Diritto e Fisco | Articoli

Quando posso denunciare un poliziotto?

15 Luglio 2019 | Autore:
Quando posso denunciare un poliziotto?

Cosa fare quando un agente delle forze dell’ordine agisce contro la legge? Quando commette reato e che cosa rischia?

Potrebbe sembrarti di vivere in un mondo al contrario, ma sai che anche tu puoi denunciare un poliziotto? Ovviamente ci devono essere dei motivi fondati, ma non è che chi porta una divisa ha sempre e comunque ragione. Anche lui è soggetto a commettere degli errori e, quindi, a pagare per ciò che non avrebbe dovuto fare. Come qualsiasi altro cittadino. Se qualche volta ti sei chiesto «quando posso denunciare un poliziotto?», troverai la risposta in questo articolo.

Può capitare, ad esempio, che un agente delle forze dell’ordine commetta il reato di abuso di atti d’ufficio oppure che cada nella trappola della corruzione. Questo succede quando il poliziotto (come qualsiasi altro pubblico ufficiale o incaricato di un pubblico servizio) fa di proposito qualcosa per ottenerne un beneficio non dovuto o per creare ad un altro un danno ingiusto. Immagina, quindi, che l’uomo in divisa ti fermi per strada e ti faccia una multa pur sapendo che non ci sono gli estremi per farlo, solo perché vuole dimostrare di essere più «forte» di te o perché in questo modo può proporti di stracciare il verbale in cambio di qualche grossa banconota. La tua parola contro la sua. In casi come questi, come denunciare un poliziotto?

La condotta dell’agente può essere perseguibile non solo quando «fa» qualcosa che non dovrebbe ma anche quando non fa il suo dovere. Ad esempio, quando il poliziotto ferma un’auto per un controllo e si trova il conducente con il telefonino in mano e senza la cintura di sicurezza, ma siccome è il capo di suo figlio decide di non multarlo. Se assisti ad una scena come questa – e lo puoi provare – puoi denunciare un poliziotto.

Vediamo quali sono i casi in cui, come dicevamo all’inizio, far girare il mondo al contrario, cioè quelli in cui sei tu a denunciare un poliziotto e qual è la procedura prevista.

Denunciare un poliziotto per abuso di atti d’ufficio

Il reato di abuso di atti d’ufficio scatta quando un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio, nello svolgimento delle proprie funzioni ed in violazione delle norme di legge o del regolamento, oppure omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto, procura intenzionalmente a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto [1].

Così recita la normativa. Che cosa vuol dire? Che un poliziotto può essere denunciato per abuso di atti d’ufficio quando in qualità di agente delle forze dell’ordine fa qualcosa che non dovrebbe o evita di fare il proprio dovere per ottenere un vantaggio economico oppure per provocare un danno ad un altro. Il reato viene commesso anche quando il vantaggio economico viene procurato ad un parente o ad un’altra persona.

Ma il poliziotto è un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio?

Chi è il pubblico ufficiale

Il pubblico ufficiale è la persona che esercita una funzione pubblica, che si tratti di una funzione amministrativa, giudiziaria o legislativa.

Appartengono a questa categoria, ad esempio:

  • gli ufficiali giudiziari;
  • i periti di ufficio;
  • i consulenti tecnici;
  • i curatori fallimentari;
  • sindaci, assessori e consiglieri comunali;
  • i vigili del fuoco;
  • i vigili urbani e gli appartenenti alle forze dell’ordine;
  • i postini ed i fattorini postali;
  • gli impiegati comunali che rilasciano certificati;
  • i tecnici comunali;
  • i docenti delle scuole pubbliche.

Come abbiamo visto, dunque, il poliziotto è un pubblico ufficiale.

Chi è l’incaricato di pubblico servizio

Viene considerato, invece, un incaricato di pubblico servizio chi svolge un’attività legata, appunto, ad un servizio pubblico ma non ha poteri decisionali, di autorità o di certificazione come quelli di un pubblico ufficiale. Si tratta, per esempio, di:

  • impiegati pubblici che collaborano con i pubblici ufficiali;
  • esattori delle società concessionarie del gas;
  • guardie giurate private;
  • custodi dei cimiteri;
  • addetti alla riscossione delle tasse automobilistiche;
  • bidelli;
  • farmacisti;
  • conduttori televisivi.

Tra queste figure, dunque, non c’è il poliziotto.

Quando commette il reato il poliziotto

In qualità di pubblico ufficiale, il poliziotto può essere denunciato per il reato di abuso di atti d’ufficio quando:

  • viola una norma di legge facendo una preferenza ingiustificata a favore di un amico o di un parente e danneggiando un altro cittadino;
  • trasgredisce una norma prevista dal regolamento o da qualche altro atto equipollente nella scala gerarchica delle fonti di diritto;
  • viola l’obbligo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un parente.

Il reato scatta nel momento in cui una delle condotte sopra citate creano al poliziotto un vantaggio ingiusto o provocano un danno ingiusto.

Come denunciare il poliziotto

Se, secondo te, un agente delle forze dell’ordine ha commesso il reato di abuso di atti d’ufficio, puoi denunciare il poliziotto rivolgendoti all’organo competente (possibilmente in un ufficio diverso da quello in cui presta servizio la persona che vuoi denunciare). Quindi, Polizia o Carabinieri, oppure presso la Procura della Repubblica.

La denuncia va fatta per iscritto oppure in modo verbale, portando delle prove a sostegno. Considera che il reato è perseguibile d’ufficio, quindi non hai un limite di tempo per presentare la denuncia.

Il poliziotto rischia da uno a quattro anni di reclusione, con pena aumentata se il vantaggio da lui ottenuto è notevole.

Denunciare un poliziotto per concussione o corruzione

Altro reato per il quale puoi denunciare un poliziotto è quello della concussione. Scatta quando costringe o induce una persona a dare o a promettere in modo illecito del denaro o un’altra utilità di natura non patrimoniale [2].

Nel primo caso, cioè se costringe qualcuno a farlo, si parla di concussione violenta. Se, invece, lo induce a farlo, si tratta di concussione implicita o fraudolenta.

Un esempio. Immagina di essere a capo di un’azienda. Un poliziotto si rivolge a te e chi chiede di assumere il figlio appena laureato. Ti fa capire (anche in maniera molto esplicita) che se non lo prendi a lavorare con te si attiverà per farti dei controlli mirati e delle continue segnalazioni. Insomma, ti farà la vita impossibile. Altro non devi fare che denunciare il poliziotto per concussione.

Se, invece, il poliziotto accetta da te del denaro per toglierti una multa o per agevolare una tua pratica, farà scattare il reato di corruzione.

Come denunciare il poliziotto

Anche in questo caso si procede d’ufficio. Quindi, per denunciare un poliziotto per concussione o per corruzione basta presentare denuncia in procura o presso i Carabinieri, la Polizia o la Guardia di Finanza in qualsiasi momento.

Denunciare un poliziotto per omissione di atti d’ufficio

Non solo quello che fa, ma anche quello che non fa. Un poliziotto può essere denunciato pure per omissione o per rifiuto di atti d’ufficio quando non svolgere un compito o un dovere proprio delle sue funzioni [3].

Quando scatta il reato di omissione? Quando, per esempio, al poliziotto viene chiesto di fare una determinata cosa ma lui non soddisfa tale richiesta per più di 30 giorni di farla senza comunicare o giustificare il motivo del suo comportamento. Quindi:

  • c’è una condotta omissiva da parte del poliziotto;
  • sono passati 30 giorni dalla richiesta scritta ma il poliziotto non l’ha soddisfatta;
  • non c’è alcuna giustificazione per il ritardo.

Il reato di rifiuto di atti d’ufficio, invece, scatta quando il poliziotto non vuole eseguire un ordine o svolgere un compito che gli è stato assegnato. Non si tratta, dunque, si «pigrizia» o di ritardare una pratica perché non c’è voglia di lavorare ma di rifiutarsi categoricamente di fare il proprio dovere.

Come denunciare il poliziotto

In entrambi i casi è possibile presentare una denuncia agli organi di autorità giudiziaria in qualsiasi momento. Nel caso dell’omissione di atti d’ufficio, il poliziotto rischia la reclusione fino ad un anno e la multa fino a 1.032 euro. Pena più severa, invece, per il rifiuto di atti d’ufficio, per il quale è prevista la reclusione da sei mesi fino a due anni.

A seconda della gravità del fatto, l’agente può essere sospeso dal servizio in via preventiva fino alla sentenza definitiva.

note

[1] Art. 323 cod. pen.

[2] Art. 317 cod. pen.

[3] Art. 328 cod. pen.


2 Commenti

  1. Io ritengo che, fra i pubblici ufficiali, dovrebbero esserci anche gli Ausiliari del Traffico quando sono sugli autobus che controllano i biglietti ed emettono contravvenzioni, e i controllori delle FF.SS. che, sui treni, effettuano i medesimi controlli ed emettono contravevnzioni…

  2. Io per castel volturno in via bogheria ho subito di tutto, hanno presentato dichiarazioni false, cioè non hanno riportato le mie dichiarazioni sulla prostituzione, tratta, ecc ne hanno controllato le case dove avevo detto che si prostituivano anche con bambini presenti, i due nigeriani ( clan ) che gestivano la prostituzione della sorella e altre ragazze su parete ecc, le sim intestate ad altri per illeciti,ne hanno controllato le sciabole che mi avevano messo al collo i nigeriani che all arrivo della polizia da me chiamata hanno nascoste in casa, più hanno scritto che non ho firmato ne voluta copia ( falso ) ne hanno riportato il nome dell avv. ecc ecc non hanno fatto nulla per il mio sequestro o per il danno all auto e vestiti strappati, gia prima un poliziotto mi aveva puntato la pistola alla testa e rotta la patente… Vabbè castel volturno pare un altro mondo, finale io mi sono ritrovato con accuse false e foglio di via, oggi archiviate, foglio di via ancora in ricorso, non rispondono da 180 giorni, quali reati posso denunciare? Contatto l’olaf?
    Oggi ho chiamato i carabinieri di pineta mare chiedo di parlare con chi comanda quella caserma, mi passano un tale che dalla voce pare un ragazzo alla mia richiesta scusi ma lei chi e, mi viene detto il comandate, non sono tenuto a dire altro… Vero? In pratica io volevo sapere chi aveva aiutato i nigeriani in quella caserma ad simulare il reato e per quale motivo mi era stato fatto il foglio di via dietro quali indagini visto che io non ho fatto mai nulla di male, più avvisavo dei carabinieri visti a parete con le nigeriane gestite da quelli da me denunciati cioe chiedevo di indagare risposte zero o quasi vadi a denunciare i fatti nella caserma della sua zona e stia attento a quello che dirà…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA