Diritto e Fisco | Articoli

Aziende farmaceutiche: acquisto medicinali e trattamento dati

3 Agosto 2019
Aziende farmaceutiche: acquisto medicinali e trattamento dati

Sono socio di una farmacia ed ho scoperto che i dati dei miei acquisti di medicinali di qualsiasi genere (etico, otc, parafarmaco etc…), vengono trasmessi dai grossisti e dalle ditte da cui mi rifornisco giornalmente o periodicamente, a ditte terze, siano esse ditte di raccolta dati e/o marketing o siano esse ditte produttrici di medicinali. Come posso fare per evitare che ciò accada? 

Per poter rispondere compiutamente al quesito in esame sarebbe opportuno conoscere due aspetti: 

– la presenza o meno di un consenso del lettore al trattamento dei dati relativi all’acquisto di medicinali (magari prestato in sede di sottoscrizione dei contratti di fornitura): tale dato è importante poiché questi potrebbe aver prestato il consenso in sede negoziale (ma avere comunque il diritto di revocarlo); 

– la finalità del trattamento dei dati (se a fini di marketing o per esigenze sanitarie, statistiche e di interesse pubblico): il diritto alla privacy è infatti “affievolito” quando sussistono fini di archiviazione nel pubblico interesse, di ricerca scientifica o storica o fini statistici della raccolta e del trattamento dei dati. 

In ogni caso, ai sensi del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) il lettore ha: 

  • diritto di accedere ai dati raccolti e alle modalità del trattamento: più precisamente si tratta del diritto di ottenere dal titolare del trattamento (azienda che gestisce i dati) la conferma che sia o meno in corso un trattamento di dati personali che lo riguardano e in tal caso, di ottenere l’accesso ai dati personali e alle seguenti informazioni: 
    • le finalità del trattamento; 
    • le categorie di dati personali in questione; 
    • i destinatari o le categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati, in particolare se destinatari di paesi terzi o organizzazioni internazionali; 
    • quando possibile, il periodo di conservazione dei dati personali previsto oppure, se non è possibile, i criteri utilizzati per determinare tale periodo; 
    • l’esistenza del diritto di chiedere al titolare del trattamento la rettifica o la cancellazione dei dati personali o la limitazione del trattamento dei dati personali che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento; 
    • il diritto di proporre reclamo a un’autorità di controllo; 
    • qualora i dati non siano raccolti presso il lettore, tutte le informazioni disponibili sulla loro origine; 
    • l’esistenza di un processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione, e, almeno in tali casi, informazioni significative sulla logica utilizzata, nonché l’importanza e le conseguenze previste di tale trattamento per l’interessato. 
  • diritto di domandare la cancellazione dei dati: il titolare del trattamento ha l’obbligo di cancellare senza ingiustificato ritardo i dati personali, se sussiste uno dei motivi seguenti:
    • i dati personali non sono più necessari rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti o altrimenti trattati;
    • il lettore revoca il consenso su cui si basa il trattamento, e se non sussiste altro fondamento giuridico per il trattamento;
    • il lettore si oppone al trattamento per marketing diretto, e non sussiste alcun motivo legittimo prevalente per procedere al trattamento;
    • i dati personali sono stati trattati illecitamente;
    • i dati personali devono essere cancellati per adempiere un obbligo giuridico previsto dal dirittodell’Unione o dello Stato membro cui è soggetto il titolare del trattamento;
    • i dati personali sono stati raccolti relativamente all’offerta di servizi della società dell’informazione. 

Premesso quanto sopra, si suggerisce al lettore di richiedere alle aziende coinvolte (fornitrici e grossisti) le finalità del trattamento dei dati sugli acquisiti e chiedere l’eventuale revoca del consenso al trattamento (se già prestato) e/o la cancellazione dei dati con richiesta di non procedere più alla loro raccolta e trasmissione a terzi. 

Per interpellare le aziende titolari del trattamento il lettore può utilizzare l’apposito modello predisposto dal Garante Privacy, adattandolo alle sue esigenze. Può trovarlo a questo link. 

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Maria Monteleone 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube