Diritto e Fisco | Articoli

Gli avvocati potranno denunciare giudici e cancellieri in anonimo

14 Luglio 2019
Gli avvocati potranno denunciare giudici e cancellieri in anonimo

Whistleblowing per avvocati che potranno segnalare le condotte illecite di magistrati, ufficiali giudiziari, pm e cancellieri.

Il giudice non ha ancora fatto uscire la sentenza pur essendo ormai passati diversi mesi da quando doveva pubblicarla? Ogni volta che fa udienza arriva con un’ora di ritardo o trova qualsiasi scusa pur di allungare i tempi della procedura? Il cancelliere non è mai presente al suo posto? Il pubblico ministero non deposita tempestivamente gli atti d’indagine? L’ufficiale giudiziario avvisa il debitore qualche giorno prima dell’imminente accesso per il pignoramento presso il negozio? O finge di non aver trovato il destinatario di un atto da notificare a mani facendo così scadere i termini? Il capo dell’ufficio non si attiva per segnalare le situazioni che possono comprometterne l’efficenza? Nel nuovo testo di legge presentato dal ministro della giustizia che si propone di riformare il processo civile e quello penale trova spazio il whistleblowing per gli avvocati. Che da oggi diventeranno spie e controllori degli operatori di giustizia, per evitare che questi, abusando del proprio potere, non compiano gli atti del proprio ufficio, li ritardino o li svolgano in modo irregolare.

Quali sono le novità della riforma? In buona sostanza gli avvocati potranno denunciare giudici e cancellieri in anonimo, al pari di come i pubblici dipendenti possono avvalersi del portare dell’Anac (l’Autorità nazionale anticorruzione) per segnalare condotte illecite nell’ambito della PA conservando una serie di tutele per evitare ritorsioni del soggetto “segnalato”.

La nuova disciplina a cui il ministro Bonafede sta lavorando già dall’anno scorso e che intende portare, al più presto, in Consiglio dei Ministri (probabilmente per ottenere un’approvazione in via d’urgenza, prima di una eventuale crisi di governo) propone di allargare la tutela anche alle segnalazioni provenienti dal mondo dell’avvocatura su illeciti penali, disciplinari e contabili commessi da magistrati, funzionari di cancelleria e dal personale Unep, l’ufficio notifiche.

In questo modo, la normativa sul whistleblowing, scritta in origine per il dipendente pubblico, viene allargata al mondo dell’avvocatura che ritiene di dover segnalare le condotte illecite (anche solo sotto un profilo disciplinare) di magistrati o amministrativi.

Oggetto di denuncia anonima all’autorità non saranno, quindi, solo gli illeciti penali. Come scrive Il Sole 24 questa mattina in edicola, dopo una lettura attenta della bozza del ministero della Giustizia, la riforma introduce un meccanismo di segnalazione molto simile a quello oggi già esistente nell’ambito della PA, tuttavia concentrato sull’esercizio non indipendente della funzione da parte dei magistrati o su comportamenti contrari agli obblighi e oneri collegati all’esercizio della funzione. «Un’area nettamente più ampia di quella riservata ai soli fatti illeciti. In questo caso, il destinatario delle segnalazioni sarà il solo capo dell’ufficio, vista la incerta rilevanza disciplinare dei fatti che potranno essere segnalati. Starà a lui valutare la fondatezza della notizia e trasmettere gli esiti degli accertamenti compiuti al consiglio giudiziario.

La riforma, che vuol premiare la trasparenza, l’imparzialità e l’efficienza del comparto giustizia, concede una sorta di diritto di tribuna ai legali. «Sarà cioè riconosciuto a tutti i componenti del consiglio estranei alla magistratura – scrive ancora il quotidiano economico – il diritto di assistere alla seduta anche quando all’ordine del giorno c’è la formulazione dei pareri per la valutazione di professionalità del magistrato».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

9 Commenti

    1. L’avvocato fa gli interessi del assistito. È il suo ruolo e se può segnalare inefficienza o lungaggini ben venga

      1. ci sono avvocati che inducono anche in mala fede in errore noi ufficiali giudiziari questo l’avv. bonafede oggi guardasigilli lo sa?

        1. Invece l ug che fa sempre la stessa relata allo stesso indirizzo con lo stesso motivo invece di approfondire come dovrebbe le ricerche per effettuare quindi la notifica ex 143 cpc impedendo di portare a termine l esecuzione di un occupazione senza titolo che costa migliaia di euro al mese chi lo sanziona

    2. Paolo, a tal proposito, ti consigliamo di leggere i nostri articoli:
      -Come denunciare un avvocato scorretto? https://www.laleggepertutti.it/162040_come-denunciare-un-avvocato-scorretto
      -Il reato di patrocinio infedele https://www.laleggepertutti.it/244494_il-reato-di-patrocinio-infedele
      -Quando l’avvocato è responsabile per patrocinio infedele https://www.laleggepertutti.it/164928_quando-lavvocato-e-responsabile-per-patrocinio-infedele
      -Avvocato fa scadere i termini: è reato di infedele patrocinio? https://www.laleggepertutti.it/281118_avvocato-fa-scadere-i-termini-e-reato-di-infedele-patrocinio
      -Avvocato: se non fa bene il suo lavoro è reato? https://www.laleggepertutti.it/233635_avvocato-se-non-fa-bene-il-suo-lavoro-e-reato
      -Se il mio avvocato sbaglia, posso denunciarlo? https://www.laleggepertutti.it/179464_se-il-mio-avvocato-sbaglia-posso-denunciarlo

    3. Giusto nessuno controlla gli avvocati che si vendono le cause e che non allegano le prove a favore del cliente. Si, ….fai esposto all’ordine ma non si calpestano i piedi uno con l’altro. Che dire dell’avv. M. Giovanni del foro di taranto che da un credito x suo onorario di quattromila euro , ha fatto credere di rimanere inserito in un fallimento e poi a distanza di anni ne chiede alla moglie del fallito.circa trenta perche’ e’ divenuto interventore adesivo, in una causa di revocatoria fondo patrimoniale,complice il collega avv. di parte della signora ecc ecc usuraio legalizzato!!!

  1. non ci devono essere zone di immunità, né per magistrati e né per impiegati dell’amministrazione giudiziaria; l’avv quando sbaglia paga di persona

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube