L’esperto | Articoli

Valore immobile: ultime sentenze

26 Luglio 2019
Valore immobile: ultime sentenze

In questo articolo, troverai le ultime sentenze su: avviso di accertamento; lesione del diritto di proprietà; esercizio abusivo di una servitù di veduta; perdita di clientela subita dal conduttore; collegamento materiale fra l’immobile del ricorrente e quello interessato dai lavori; diminuzione di valore dell’immobile.

Avviso di accertamento: quando è illegittimo?

E’ illegittimo l’avviso di accertamento in rettifica dell’imposta di registro, con il quale l’Agenzia delle Entrate contesta il maggior valore dell’immobile in luogo di quello dichiarato, emesso solo sulla base della valutazione dei valori OMI.

A fronte di specifiche contestazioni del contribuente sull’unico elemento di valutazione comparativo, l’Erario ha l’onere di dimostrare la congruità dei valori utilizzati per la comparazione, argomentando in merito alle specifiche questioni proposte.

Comm. trib. reg. Catania, (Sicilia) sez. XV, 21/05/2019, n.3131

Valore reddituale dell’immobile

La lesione del diritto di proprietà, conseguente all’esercizio abusivo di una servitù di veduta, è di per sé produttiva di un danno, il cui accertamento non richiede, pertanto, una specifica attività probatoria e per il risarcimento del quale il giudice deve procedere ai sensi dell’art. 1226 c.c., adottando eventualmente, quale parametro di liquidazione equitativa, una percentuale del valore reddituale dell’immobile, la cui fruibilità sia stata temporaneamente ridotta.

Cassazione civile sez. VI, 13/05/2019, n.12630

Il diritto all’indennità per perdita di avviamento

L’indennità per la perdita di avviamento ha la funzione di riequilibrare la posizione delle parti, onde compensare, da un lato, la perdita di clientela subita dal conduttore e, dall’altro, di evitare che il locatore possa realizzare un arricchimento senza causa per effetto dell’incremento di valore dell’immobile dovuto all’attività del conduttore; il diritto all’indennità sorge, del resto, per il solo fatto dell’avvenuta cessazione del rapporto locatizio, senza che incomba sul conduttore alcun particolare onere probatorio circa l’eventuale danno subito.

Tribunale Potenza, 26/04/2019, n.373

Legittimazione del proprietario confinate

Ai fini della legittimazione a impugnare un titolo edilizio da parte del proprietario confinante (o di chi si trovi in una posizione analoga), è sufficiente la semplice vicinitas, ossia la dimostrazione di uno stabile collegamento materiale fra l’immobile del ricorrente e quello interessato dai lavori, escludendosi in linea di principio la necessità di dare dimostrazione di un pregiudizio specifico e ulteriore, atteso che tale pregiudizio deve ragionevolmente ritenersi sussistente in re ipsa in quanto consegue necessariamente dalla maggiore tropizzazione (traffico, rumore), dalla minore qualità panoramica, ambientale, paesaggistica e dalla possibile diminuzione di valore dell’immobile.

T.A.R. Catanzaro, (Calabria) sez. I, 01/03/2019, n.417

Sanzione paesaggistica e valore venale acquistato dagli immobili per la trasgressione

In tema di sanzione paesaggistica, il profitto va rapportato all’effettivo vantaggio economico ottenuto dal trasgressore, ovvero va identificato nell’incremento del valore venale che gli immobili acquistano per effetto della trasgressione, incremento che viene determinato come differenza tra il valore attuale e il valore dell’immobile prima dell’esecuzione delle opere abusive. E a questo proposito l’aumento di superficie può certamente venire in considerazione ai fini di un aumento di valore dell’immobile o, comunque, dell’accertamento del profitto.

T.A.R. Genova, (Liguria) sez. I, 22/02/2019, n.139

Valore di mercato dell’immobile

In tema di violazione delle norme sulle distanze, una volta che venga disposta la demolizione delle opere realizzate in violazione delle norme sulle distanze legali, il risarcimento del danno deve essere computato tenendo conto della temporaneità della lesione del bene protetto dalle norme violate e non già avendo riguardo al valore di mercato dell’immobile, diminuito per effetto della detta violazione, essendo il relativo pregiudizio suscettibile di essere eliminato.

Tribunale Siena, 13/12/2018, n.1448

Valore di mercato e valore catastale

In tema di estimo catastale, qualora il nuovo classamento sia stato adottato ai sensi dell’art. 1, comma 335, della l. n. 311 del 2004 nell’ambito di una revisione parziale dei parametri catastali della microzona nella quale l’immobile è situato, giustificata dal significativo scostamento del rapporto tra il valore di mercato ed il valore catastale rispetto all’analogo rapporto sussistente nell’insieme delle microzone comunali, il provvedimento di riclassamento, dovendo porre il contribuente in grado di conoscere le concrete ragioni che lo giustificano – come evidenziato anche dalla sentenza della Corte Cost. n. 249 del 2017 – deve indicare i motivi per i quali i valori considerati abbiano determinato il suddetto scostamento, facendo riferimento agli atti da cui ha tratto impulso l’accertamento, costituiti dalla richiesta del Comune e dalla determinazione del direttore dell’Agenzia del territorio, nonché ai dati essenziali del procedimento estimativo delineati da tali fonti normative integrative che abbiano inciso sul classamento.

Cassazione civile sez. VI, 10/12/2018, n.31829

Indennità di avviamento nella locazione commerciale: funzione e natura

Il bene tutelato dalle disposizioni degli articoli 34 e 35, L. n. 392/1978 è costituito dall’avviamento creato dal conduttore per mezzo dello svolgimento della propria attività commerciale all’interno nell’immobile locato.

La disposizione trova fondamento nell’esigenza di ripristinare, a seguito della cessazione della locazione, l’equilibrio economico e sociale turbato per effetto della suddetta causa, e la prevista indennità si giustifica nei confronti del conduttore quale compenso per la perdita dell’avviamento che egli, con la sua operosità, ha creato nel locale locato, così da evitare, nei confronti del locatore, l’arricchimento che, senza causa propria, egli consegue per l’incremento di valore che l’immobile ha ricevuto per l’attività svoltavi dal conduttore.

Essendo queste le finalità di tale indennità, è facile comprendere come il legislatore ha inteso collegare questa indennità alla sussistenza di un effettivo avviamento che possa, almeno astrattamente, subire pregiudizio a seguito della cessazione della locazione e del trasferimento del conduttore. Da ciò discende che l’avviamento ex art. 34 L. n. 392/1978 ha natura di obbligazione legale tanto da essere corrisposta dai proprietari-locatori di immobili commerciali ai conduttori sia nell’an che nel quantum.

Conseguentemente, l’indennità prevista ex art. 34 non ha un’origine negoziale tra le parti né deriva da un nesso sinallagmatico, perché i presupposti indennitari liquidati sono specificati dalla norma previsti ex art. 34 e determinati dal giudice.

Corte appello Venezia sez. IV, 24/10/2018, n.2917

Responsabilità amministrativa degli enti dipendente da reato

In tema di responsabilità amministrativa degli enti dipendente da reato, in caso di prescrizione del reato presupposto commesso dall’amministratore, il giudice deve procedere all’accertamento autonomo della responsabilità amministrativa della persona giuridica nel cui interesse e nel cui vantaggio l’illecito è stato commesso, senza prescindere però da una verifica quantomeno incidentale della sussistenza del fatto reato.

Di conseguenza, il giudice non può ordinare la confisca delle quote sociali e dei beni della società, senza determinare se vi sia stato un vantaggio per la compagine sociale. Ad affermarlo è la Cassazione che accoglie così il ricorso di una Srl condannata a pagare una sanzione di 60 mila euro e nei confronti della quale era stata confermata la confisca delle quote sociali e del capannone industriale.

Per la Corte nella fattispecie mancava la determinazione dell’illecito vantaggio dell’ente, che potrebbe non coincidere con il profitto ricavato dalla persona fisica, e l’indicazione del valore dell’immobile sottoposto a confisca, mai citato nelle sentenze di merito.

Cassazione penale sez. II, 19/10/2018, n.52470

Revisione del classamento

In tema di estimo catastale, qualora il nuovo classamento sia stato adottato ai sensi dell’art. 1, comma 335, della l. n. 311 del 2004, nell’ambito di una revisione parziale dei parametri della microzona nella quale l’immobile è situato, giustificata dal significativo scostamento del rapporto tra il valore di mercato ed il valore catastale rispetto all’analogo rapporto sussistente nell’insieme delle microzone comunali, non può ritenersi congruamente motivato il provvedimento di riclassamento che faccia esclusivamente riferimento al suddetti parametri di legge ed ai provvedimenti amministrativi a fondamento del riclassamento, allorché da questi ultimi non siano evincibili gli elementi (come la qualità urbana del contesto nel quale l’immobile è inserito, la qualità ambientale della zona di mercato in cui l’unità è situata, le caratteristiche edilizie del fabbricato) che, in concreto, hanno inciso sul diverso classamento, esigendosi che detto obbligo motivazionale sia assolto in maniera rigorosa in modo che il contribuente sia posto in condizione di conoscere le concrete ragioni che giustificano il provvedimento, avente carattere “diffuso”.

Cassazione civile sez. VI, 26/09/2018, n.23129



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube