Diritto e Fisco | Articoli

Donazione indiretta: posso intestare un immobile a un minore?

3 Agosto 2019
Donazione indiretta: posso intestare un immobile a un minore?

Desidero acquistare una seconda casa da destinare ad abitazione per mio nipote e la madre, attualmente in fase di separazione con mio figlio: vorrei intestarla a mio nipote. Vorrei sapere come procedere, se sono necessari il consenso di mio figlio e l’autorizzazione del giudice tutelare e cosa cambierebbe in caso di cointestazione dell’immobile tra mio nipote e la madre.

Gentile cliente, entro subito nel merito del quesito da lei posto.

In esso viene prospettata l’intenzione di acquistare un immobile per poi intestarlo ad un soggetto terzo: si tratta, come da lei giustamente intuito, di una donazione indiretta, poiché la persona che impiega il denaro per il compimento di questa operazione realizza, anche se indirettamente, una vera e propria donazione, con conseguente depauperamento del donante e contestuale incremento patrimoniale del beneficiario/intestatario dell’immobile così acquistato.

Il contratto così concluso si allontana dallo schema tipico della donazione, normalmente stipulata per atto pubblico e con la presenza di due testimoni, tuttavia è inequivocabile che stiamo parlando di un negozio giuridico pienamente ammesso nel nostro ordinamento, come confermano:

  • il vigente codice civile. Esso riconosce le cosiddette donazioni indirette, precisando e stabilendo, altresì, come a queste siano applicabili alcune norme che si riferiscono alle donazioni tipiche [1];
  • la giurisprudenza corrente. Essa chiarisce che la donazione indiretta consiste, comunque, nell’elargizione di una liberalità. Questa verrebbe eseguita, non con lo schema standard previsto in questi casi, ma piuttosto con un contratto oneroso che produce, contestualmente con gli effetti che gli appartengono, l’arricchimento del destinatario della stessa liberalità [2]. Inoltre, a proposito dell’acquisto di un immobile da parte di un soggetto con denaro appartenente ad un altro, la Suprema Corte di Cassazione ha chiarito che questa operazione integra gli estremi di una donazione indiretta, sole se il corrispettivo della compravendita viene erogato completamente dal donante al donatario allo scopo esclusivo di acquistare il bene oppure attraverso il pagamento diretto dell’importo pattuito al venditore [3]. Viceversa se il donante consegna al donatario una somma di denaro che questi decide di impiegare per l’acquisto di un immobile, non si ha donazione indiretta di quest’ultimo, ma soltanto una semplice donazione diretta della cifra in questione.

Chiarito, quindi, che l’operazione paventata in quesito rientra nello schema della donazione indiretta e che questa è teoricamente fattibile senza alcun problema, diventa fondamentale esaminare il secondo aspetto molto importante della vicenda qui in esame: l’acquisto di un bene da parte di un minore.

A questo riguardo, è bene ricordare che la donazione di un bene (diretta o indiretta che sia) a favore di un minorenne è pacificamente considerata dalla legge italiana un atto di straordinaria amministrazione.

Per questa ragione, l’acquisto della nuova casa, con denaro proprio e contestuale intestazione a favore di suo nipote (anche se dovesse essere parziale e in comproprietà con la madre) necessita di autorizzazione ad opera del giudice tutelare nonché di specifica accettazione da parte dei rispettivi genitori e intervento dei medesimi nel procedimento dinanzi al Tribunale competente.

Un minorenne, infatti, non ha la capacità giuridica per partecipare ad un atto di compravendita come quello prospettato in quesito, ma necessita dell’accettazione dei propri genitori in luogo e per conto del medesimo, in quanto congiuntamente rappresentanti del proprio figlio in tutti gli atti civili. Il padre e la madre, infatti, per esplicita previsione normativa, non possono vendere un bene del medesimo, accettare donazioni oppure realizzare altri atti eccedenti la cosiddetta ordinaria amministrazione, se non per necessità o utilità evidente del figlio e solo dopo aver ricevuto l’autorizzazione dal giudice tutelare [4].

Nel suo caso, pertanto, sarà necessario avviare un procedimento giudiziale (definito tecnicamente di volontaria giurisdizione), con ricorso da depositare presso il Tribunale competente nel territorio di domicilio del minore, per ottenere il requisito indispensabile alla realizzazione della donazione indiretta da lei voluta. Potrebbe essere lo stesso notaio, incaricato per la stipula dell’atto, ad assistervi nell’intero compimento del procedimento appena descritto (sempreché vi sia pieno accordo tra la parte donante e quella donataria), che dovrebbe concludersi in poche settimane, fatte salve le esigenze d’ufficio del Tribunale coinvolto.

Detto ciò, sembra opportuno affrontare ed approfondire un argomento non di poco conto che caratterizzerebbe l’operazione che intende realizzare e che potrebbe condizionare l’intera vicenda: i futuri diritti ereditari di suo figlio.

Questi è, infatti, considerato dalla legge come un suo potenziale erede legittimario. In termini più semplici, ciò significa che suo figlio avrà diritto ad una quota minima del suo patrimonio; e poiché, secondo la legge stessa, il patrimonio ereditario di una persona defunta deve essere calcolato considerando non soltanto i beni rimasti, ma anche quelli che sono stati oggetto di donazione in vita, suo figlio, alla sua dipartita, potrebbe chiedere conto della donazione indiretta da lei realizzata a favore di suo nipote.

In pratica suo figlio potrebbe agire in riduzione nei confronti della predetta liberalità, ove mai la stessa fosse necessaria per ripristinare la quota minima ereditaria a lui spettante: ad esempio potrebbe pretendere dal figlio la somma di denaro necessaria ad integrare quanto dovutogli a titolo ereditario (ovviamente non è detto che lo faccia, ma per compiuta informazione, devo chiarirle questo aspetto).

Questa situazione potrebbe altresì incidere sul compimento della stessa donazione ipotizzata in quesito. Suo figlio, infatti, per le ragioni appena esposte, sarebbe in conflitto di interessi patrimoniale con suo nipote. Per questa ragione, la rappresentanza di suo nipote spetterebbe esclusivamente alla madre, così come prevede la legge in questi casi [5], che, in sostanza, una volta autorizzata dal giudice tutelare, procederebbe ad accettare la donazione indiretta in luogo e per conto del minore. Circostanza questa che, però, non impedirebbe all’altro genitore (cioè suo figlio) di fare reclamo avverso il provvedimento del Tribunale adito [6].

In sostanza, quindi, appare chiaro che la donazione indiretta immobiliare qui esaminata sarebbe fattibile, ma potrebbe risultare complicata e da lei ritenuta poco opportuna, soprattutto in presenza di dissapori e contrasti tra i genitori di suo nipote e di disaccordo con suo figlio.

Infine non manchi di considerare che di fronte a tali potenziali difficoltà, l’ipotetico venditore potrebbe preferire un acquirente e una procedura di vendita del proprio immobile più agevole e meno tortuosa di quella si prospetterebbe.

D’altra parte se intende intestare un immobile al bambino, anche solo in comproprietà con la madre, non c’è altra strada per farlo oltre quella qui descritta.

Pertanto, se in relazione alla prospettata separazione della coppia, il suo scopo è quello di investire in un immobile in grado di assicurare a suo nipote un’abitazione stabile dove vivere con la madre, ma nel contempo vuole aggirare ogni tipo di contrasto di fatto con suo figlio, una soluzione potrebbe essere quella di acquistare personalmente la casa desiderata, per poi successivamente destinarla in comodato d’uso gratuito a favore di sua nuora, con termine di durata del contratto, ad esempio, sino alla maggiore età di suo nipote.

Si tratterebbe di un’operazione fattibile, senza ricorrere al giudice tutelare, e che non comporterebbe alcuna conseguenza sul piano ereditario. La Cassazione [7] ha infatti escluso che la concessione in comodato d’uso gratuito di un immobile possa rientrare nello schema della donazione indiretta e che, pertanto, possa essere oggetto di un’eventuale azione di riduzione. In tal caso, infatti, sostengono gli Ermellini, l’obbligo di restituzione della cosa comodata:

  • sarebbe incompatibile con la perdita definitiva del bene, tipica della donazione;
  • sarebbe indice dell’assenza della volontà di donare (cosiddetto animus donandi) in capo al soggetto comodante.

Resta pertanto a lei decidere come procedere, anche alla luce delle varie considerazioni espresse nella presente consulenza.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Marco Borriello

note

[1] Art. 809 cod. civ.

[2] Cass. civ. sent. n. 21449/2015

[3] Cass. civ. sent. n. 17604/2015.

[4] Art. 320 co. 3 cod. civ.

[5] Art. 320 co. 6 cod. civ.

[6] Artt. 720bis e 739 cod. proc. civ.

[7] Cass. civ. sent. n. 27259/2017


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube