Diritto e Fisco | Articoli

Il congedo parentale non matura ferie


Il congedo parentale non matura ferie

> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 dicembre 2011



Il periodo in cui il lavoratore usufruisce del congedo parentale facoltativo non si calcola ai fini della maturazione delle ferie.

Il periodo di astensione facoltativa per maternità (congedo parentale) non può essere assimilato al lavoro effettivo e, pertanto, non può essere calcolato quale servizio utile per la maturazione delle ferie. A ribadirlo è una recente sentenza della Cassazione [1].

Ricordiamo che la lavoratrice, in caso di gravidanza, ha diritto a due tipi di astensione:

1) l’astensione obbligatoria.

Essa può essere chiesta per un periodo totale di cinque mesi: alternativamente o per i due mesi prima del parto e i due successivi al parto, oppure un mese prima del parto e quattro dopo. Viene corrisposta una indennità dall’INPS pari all’80% della retribuzione.

Tale periodo è conteggiato ai fini di diritti come il TFR e le ferie.

2) l’astensione facoltativa (o congedo parentale).

Spetta non più solo alla madre bensì anche al padre. Entrambi possono esercitare il diritto di astensione dal lavoro nei primi otto anni di vita del bambino per un limite complessivo massimo di undici mesi.

Al padre lavoratore spetta un periodo continuativo o frazionato non inferiore a tre mesi e non superiore a sette. Alla madre lavoratrice, trascorsa l’astensione obbligatoria, spetta un periodo continuativo o frazionato non superiore a sei mesi.

Qualora vi sia un solo genitore, il diritto spetta per un periodo non superiore a dieci mesi, anche frazionato.

Il congedo parentale spetta anche per le adozioni e gli affidamenti.

Viene corrisposta una indennità dall’INPS pari al 30% della retribuzione. Tale periodo, secondo l’orientamento giurisprudenziale, non viene assimilato al lavoro effettivo e, pertanto, non fa maturare i diritti agli accessori alla retribuzione.

Il periodo di congedo parentale è computato nell’anzianità di servizio (quindi ai fini del calcolo del TFR), mentre non viene considerato utile per la maturazione delle ferie, della tredicesima mensilità e della gratifica natalizia.

di GIORGIA MARIA CALABRO’

note

[1] Cass., sez. lav., sent. n. 19628 del 26 settembre 2011.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI