare l’estraneità della misura discriminatoria eventualmente adottata rispetto alla segnalazione.  È chiaro che ogni tutela  a favore del soggetto segnalante verrà meno nel caso in cui si scopra che la segnalazione integri – in realtà –  una calunnia, una diffamazione,  altri reati o quando sia accertata la responsabilità civile del dipendente per dolo o colpa grave.

Whistleblowing: cosa succede dopo la segnalazione

L’autorità amministrativa interpellata da un whistleblower si fa carico, grazie alla segnalazione, di fronteggiare il rischio che quella situazione possa ripetersi in futuro, intervenendo dunque affinché l’amministrazione interessata adotti le giuste misure per prevenire la corruzione. L’identità del segnalante non potrà essere rivelata. Mentre spetterà al datore di lavoro dimostrare che le misure discriminatorie eventualmente poste in essere nei confronti del lavoratore “denunciante” sono motivate da ragioni estranee alla segnalazione. In questi casi l’Anac può irrogare una sanzione amministrativa pecuniaria a carico del responsabile da 5mila a 30mila euro, fermi restando gli altri profili di responsabilità. Inoltre, l’Anac applica la sanzione amministrativa da 10mila a 50mila euro a carico del responsabile che non svolga le attività di verifica e analisi delle segnalazioni ricevute. Il segnalante licenziato ha diritto alla reintegra nel posto di lavoro e al risarcimento del danno. Come anticipato, le tutele invece non sono garantite nel caso in cui, anche con sentenza di primo grado, sia stata accertata la responsabilità penale del segnalante per i reati di calunnia o diffamazione o comunque reati commessi con la denuncia del medesimo segnalante.

Le tutele previste per i lavoratori pubblici sono state estese anche al settore privato. In estrema intesi, come anticipato, il dipendente, pubblico o privato, che segnala all’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), o denuncia all’autorità giudiziaria condotte illecite, di cui è venuto a conoscenza grazie al proprio rapporto di lavoro, non può essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito o sottoposto ad altra misura organizzativa che potrebbe avere effetti negativi nei suoi confronti.

Whistleblowing: una App che consente di denunciare gli illeciti sul posto di lavoro

Per chi vuole denunciare un comportamento contrario alla legge di cui sia venuto a conoscenza sul posto di lavoro, d’ora in poi le cose saranno molto più semplici. L’Anac, infatti, ha messo a disposizione degli utenti un’ apposita App che si chiama  – per l’appunto – Whistleblowing. In sostanza chi vuole denunciare un comportamento contrario alla legge di cui sia venuto a conoscenza sul posto di lavoro potrà accedere all’applicazione, compilando una serie di campi che consentiranno di fornire agli uffici dell’Authority tutte le informazioni necessarie. Il denunciante si troverà davanti un questionario in cinque sezioni. Tra queste, l’amministrazione coinvolta, la qualifica e la mansione lavorativa del segnalante, la tipologia di condotta denunciata, il periodo temporale, i soggetti coinvolti, l’eventuale beneficio economico acquisito, le imprese implicate (se ci sono). Andranno anche fornite informazioni che consentano di effettuare riscontri sulla veridicità dei fatti. E, infine, andranno allegati documenti a corredo.

Le garanzie sulla riservatezza e l’anonimato del denunciante

Una volta completato il form il dipendente riceverà un codice che gli consentirà di dialogare in forma anonima con l’Anac, per seguire nei giorni successivi l’esito della procedura. Potrà aggiungere della documentazione, ricevere richieste dagli uffici dell’Autorità, fare precisazioni senza rivelare la sua identità. Il nome del whistleblower, dunque, resterà anonimo. Ricevuta la segnalazione, l’Anac farà le sue valutazioni, girando eventualmente il fascicolo alla Procura.

 

 

 

note

[1] L. n. 179 del 30 novembre 2017.

[2] «1. Fuori dei casi di responsabilità a titolo di calunnia o diffamazione, ovvero per lo stesso titolo ai sensi dell’art. 2043 del codice civile, il pubblico dipendente che denuncia all’autorità giudiziaria o alla Corte dei Conti, ovvero riferisce al proprio superiore gerarchico condotte illecite di cui sia venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, non può essere sanzionato, licenziato o sottoposto ad una misura discriminatoria, diretta od indiretta, avente effetti sulle condizioni di lavoro per motivi collegati direttamente o indirettamente alla denuncia.

2. Nell’ambito del procedimento disciplinare, l’identità del segnalante non può essere rivelata, senza il suo consenso, sempre che la contestazione dell’addebito disciplinare sia fondata su accertamenti distinti e ulteriori rispetto alla segnalazione. Qualora la contestazione sia fondata, in tutto o in parte, sulla segnalazione, l’identità può essere rivelata ove la sua conoscenza sia assolutamente indispensabile per la difesa dell’incolpato.

3. L’adozione di misure discriminatorie è segnalata al Dipartimento della funzione pubblica, per i provvedimenti di competenza, dall’interessato o dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative nell’amministrazione nella quale le stesse sono state poste in essere. 4.La denuncia è sottratta all’accesso previsto dagli articoli 22 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni».

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI