Business | Articoli

Concorso scuola 2018: ecco il decreto

10 Febbraio 2018 | Autore:


> Business Pubblicato il 10 Febbraio 2018



Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto per il concorso scuola 2018 riservato ai docenti con abilitazione e di ruolo

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dell’Istruzione [1] che stabilisce le regole per l’espletamento del concorso attraverso il quale saranno selezionati i futuri docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado. Si tratta dell’atteso concorso riservato a chi è già in possesso di un titolo di abilitazione all’insegnamento.

Il decreto in commento disciplina numerosi aspetti della procedura concorsuale finalizzata all’assunzione del personale docente già in possesso di un titolo di abilitazione all’insegnamento per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Ma vediamone meglio i dettagli.

Concorso scuola 2018: lo svolgimento

Il concorso scuola 2018 è finalizzato alla formazione di una graduatoria cui hanno accesso i docenti che superano la seguenti prove:

  • una prova orale non selettiva consistente in una lezione simulata e nell’esplicitazione delle scelte didattiche e metodologiche in relazione ai contenuti disciplinari e al contesto scolastico indicati dalla commissione;
  • una valutazione dei titoli e servizio sulla base dei criteri indicati da una Tabella allegata al decreto stesso.

Concorso scuola 2018: la domanda di partecipazione

Il concorso scuola 2018 è organizzato su base regionale per cui i candidati possono presentare domanda di partecipazione in un’unica regione anche se per più classi di concorso. Il decreto, però, prevede che nel caso in cui, per determinate classi di concorso, i candidati siano pochi, la selezione potrà avvenire su scala interregionale. Da quanto si legge nel decreto, il termine per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso è posto alle ore 23.59 del trentesimo giorno successivo alla data iniziale indicata nel bando per la presentazione delle istanze. Il Miur ha comunicato che le domande di partecipazione si potranno presentare – anche online – dalle 9:00 del 20 febbraio fino alle 23:59 del 22 marzo 2018. Per presentare la domanda è necessario provvedere al pagamento di una tassa concorsuale di 5 euro.

Concorso scuola 2018: i requisiti di accesso

Come anticipato, i candidati che intendono partecipare al concorso devono essere in possesso del titolo di abilitazione all’insegnamento per la classe di concorso richiesta e/o della specializzazione al sostegno per il grado di scuola richiesto, conseguita entro il 31 maggio 2017. Per gli insegnanti tecnico pratici (Itp), invece, il requisito richiesto è l’iscrizione nelle GaE o nella II fascia delle graduatorie di istituto, sempre alla data del 31 maggio 2017. Sono altresì ammessi a partecipare con riserva coloro che, avendo conseguito il titolo abilitante o la specializzazione sul sostegno all’estero entro il 31 maggio 2017 abbiano comunque presentato la relativa domanda di riconoscimento alla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, entro la data termine per la presentazione delle istanze per la partecipazione alla procedura concorsuale. Sono altresì ammessi con riserva, i candidati che posseggono i requisiti necessari in seguito a provvedimenti giudiziari non definitivi. Infine, in accoglimento della Sentenza della Corte Costituzione dell’8 novembre 2017, il Miur ha concesso la possibilità di partecipare al concorso scuola 2018 anche al personale già a tempo indeterminato. Sarà poi il bando a disciplinare gli ulteriori requisiti di ammissione al concorso.

Concorso Scuola 2018: il punteggio

All’esito dello svolgimento della prova orale i candidati ricevono un punteggio massimo di 40 punti, di cui 3 relativi alle capacità di comprensione e conversazione in lingua straniera e 3 in ordine alle capacità di utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. A questo punteggio si somma, poi, quello derivante dalla valutazione di titoli e servizi, così per come previsto dalla tabella di valutazione allegata al Decreto ministeriale che, in proposito, prevede l’assegnazione di un massimo di 60 punti relativi a:

  • titolo di accesso: fino a 34 punti;
  • ulteriori titoli professionali e culturali: fino a 25 punti;
  • pubblicazioni: fino a 9 punti;
  • servizi di insegnamento: fino a 30 punti.

Concorso Scuola: le graduatorie

Valutata la prova orale e i titoli e il servizio, i candidati vengono inseriti in una graduatoria di merito regionale ad esaurimento, dalla quale sono poi ammessi al percorso annuale o terzo anno Fit, superato il quale sono assunti in ruolo. La compilazione della graduatoria regionale è di competenza della Commissione giudicatrice del concorso che vi procede sulla base della valutazione della prova orale e dei titoli posseduti dai candidati. Dalle graduatorie i candidati sono ammessi al percorso annuale o terzo anno Fit, superato il quale accedono al ruolo.

Lo scorrimento delle graduatorie avviene annualmente nel limite dei posti indicati dalla legge [2] ai fini dell’ammissione al percorso annuale o terzo anno Fit. I posti destinati a questo concorso scuola 2018 sono i seguenti:

  • il 100% dei posti per gli anni scolastici 2018/19 e 2019/2020;
  • l’80% dei posti per gli anni scolastici 2020/2021 e 2021/2022;
  • il 60% dei posti per gli anni scolastici 2022/2023 e 2023/2024;
  • il 40% dei posti per gli anni scolastici 2024/2025 e 2025/2026;
  • il 30% dei posti per gli anni scolastici 2026/2027 e 2027/2028;
  • il 20% dei posti per tutti gli anni successivi, sino ad esaurimento.

 

note

[1] D.M. n. 995 del 15.12.2017 pubblicato in G.U. del 09.02.2018.

[2] Art. 17, comma 2 lett. b) del d. lgs. n. 59/2017.

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI