Diritto e Fisco | Articoli

Caf non presenta o sbaglia il 730: chi è responsabile?

15 Luglio 2019
Caf non presenta o sbaglia il 730: chi è responsabile?

Mancato invio telematico della dichiarazione dei redditi: la ricevuta del Caf salva il contribuente. Per gli errori è responsabile il Caf.

Affidare l’invio della propria dichiarazione dei redditi a un commercialista non esonera il contribuente dal controllare l’esatto adempimento di tale obbligo: difatti, se il professionista dovesse dimenticare di eseguire il deposito telematico, a farne le spese sarà comunque il cliente. Leggi sul punto Come tutelarsi dagli errori del commercialista.

Che succede, invece, se il Caf non presenta o sbaglia il 730: chi è responsabile? Il legislatore e la giurisprudenza hanno affrontato questo problema svariate volte. Ecco il quadro normativo che ne è derivato. 

Per fare il punto della situazione, ti spiegheremo qui di seguito chi paga per gli errori del Caf.

Omessa trasmissione del 730 da parte del Caf

Due sono i principali errori che può commettere un Caf: l’omessa trasmissione della dichiarazione dei redditi del contribuente o l’errore nella compilazione. Partiamo dal primo punto.

Secondo una sentenza recente della Commissione Tributaria Regionale della Liguria [1], non è responsabile il contribuente a cui il Caf ha rilasciato la ricevuta che certifica la presentazione della documentazione fiscale, qualora poi il Caf stesso non abbia effettivamente trasmesso telematicamente il modello 730 all’Agenzia delle Entrate. Tale ricevuta, infatti, costituisce per il contribuente la prova dell’avvenuta presentazione: una rassicurazione che toglie all’interessato ogni dubbio in merito all’adempimento dell’obbligo e lo esonera quindi dalla verifica successiva.

È vero: secondo la legge [2] la prova della presentazione della dichiarazione è data solo dalla successiva comunicazione dell’Agenzia delle Entrate attestante l’avvenuto ricevimento della dichiarazione presentata in via telematica; ma tale norma si applica agli intermediari abilitati (avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro, associazioni sindacali). 

Invece, secondo la decisione in commento, ai Caf si applicano le disposizioni del Decreto ministeriale n. 164 del 31 maggio 1999, recante il regolamento per l’assistenza fiscale resa dai Caf. Tale normativa stabilisce che i Caf rilascino al contribuente ricevuta per le dichiarazioni presentate e tale ricevuta costituisce prova dell’avvenuta presentazione delle dichiarazioni stesse da parte del contribuente.

Dunque, è sufficiente la ricevuta del Caf affinché il contribuente possa far valere l’avvenuta presentazione della dichiarazione dei redditi all’amministrazione finanziaria. Non importa quindi se l’Agenzia delle Entrate ha emesso o meno l’attestazione di avvenuta ricezione del documento fiscale. Tanto del resto è indicato nelle istruzioni del modello 730.

La stessa Agenzia delle Entrate ha precisato in passato che la ricevuta rilasciata dal Caf costituisce prova dell’avvenuta presentazione della dichiarazione, ed è per questa ragione che il Caf, prima di rilasciarla, deve verificare i requisiti necessari per poter utilizzare il modello 730 e gli estremi del sostituto d’imposta che dovrà eseguire i conguagli [3].

Errori e sbagli del Caf nel 730: di chi è la responsabilità?

Per gli errori rilevati dall’Agenzia delle Entrate sul 730 elaborato da un Caf, il contribuente non è, di norma, responsabile. Al contrario è il Caf a farne le spese: a quest’ultimo infatti viene irrogata una sanzione pari all’imposta, agli interessi e alla sanzione. Questa regola però non vale sempre. Il Caf risponde solo degli errori derivanti dall’inesatta valutazione dei dati in proprio possesso, ma per gli errori dipendenti da false o inesatte dichiarazioni del contribuente ne risponde solo quest’ultimo.

La legge impone al Caf di emettere un visto di conformità [4] con cui attesta l’avvenuto controllo della corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazione alla documentazione presentata dal contribuente. Questo documento certifica la correttezza dei calcoli fatti dal Caf sulla base degli elementi da questi riscontrabili oggettivamente. Si pensi, ad esempio, al riscontro delle condizioni per ottenere il bonus prima casa (trasferimento residenza entro 18 mesi) o in generale alla verifica di tutte le regole previste in materia di detrazioni, deduzioni, crediti d’imposta. Per tutto ciò che dipende, invece, dal contribuente, le conseguenze ricadono su di lui. Si pensi, ad esempio, alla non corretta indicazione di un canone di affitto percepito o al numero di familiari a carico.  


note

[1] CTR Liguria, sent. n. 480/5/2019.

[2] Dpr 322/1998 articolo 3, comma 6.

[3] Ag. Entrate: circolare 31/E/2001, paragrafo 3.2 e circolare 11/E/2008

[4] Art. 2 e art. 35 co. 2, lett. a) DM n. 164/1999.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

7 Commenti

  1. Buongiorno,

    mi sono affidata ad un caf per la mia dichiarazione dei redditi 2019, il quale oltre ad avermi lavorato la pratica in tempi molto lunghi rilasciandomi l’unico sono in prossimità del pagamento, non mi ha considerato il canone di affitto di un mese.

    Premetto, nel 2018 ho avuto 2 canoni di affitto, uno interrotto a luglio 2018 (canone considerato dal caf fino al termine) e uno iniziato a dicembre 2018 (canone non considerato dal caf).

    Quindi nella prima rata regolarmente quietanziata a luglio 2019, ho versato un importo errato perché non mi hanno considerato il canone di affitto relativo al mese di dicembre 2018.

    La maggiorazione delle spese (imposta, interessi e sanzioni) per errore del caf chi deve sostenerle? Io contribuente o il caf stesso?

    Ringrazio anticipatamente della consulenza.

    Cordiali saluti

    1. Mara puoi trovare le risposte nei nostri articoli:
      -CAF: la responsabilità verso il contribuente cliente https://www.laleggepertutti.it/113150_caf-la-responsabilita-verso-il-contribuente-cliente
      -Dichiarazione fiscale errata: responsabilità CAF https://www.laleggepertutti.it/291881_dichiarazione-fiscale-errata-responsabilita-caf
      -Caf e responsabilità per dichiarazione ISEE incompleta https://www.laleggepertutti.it/241270_caf-e-responsabilita-per-dichiarazione-isee-incompleta
      -Caf: funzionamento e responsabilità https://www.laleggepertutti.it/205681_caf-funzionamento-e-responsabilita
      -Isee sbagliato dal Caf, mi deve risarcire? https://www.laleggepertutti.it/138507_isee-sbagliato-dal-caf-mi-deve-risarcire

  2. Salve, nel 2013 ho effettuato la ristrutturazione del bagno. Ho presentato al Caf i relativi documenti (fatture e bonifici di pagamento). Pratica accettata e detrazione in corso. Nel 2019 ho ristrutturato un secondo bagno. Riporto al Caf gli stessi documenti ma questa volta mi si dice che senza un certificato di conformità dei lavori svolti la detrazione non può essere accettata. Spiego loro che sette anni prima non è stata necessaria, comunque me la procuro e sistemo la cosa. Ora però mi dicono che serve anche per i lavori del 2013 altrimenti devono bloccare la detrazione e io rimborsare gli importi ricevuti. Nel frattempo contatto il posatore del primo bagno il quale mi risponde che l’idraulico che ha effettuato i lavori è fallito e quindi non può procurare il documento. Di chi è la responsabilità in questo caso? Rischio davvero di perdere il diritto alla detrazione e dover rimborsare lo Stato o la sanzione è a carico del Caf che ha avviato la pratica senza richiedere tutto quanto necessario? Io ho consegnato i documenti da loro richiesti. Se ne mancavano mi avrebbero dovuto avvisare come hanno fatto con l’ultima ristrutturazione. La detrazione può continuare ad essere percepita fino alla naturale scadenza? Grazie

    1. Leggi i nostri articoli:
      -Comunicazione inizio lavori ristrutturazione bagno https://www.laleggepertutti.it/294115_comunicazione-inizio-lavori-ristrutturazione-bagno
      -Ristrutturazione bagno: dove va il tubo scarico wc? https://www.laleggepertutti.it/290715_ristrutturazione-bagno-dove-va-il-tubo-scarico-wc
      -Bonus ristrutturazione casa: le ultime novità dal Fisco https://www.laleggepertutti.it/403070_bonus-ristrutturazione-casa-le-ultime-novita-dal-fisco
      -Scarico del water del vicino rumoroso: che fare? https://www.laleggepertutti.it/243661_scarico-del-water-del-vicino-rumoroso-che-fare

  3. Buongiorno,
    Il CAF a me ha fatto firmare un documento in cui è presente la seguente voce: il sottoscritto dichiara di sollevare il CAF in ordine ad eventuali future contestazioni da parte dell’Amministrazione Finanziaria. Anche in questo caso vale il fatto che in caso di mancato invio della dichiarazione (modello redditi PF), o invio della dichiarazione contenente errori (non imputabili al contribuente), il responsabile di eventuali contestazioni sia il CAF? Grazie

  4. Buonasera,
    ricevo R/R dal CAF in merito ad un controllo dell’Agenzia delle Entrate sul 730 del 2018 relativo ai redditi 2017. In pratica il CAF ha erroneamente digitato un importo di €.2.448,00 anzichè di € 248,00 sul campo “addizionale comunale saldo 2017” estrapolato dalla mia Certicazione Unica in loro possesso. Mi invitano c/o la loro sede per sottoscrivere e presentare il nuovo 730 corretto.
    Dovrei quindi restituire circa 2mila euro avuti in più come rimborso irpef nello stipendio di luglio 2018.
    Che responabilità ha in merito il CAF ?
    Chi deve rimborare questa somma ? considerato che ho la ricevuta in cui dichiarano che prima di inoltrare il modulo hanno effettuato tutte le verifiche sulla correttezza dei dati inseriti ?
    Grazie

    1. Per maggiori approfondimenti, leggi:
      -Dichiarazione fiscale errata: responsabilità CAF https://www.laleggepertutti.it/291881_dichiarazione-fiscale-errata-responsabilita-caf
      -Agenzia Entrate: ricorso per errore sulla certificazione unica https://www.laleggepertutti.it/231738_agenzia-entrate-ricorso-per-errore-sulla-certificazione-unica
      -Errore nei dati forniti all’Agenzia delle Entrate: chi è responsabile? https://www.laleggepertutti.it/155176_errore-nei-dati-forniti-allagenzia-delle-entrate-chi-e-responsabile
      -CAF: la responsabilità verso il contribuente cliente https://www.laleggepertutti.it/113150_caf-la-responsabilita-verso-il-contribuente-cliente
      -Caf: funzionamento e responsabilità https://www.laleggepertutti.it/205681_caf-funzionamento-e-responsabilita

Rispondi a Salvo Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube