L’esperto | Articoli

Udienza di comparizione: ultime sentenze

25 Luglio 2019
Udienza di comparizione: ultime sentenze

Le ultime sentenze su: rito del lavoro; protezione internazionale; notifica dell’atto di citazione; udienza di comparizione; inammissibilità del ricorso; violazione del principio del contraddittorio; comparizione del difensore all’udienza; inosservanza del termine a comparire; rinnovazione entro un termine perentorio.

Nel caso si procedimento davanti al giudice di pace, il convenuto costituito tardivamente non può proporre domande o eccezioni né produrre documenti. Scopri le ultime sentenze sull’udienza di comparizione.

Rito del lavoro: mancata comparizione all’udienza di almeno una delle parti in causa

Nelle controversie soggette al rito del lavoro, in caso di mancata comparizione all’udienza di almeno una delle parti in causa il giudice non può fissare d’ufficio altra udienza per il prosieguo del giudizio, difettando allo scopo il necessario impulso di parte.

Tribunale Roma sez. lav., 11/04/2019, n.3672

Impugnativa di delibera assembleare

Nessuna disposizione di legge esclude che l’impugnazione possa essere proposta anche con ricorso ex art. 702-bis c.p.c., sicché, ove l’attore opti per il rito sommario di cognizione, trattandosi di processo contenzioso, il giudice adìto non può dichiarare l’inammissibilità del ricorso, in quanto irrituale, e l’estinzione del procedimento, con un provvedimento reso inaudita altera parte, senza cioè avere prima provocato l’instaurazione del contraddittorio nei confronti del condominio e fissato l’udienza di comparizione delle parti per la trattazione della causa.

Corte appello Milano sez. III, 26/03/2019, n.1349

Protezione internazionale e fissazione dell’udienza di comparizione

In tema di protezione internazionale, allorché il richiedente impugni la decisione della Commissione territoriale e la videoregistrazione del colloquio non sia disponibile, il giudice deve fissare l’udienza per la comparizione delle parti, configurandosi, in difetto, la nullità del decreto che decide il ricorso per violazione del principio del contraddittorio, a nulla rilevando che l’audizione, nella specie, sia stata effettuata davanti alla Commissione territoriale in data anteriore alla consumazione del termine di 180 giorni dall’entrata in vigore del D.L. n. 13 del 2017, convertito nella legge n. 46 del 2017, essendo l’udienza di comparizione delle parti, anche in tale ipotesi, conseguenza obbligata della mancanza della videoregistrazione.

Cassazione civile sez. VI, 13/02/2019, n.4291

Rito del lavoro: costituzione del convenuto

A norma dell’art. 416 c.p.c. la costituzione del convenuto (sia essa tempestiva che tardiva), nel rito del lavoro (così come in quello ordinario, ai sensi degli art. 166 e 167 c.p.c. in relazione all’art. 293 c.p.c. dello stesso codice), si effettua mediante il deposito, in cancelleria o all’udienza, di un fascicolo contenente la procura e le difese scritte, con la conseguenza che, in difetto di tale adempimento, la comparizione del difensore all’udienza, munito di sola procura, non è idonea a impedire la contumacia.

Tribunale Roma sez. lav., 05/02/2019, n.1099

Mancanza della videoregistrazione del colloquio

Nel giudizio di impugnazione della decisione della Commissione territoriale innanzi all’autorità giudiziaria, in caso di mancanza della videoregistrazione del colloquio, il giudice deve necessariamente fissare, pena la violazione del contraddittorio, l’udienza per la comparizione delle parti, configurandosi, in difetto, la nullità del decreto con il quale viene deciso il ricorso, senza che sorga tuttavia l’automatica necessità di dare corso all’audizione il cui obbligo, conformemente alla direttiva 2013/32/CE, grava esclusivamente sull’autorità amministrativa incaricata di procedere all’esame del richiedente; ne consegue che il giudice può decidere in base ai soli elementi contenuti nel fascicolo, ivi compreso il verbale o la trascrizione del colloquio svoltosi dinanzi alla Commissione.

Cassazione civile sez. VI, 31/01/2019, n.2817

Pignoramento presso terzi

Il creditore procedente deve procedere all’iscrizione a ruolo nel termine di 30 giorni decorrente, stante il chiaro tenore della norma di cui all’art. 543 c.p.c., dalla consegna al creditore procedente dell’originale del pignoramento, e ciò, evidentemente, per consentire al creditore procedente di valutare le dichiarazioni del terzo e, quindi, se procedere nell’iniziativa esecutiva, a nulla rilevando, in contrario, che lo stesso sia stato eseguito dopo la data dell’udienza di comparizione indicata nell’atto di pignoramento.

Tribunale Enna, 24/01/2019, n.31

Procedimento davanti al giudice di pace

Nel procedimento dinanzi al giudice di pace, non essendo configurabile alcuna distinzione tra udienza di prima comparizione e prima udienza di trattazione, al convenuto non costituito alla prima udienza, e costituito – tardivamente all’udienza successiva (fissata, nella specie, per “richieste istruttorie ed eventuale precisazione delle conclusioni”), preclusa la facoltà di proporre domande o eccezioni (da considerarsi nuove) e di produrre documenti.

Cassazione civile sez. VI, 18/01/2019, n.1419

Decorrenza del termine per il deposito dell’istanza di ricusazione del consulente

L’art. 192, comma 2 c.p.c., prevedendo che l’istanza di ricusazione del consulente tecnico d’ufficio debba essere presentata con apposito ricorso depositato in cancelleria almeno tre giorni prima dell’udienza di comparizione, preclude definitivamente la possibilità di far valere successivamente la situazione di incompatibilità, con la conseguenza che la consulenza rimane ritualmente acquisita al processo.

Nell’ipotesi, poi, in cui la parte venga a conoscenza della situazione di incompatibilità del consulente soltanto successivamente alla scadenza del predetto termine, è possibile prospettare le ragioni che giustificano un provvedimento di sostituzione, affinché il giudice, se lo ritiene, si avvalga dei poteri che gli conferisce in tal senso l’art. 196 c.p.c.

Tribunale Napoli sez. VIII, 16/05/2019, n.5166

Inosservanza del termine a comparire

Nel rito del lavoro, all’inosservanza del termine a comparire ex art. 435, comma 3, c.p.c., consegue non già l’improcedibilità dell’appello, bensì la nullità della notificazione suscettibile, perciò, di essere rinnovata, previa fissazione di una successiva udienza e concessione di un nuovo termine per la notifica, sebbene la stessa sia stata eseguita in un termine “ab initio” insufficiente.(Nella specie, la S.C. ha cassato con rinvio la decisione di merito che, in presenza di una notifica del ricorso e del decreto di fissazione dell’udienza eseguita appena 14 giorni prima della data fissata per l’udienza di comparizione, aveva dichiarato l’improcedibilità dell’appello, ritenendo ostativo alla concessione di un nuovo termine per la notifica il principio di ragionevole durata del processo ex art. 111 Cost.).

Cassazione civile sez. VI, 13/05/2019, n.12691

Assegnazione di termine a comparire inferiore a 90 giorni 

In tema di giudizio di appello, se tra la notifica dell’atto di citazione e l’udienza di comparizione intercorre un termine inferiore a novanta giorni, come prescritto dall’art. 163 bis c.p.c., cui rinvia l’art. 359 c.p.c., l’atto è nullo ex art. 164, comma 1, c.p.c. e deve applicarsi il secondo comma di tale norma, secondo cui in caso di mancata costituzione del convenuto, il giudice, rilevata la nullità della citazione, ne dispone la rinnovazione entro un termine perentorio.

La sanatoria del vizio ha efficacia ex tunc e l’atto risulta valido ed efficace fin dalla prima notifica, così da impedire il passaggio in giudicato della sentenza impugnata, non assumendo alcun rilievo che sia già decorso il termine per impugnazione al momento del rinnovo.

Cassazione civile sez. I, 02/05/2019, n.11549

L’espresso rifiuto di assistere all’udienza da parte dell’imputato detenuto

La revoca della contumacia interviene non solo nel caso di successiva comparizione in udienza dell’interessato, ma anche in quello di espresso rifiuto di assistervi da parte dell’imputato detenuto.

Cassazione penale sez. I, 18/04/2019, n.26704



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube