Cultura e società | Articoli

Come allontanare le zanzare

10 Luglio 2019 | Autore: Angelica Mocco
Come allontanare le zanzare

> Cultura e società Pubblicato il 10 Luglio 2019



Le punture di zanzara rovinano le giornate all’aria aperta e rendono la vita impossibile a chi è particolarmente predisposto. Scopri in questo articolo i rimedi naturali per allontanarle senza insetticidi.

In estate, non c’è incubo peggiore delle zanzare che ti ronzano nelle orecchie quando cerchi invano di prendere sonno. Con l’arrivo dell’afa è impossibile liberarsene del tutto: qualunque spray, lozione, cerotto o dispositivo tu scelga di utilizzare, ci sarà sempre qualche zanzara superstite che riesce a rovinarti la serata. Ma questo non è un buon motivo per darsi per vinti: se sei stanco di utilizzare insetticidi, potresti attuare tanti piccoli accorgimenti casalinghi che ti aiuteranno a fronteggiare al meglio questa insidia estiva.

In questo articolo, ti spiego come allontanare le zanzare dalla tua abitazione ed evitare che ti pungano mentre trascorri delle attività piacevoli all’aria aperta. Quali rimedi fai da te puoi preparare in casa e quali piante tenute in balcone fungono da repellente naturale per gli insetti? Quali dispositivi elettronici puoi acquistare in alternativa alle zanzariere? Per trovare risposta a queste domande, non ti resta che proseguire nella lettura.

Come utilizzare gli oli essenziali

Un valido rimedio fai da te contro le zanzare, da utilizzare in alternativa agli spray chimici, sono gli oli essenziali, che hanno la funzione di stordire gli insetti e allontanarli. Puoi utilizzarli per preparare rimedi da diffondere nell’ambiente domestico e applicarli sulla pelle con corretti accorgimenti per proteggerti quando sei fuori casa.

Ecco quali sono gli oli essenziali più efficaci contro le zanzare:

  • olio essenziale di citronella;
  • olio essenziale di lavanda;
  • olio essenziale di tea tree oil;
  • olio essenziale di basilico;
  • olio essenziale di menta piperita;
  • olio essenziale di lemongrass;
  • olio essenziale di geranio;
  • olio essenziale di eucalipto;
  • olio essenziale di melissa;
  • olio essenziale di timo;
  • olio essenziale di verbena odorosa.

Questi oli possono essere utilizzati da soli o in miscela tra loro, per preparare spray da diffondere nell’ambiente o lozioni da spalmare sulla cute. È bene ricordare che gli oli essenziali non devono essere applicati puri, in quanto hanno un’azione fortemente irritante, ma è necessario diluirne poche gocce in un olio leggero.

Ecco come utilizzare gli oli essenziali per proteggerti dalle zanzare:

  • prepara una lozione da massaggiare sulla pelle, preferibilmente dopo la doccia, miscelando 4-5 gocce di olio essenziale a tua scelta in 100 ml di olio di mandorle o olio di cocco: è consigliabile applicare l’olio sulla pelle bagnata per favorirne un miglior assorbimento ed evitare l’effetto unto. Inoltre, è importante non esporsi ai raggi diretti del sole dopo l’applicazione, in quanto gli oli essenziali sono fotosensibilizzanti e aumentano il rischio di scottature;
  • prepara uno spray antizanzare naturale da spruzzare nell’ambiente in alternativa agli insetticidi, mescolando all’interno di uno spruzzino con capienza 100 ml i seguenti ingredienti: 75 ml di acqua distillata, 25 ml di alcool e 60 gocce di oli essenziali, nella proporzione desiderata;
  • sempre con lo stesso sistema, in alternativa allo spray, puoi preparare un diffusore di essenze con bastoncini: versa una miscela di 100 ml di alcool e 60 gocce di olio essenziale all’interno di una boccetta per fragranze, inserisci i bastoncini in legno o degli stecchini smussati e ricordati di capovolgerli ogni due giorni per migliorare la diffusione dell’aroma;
  • se utilizzi un diffusore elettrico, è sufficiente aggiungere all’acqua 20-25 gocce di olio essenziale, oppure se utilizzi un brucia essenze con candela, versa una piccola quantità di acqua nella vaschetta, attendi che sia calda e aggiungi qualche goccia di olio essenziale;
  • uno dei rimedi più diffusi, facilmente replicabile in casa con pochi ingredienti, sono le candele aromatiche: sciogli a bagnomaria 100 g di cera vegetale, aggiungi 50 gocce di olio essenziale e mescola; inserisci all’interno dei vasetti in vetro gli stoppini con gli appositi supporti, versa lentamente la cera e lasciala raffreddare completamente;
  • se invece ti occorre una soluzione per quando sei fuori casa ma non vuoi ungerti la pelle, puoi applicare alcune gocce di olio essenziale sui vestiti, preferibilmente in un punto nascosto. Ancor meglio, potresti confezionare in casa un braccialetto repellente, applicando su un nastrino di stoffa un olio dal profumo gradevole, come l’olio alla lavanda o alla menta.

Rimedi naturali: le piante antizanzare

Se hai il pollice verde, un giardino o un semplice balcone a disposizione, puoi coltivare in casa delle piante che fungono da repellente naturale contro le zanzare. La più comune è la citronella, da cui si estrae l’olio essenziale, ma anche la calendula e la menta sono altrettanto efficaci. Una pianta meno conosciuta, ma dal profumo delicato e gradevole per l’uomo, è la verbena odorosa, anche conosciuta come Maria Luigia. Può essere utile tenere con sé un ramoscello di queste piante e strofinare alcune foglie sui punti più esposti, come le braccia e le gambe.

Anche se non tutti lo sanno, anche il caffè è un valido alleato nella lotta contro le zanzare. Per allontanare le femmine ed evitare che depongano le uova nelle acque stagnanti, è sufficiente distribuire i fondi nei sottovasi presenti in giardino e nel balcone; in alternativa, per diffondere l’aroma in modo persistente, è possibile bruciare alcuni chicchi di caffè e una manciata di caffè in polvere all’interno di un vasetto resistente al calore e rivestito con carta stagnola.

Utilizzare le zanzariere e gli ultrasuoni

La soluzione più efficace e ecologica per tenere lontane le zanzare dalla propria abitazione è quella di installare le zanzariere in ogni finestra. Potrebbe essere scomodo e dispendioso, ma i benefici saranno riscontrabili fin dal primo giorno. La zanzariera può essere installata anche da chi vive in un condominio, salvo limitazioni previste dal regolamento condominiale.

In commercio ne puoi trovare di diverse tipologie, dalle classiche zanzariere fisse a quelle a scorrimento, più comode e funzionali. Per una soluzione temporanea, invece, puoi optare per le zanzariere in tessuto, da applicare agli infissi delle finestre con del velcro. In alternativa, è possibile affidarsi alle zanzariere elettriche, disponibili da interno e da esterno, che attirano al loro interno gli insetti e li uccidono con una piccola scossa elettrica.

Se, invece, hai intenzione di proteggerti dalle zanzare senza ucciderle, potresti utilizzare i dispositivi elettronici a ultrasuoni: sono semplici da installare, in quanto è sufficiente attaccarli a una presa di corrente in prossimità delle finestre, e agiscono emettendo frequenze sonore che allontanano diverse tipologie di insetti, tra cui le zanzare, le blatte e le mosche.

Acquisti online: come funziona il diritto di recesso?

Qualunque dispositivo elettronico antizanzare tu decida di acquistare online, c’è sempre la seppur minima possibilità che esso non funzioni o non soddisfi appieno le tue esigenze. In questo caso è possibile esercitare il proprio diritto di recesso e chiedere il rimborso? Entro quanto tempo occorre agire per presentare la richiesta al venditore e restituire il prodotto? Vediamo di rispondere con ordine alle domande.

Il codice del consumo stabilisce che il consumatore che abbia effettuato un acquisto fuori dai locali commerciali, online o telefonicamente, possa esercitare il proprio diritto di recesso dal contratto di vendita entro 14 giorni dalla data in cui è avvenuta la consegna della merce [1]. Questo lasso di tempo viene esteso a ulteriori 12 mesi nel caso in cui il venditore non trasmetta al cliente l’informativa necessaria a procedere con il reso: in tal caso, i canonici 14 giorni decorrono dal momento in cui vengono fornite le informazioni richieste [2].

Dunque, se decidessi di restituire un dispositivo a ultrasuoni o una zanzariera elettrica acquistata online, dovrai agire tempestivamente, senza necessariamente comunicare al venditore il motivo del reso. Non sono previsti costi aggiuntivi, a eccezione delle spese di spedizione che potrebbero essere a tuo carico. È bene ricordare che il codice civile non ritiene responsabile il consumatore della diminuzione del valore della merce dovuta a un normale utilizzo, finalizzato a stabilire le caratteristiche e il corretto funzionamento del prodotto [3]. Se il danno è ingente e causato da un utilizzo errato dell’oggetto, il consumatore è tenuto a rispondere dei danni al venditore.

Ecco come agire per esercitare il diritto di recesso e restituire un prodotto acquistato online:

  • comunica al venditore la tua volontà esplicita di recedere dal contratto, compilando il modulo disponibile online, inviando tramite raccomandata A/R una lettera di recesso standard. Ricordati che non devono trascorrere più di 14 giorni dal momento in cui hai ricevuto il prodotto [4];
  • effettua il reso seguendo le indicazioni fornite dal venditore; in alcune circostanze le spese di spedizione potrebbero essere a tuo carico: puoi accorgertene consultando l’informativa;
  • entro 14 giorni dall’invio della merce il venditore è tenuto a rimborsare il pagamento sostenuto per l’acquisto del prodotto, eventualmente comprensivo delle spese di consegna, tramite lo stesso metodo di pagamento da te utilizzato [5];

Rimedi naturali contro il prurito

Occorre essere realisti: puoi mettere in atto tutte le strategie di questo mondo, ma ci sarà sempre la zanzara superstite che riuscirà a mettere a segno una puntura, magari nell’unico lembo di pelle in cui non avevi applicato il repellente. E poco importa se sei riuscito a coglierla in flagrante, ora non ti resta che trovare un rimedio al fastidioso prurito che non ti dà pace.

Se in casa non hai una pomata che allevi il prurito delle punture di insetto, puoi avvalerti dei seguenti rimedi naturali:

  • il rimedio più semplice e rapido consiste nell’applicare del ghiaccio sulla puntura, in modo tale da intorpidire la zona e trovare sollievo immediato: in questo modo eviterai di grattarti in modo insistente e aumentare di conseguenza la sensazione pruriginosa;
  • oltre a utilizzare l’olio essenziale di tea tree oil come repellente, puoi massaggiare sulla puntura qualche goccia di tea tree oil allo scopo di calmare l’irritazione: in questo caso, è fondamentale che l’olio non sia puro ma diluito;
  • la polpa di aloe vera è una panacea contro diversi disturbi, tra cui le punture di insetto: allevia il prurito, lenisce la pelle, aiuta a eliminare il gonfiore e dona una piacevole sensazione di freschezza;
  • anche se non è affatto semplice, non grattarsi è il rimedio più efficace per calmare il prurito: il continuo sollecitare la zona, infatti, aumenta l’irritazione e lesiona la pelle, incrementando di conseguenza anche il rossore.

Di Angelica Mocco

note

[1] Art. 52 Cod. cons.

[2] Art. 53 Cod. cons.

[3] Art. 57 par. 2 Cod. cons.

[4] Art. 54 Cod. cons.

[5] Art. 56 Cod. cons.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA