Diritto e Fisco | Articoli

Comunicazione di dissenso alla lite del condomino all’amministratore

16 Luglio 2019
Comunicazione di dissenso alla lite del condomino all’amministratore

Facsimile con il modello dell’atto da spedire o consegnare all’amministratore per chiedere di non partecipare alle spese di una eventuale condanna giudiziale per la causa persa.

Immagina che, all’ordine del giorno dell’assemblea di condomino, vi sia una vertenza contro uno dei condomini. La questione è sfociata in una vera e propria lite e ora dovete decidere se tentare un accordo controparte o passare alle vie giudiziarie per difendere le vostre ragioni. Il soggetto in questione è però un tuo amico e non vuoi fargli uno sgarbo. Peraltro, sei convinto che anche lui abbia le sue ragioni e che l’esito della causa sua tutt’altro che certo. Non vuoi correre pertanto il rischio di dover pagare le spese giudiziarie per un processo che non hai voluto e che potresti perdere. Come fai ad evitare tutto ciò? Inviando all’amministratore una comunicazione di dissenso alla lite. Per fare ciò però ti servirà un facsimile con un modello di lettera da usare in base alle tue esigenze e da personalizzare. Lo abbiamo scritto noi per te e lo troverai alla fine di questo articolo.

Ma prima di tutto vogliamo spiegarti meglio come funziona la comunicazione di dissenso alle lite del condomino all’amministratore e quali effetti comporta.

Cos’è il dissenso alle liti?

Quando l’assemblea decide di avviare una causa contro un soggetto oppure di difendersi in un giudizio avviato da altri contro il condominio, ogni condomino che non intende partecipare alla lite può separare la propria responsabilità in ordine alle spese e alle conseguenze della lite, per il solo caso di soccombenza. In pratica, nel caso in cui il condominio dovesse risultare sconfitto all’esito del giudizio, l’eventuale decisione del giudice di addossare le spese processuali sulla parte sconfitta non comporterà, per il condomino dissenziente, l’obbligo di versare la propria quota millesimale in merito a tali oneri.

Come effettuare il dissenso alle liti?

Ogni condominio può comunicare la propria volontà di dissentire alla lite. Per realizzare questo effetto deve però inviare una comunicazione all’amministratore con un atto notificato a mezzo di ufficiale giudiziario entro 30 giorni dalla delibera dell’assemblea che decide di iniziare la causa o di costituirsi. Se però il condomino era assente all’assemblea il termine dei 30 giorni decorre da quando questi ha ricevuto copia del verbale d’assemblea.

Cosa comporta il dissenso alle liti?

In caso di sconfitta nella causa e di condanna del condominio a dover risarcire le spese legali alla parte vittoriosa, il condomino dissenziente:

ha diritto a non pagare le spese processuali dovute alla parte vincitrice;

se costretto a pagare dal creditore, ha diritto di rivalsa nei confronti del condominio: può cioè ottenere in restituzione ciò che ha dovuto versare per la partecipazione o la promozione di una lite che lo vedeva dissenziente.

Se, però, la causa ha esito favorevole per il condominio e il condomino dissenziente ne trae vantaggio questi è tenuto a partecipare, in base ai propri millesimi, nelle spese del giudizio che non sia stato possibile recuperare dalla parte soccombente.

Nel caso in cui sia stato l’amministratore ad avviare autonomamente la lite (o ha deciso in autonomia di resistere), il condomino dissenziente può solo ricorrere all’assemblea contro i provvedimenti dell’amministratore o al giudice, ma non può sottrarsi al pagamento delle spese.

Come comunicare il dissenso alle liti?

Stando a quanto scrive il codice civile, la comunicazione di dissenso alle liti deve essere fatta tramite l’ufficiale giudiziario del tribunale: sarà questi a consegnare la comunicazione all’amministratore. Tuttavia tanto la giurisprudenza quanto la dottrina ritengono non necessaria tale forma solenne, potendosi quindi inviare anche una lettera raccomandata a.r. o una pec (posta elettronica certificata) indirizzata all’amministratore. Di certo non è sufficiente una comunicazione in assemblea anche se verbalizzata: secondo infatti alcune sentenze è necessario un atto distinto e ulteriore da rivolgere all’amministratore in prima persona [2].

Facsimile comunicazione di dissenso alle lite all’amministratore

Nel box qui sotto troverai un modello con una possibile formula di dissenso alle liti. Potrai ovviamente personalizzarla secondo le tue esigenze.

Comunicazione del condomino all’amministratore di dissenso alla lite

Raccomandata a/r

Alla cortese attenzione

Del sig. …. ….

Amministratore del condominio di ….

Oggetto: Dissenso dei condomini rispetto alle liti (art. 1132 c.c.) . Atto di comunicazione

Il/la sottoscritto/a …. residente in …. alla via …. n. …. nella sua qualità di condomino/a dello stabile in ….

PREMESSO CHE

– l’assemblea del condominio in data (con il voto contrario del sottoscritto o restando il sottoscritto assente) ha deliberato di promuovere (o resistere con) una lite giudiziaria nei confronti di …..

Tanto premesso lo scrivente

COMUNICA

con il presente atto indirizzato all’amministratore del condominio …. ai fini, per gli effetti, nei modi e nei termini di cui all’art. 1132 c.c. , che intende separare la propria responsabilità da quella del condominio in ordine alle conseguenze, nel caso di soccombenza nella lite del condominio, per le spese giudiziarie .

Distinti saluti

Luogo e data ….

Firma ….

note

[1] Art. 1132 cod. civ.

[2] Trib. Napoli sent. 8.01.2003.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA