Diritto e Fisco | Articoli

Bollette acqua, aumenti retroattivi: arriva il maxi conguaglio

9 Luglio 2019
Bollette acqua, aumenti retroattivi: arriva il maxi conguaglio

Bollette ricalcolate sul numero dei componenti il nucleo familiare a partire dal 1° gennaio 2018: questo potrebbe voler dire un incremento dei costi anche per il passato.

Un colossale conguaglio: lo potremo chiamare così quello che le famiglie italiane stanno per ricevere a casa. Una maxi stangata della bolletta dell’acqua dovuta per via di un adeguamento delle tariffe idriche – leggasi rincaro – con effetto retroattivo al 1° gennaio 2018. Sì, hai letto bene: un aumento retroattivo. In pratica, l’incremento dei costi non varrà solo per le bollette che riceverai da oggi in poi, ma anche per quelle passate. Il tutto con la benedizione di Arera – l’Autorità Garante “di-non-si-sa-cosa” – che, con una recente delibera ha introdotto una normativa a livello nazionale sull’articolazione tariffaria del servizio idrico integrato a decorrere dal 1 gennaio 2018.

L’obiettivo di questa novità è in primo luogo quello di riordinare e uniformare a livello nazionale le varie categorie di utenza e rendere più chiaro e immediato il calcolo di quanto dovuto al gestore a fronte del servizio. Il provvedimento dell’Autorità impone la completa ristrutturazione dei corrispettivi tariffari ed una nuova classificazione delle utenze, per superare le differenze applicate a livello locale. In questo modo, su tutta l’Italia varranno le medesime regole.

Il metodo con cui avverrà questo adeguamento è, però, quantomai discutibile. Come avverte Il Sole 24 Ore questa mattina in edicola, «per i consumi dell’acquedotto sono pertanto in arrivo nuove tariffe che vengono applicate con effetto retroattivo dal 1 gennaio 2018. Per alcuni utenti potrebbe essere una stangata intollerabile, ma è quasi impossibile districarsi nella giungla di tariffe, categorie e sottocategorie». 

Difatti, nei condomini, la ripartizione dei costi tra i singoli appartamenti «dovrebbe avvenire tenendo conto delle imputazioni personali e della destinazione dell’utenza: domestica residenziale, domestica non residenziale, commerciale e tariffa per fascia sociale in base al nucleo familiare. Calcolo complesso e quasi impossibile, ma la cui non effettuazione corretta può determinare la nullità dei riparti».

In più, per la prima volta, viene sposato un criterio di determinazione dei costi pro capite ossia in funzione del numero di componenti dell’utenza domestica. La famiglia con tante persone pagherà di più di quella monopersonale. Per gli amministratori di condominio potrebbe essere assai difficile fare i conteggi visto che i nuclei familiari variano spesso nel corso dell’anno. Si pensi alla difficoltà delle imputazioni per le residenze domestiche utilizzate quale casa vacanza, ai contratti per uso transitorio o studenti universitari eccetera.

Resterà sempre la distinzione tra una quota fissa indipendente dal consumo (che copre i costi per la gestione delle infrastrutture idriche e le attività necessarie a garantire il servizio) e una quota variabile, che varia in maniera proporzionale al consumo. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

6 Commenti

  1. Salve,
    qual’è la determina ARERA che sancisce questo nuovo regime tariffario? Se ho ben capito, la tariffazione deve tener conto del numero dei componenti familiari, quindi si tiene conto del consumo procapite. Giusto?

    1. Raffaele ti consigliamo lalettura dei nostri articoli:
      -Bolletta: da oggi consultabile anche online https://www.laleggepertutti.it/291130_bolletta-da-oggi-consultabile-anche-online
      -Bollette acqua, aumenti retroattivi: arriva il maxi conguaglio https://www.laleggepertutti.it/292026_bollette-acqua-aumenti-retroattivi-arriva-il-maxi-conguaglio
      -Bollette acqua: la conciliazione al Garante Arera https://www.laleggepertutti.it/235604_bollette-acqua-la-conciliazione-al-garante-arera
      -Raccolta rifiuti: nasce l’Arera https://www.laleggepertutti.it/227656_raccolta-rifiuti-nasce-larera

  2. Ma se con la lettura dei contatori dell’acqua abbiamo SEMPRE PAGATO I CONSUMI EFFETTIVI che bisogno c’è di contare il numero delle persone?!?! Magare c’è il singolo che consuma metri cubi per farsi la vasca e famiglie numerose oculate che fanno docce veloci…. che senso ha il NUMERO DEI COMPONENTI DEL NUCLEO FAMILIARE?!!?

    1. Sembra che valga per i condomini dove c’è un contatore unico, infatti continua a parlare di riparti fra condomini.

  3. Per il contratto di fornitura a bocca tarata, con un rata bimestrale fissa di circa € 200, mi è arrivata una richiesta di conguagli arretrati, da gennaio 2018, di € 2.350.
    Non solo, i 200 Euri bimestrali sono diventati 350.
    Ma questa ARERA che “sancisce” questi aumenti sproporzionati, chi è? Chi ne fa parte? Chi la controlla?
    Associazioni dei consumatori che cosa ne pensate?
    I gilet gialli francesi avrebbero fatto la rivoluzione!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube