Diritto e Fisco | Articoli

Pensione di vecchiaia senza contributi

4 Luglio 2019 | Autore:
Pensione di vecchiaia senza contributi

Al compimento dell’età pensionabile si può ottenere un assegno senza aver versato contributi all’Inps?

Stai per compiere 67 anni e non vedi l’ora di ricevere la pensione di vecchiaia? In effetti 67 anni corrisponde all’età pensionabile, cioè all’età a partire dalla quale si ha diritto al trattamento di vecchiaia ordinario liquidato dall’Inps.

Tuttavia, non sempre al compimento del sessantasettesimo anno di età si ha diritto alla pensione: bisogna infatti avere alle spalle almeno 20 anni di versamenti all’Inps. Solo in rare eccezioni, è consentito ottenere il trattamento di vecchiaia con 15 anni di contributi: è il caso dei beneficiari delle cosiddette deroghe Amato.

Se, poi, hai iniziato a contribuire dal 1996 in poi, per ottenere la pensione di vecchiaia, oltre a 20 anni di contributi, devi avere anche un trattamento almeno pari a 1,5 volte l’assegno sociale; puoi però ottenere la pensione di vecchiaia a 71 anni, con soli 5 anni di contributi.

Ma si può ottenere la pensione di vecchiaia senza contributi?

Chi non ha contributi può ottenere una pensione, una volta compiuta l’età per la vecchiaia: non si tratta, però, di un trattamento di previdenza, ma di una prestazione di assistenza, che spetta se ci si trova in una situazione di bisogno economico.

La “pensione di vecchiaia” che si può ottenere senza contributi si chiama assegno sociale, ammonta a circa 458 euro al mese e viene erogato a partire dai 67 anni di età, in presenza di un reddito inferiore a determinate soglie. Sempre dai 67 anni di età, in presenza di ulteriori requisiti si può aver diritto a una prestazione aggiuntiva, la pensione di cittadinanza, che può superare i 1500 euro al mese. Ma procediamo con ordine.

Come ottenere la pensione di vecchiaia senza contributi?

Gli anziani in stato di bisogno economico, al compimento dei 67 anni, quindi dell’età per la pensione di vecchiaia, possono ottenere l’assegno sociale.

Nello specifico, l’assegno sociale, che dal 1996 ha sostituito la pensione sociale, è una prestazione di assistenza, che ammonta a 457,99 euro mensili (più eventuali maggiorazioni; il valore si riferisce all’anno 2019).

Il trattamento è riconosciuto dall’Inps ai cittadini che hanno un reddito al di sotto di un certo limite e che non hanno diritto (eccetto alcune particolari situazioni) alla pensione di vecchiaia, anticipata, di anzianità o ad altri trattamenti previdenziali.

Puoi ottenere l’assegno sociale se soddisfi le seguenti condizioni:

  • hai compiuto 67 anni di età (requisito valido per il biennio 2019- 2020);
  • hai la cittadinanza italiana, o, in alternativa:
    • la cittadinanza di un Paese europeo, se hai effettuato iscrizione all’anagrafe del comune di residenza;
    • la cittadinanza di un Paese extraeuropeo, se possiedi il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • hai la residenza effettiva, stabile e continuativa per almeno 10 anni nel territorio italiano;
  • possiedi un reddito non superiore a 5.953,87 euro annui, se non coniugato;
  • possiedi un reddito non superiore a 11.907,74 euro annui, se coniugato.

L’importo dell’assegno sociale può inoltre essere aumentato, grazie alla maggiorazione ed all’incremento al milione.

Come ottenere la pensione di vecchiaia senza contributi se si è invalidi?

Se sei invalido civile dal 74%, al compimento dei 67 anni la pensione d’invalidità o inabilità civile ti viene trasformata in assegno sociale sostitutivo.

L’importo dell’assegno sociale sostitutivo, per il 2019, ammonta a:

  • 372,98 euro al mese per gli invalidi civili dal 74% al 99%, con un limite di reddito personale pari a 4.906,72 euro annui; a determinate condizioni di reddito è possibile ottenere l’aumento del sussidio, pari a 85,01 euro mensili, che può far arrivare l’assegno sino a 457,99 euro mensili;
  • 372,98 euro mensili per gli invalidi civili al 100%, con un limite di reddito personale annuo pari a 16.814,34 euro; a determinate condizioni reddituali è possibile ottenere l’aumento della prestazione, pari a 85,01 euro mensili, che può far arrivare l’assegno sino a 457,99 euro mensili.

Come ottenere la pensione di cittadinanza?

Nella tua famiglia avete tutti almeno 67 anni (eccetto eventuali componenti disabili gravi) ed un reddito molto basso?

Potresti aver diritto alla pensione di cittadinanza: si tratta di una prestazione mensile che può andare da un minimo di 40 euro al mese sino a un massimo di 1536 euro mensili, a seconda della composizione del nucleo familiare, dei redditi e dei requisiti posseduti.

Nel dettaglio, la tua famiglia può ottenere la pensione di cittadinanza se:

  • il reddito familiare (da aumentare in base alla scala di equivalenza) non supera 7560 euro;
  • l’Isee della famiglia non supera 9360 euro;
  • il patrimonio immobiliare familiare non supera 30mila euro (esclusa la casa di abitazione9;
  • il patrimonio mobiliare della famiglia non supera specifici limiti (nella maggior parte dei casi, da 6 a 10 mila euro);
  • nessun componente del nucleo possiede autoveicoli immatricolati da meno di 6 mesi, o con cilindrata superiore a 1.600 cc e motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, o immatricolati nei 2 anni precedenti, navi o imbarcazioni da diporto.

Per saperne di più, leggi la nostra Guida alla pensione di cittadinanza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube