Cartelle esattoriali estive: più tempo per fare ricorso

19 Luglio 2019 | Autore:
Cartelle esattoriali estive: più tempo per fare ricorso

Con la sospensione feriale dei termini il Fisco va quasi in vacanza: un mese in più per fare i ricorsi e c’è una tregua anche per i pagamenti.

Ti è arrivata una cartella di pagamento alla metà di giugno; l’hai messa da parte ma ora che stai per andare in ferie ti preoccupi pensando che i termini per fare ricorso scadranno proprio nel periodo di Ferragosto, se la matematica non è un’opinione. Oppure sei preoccupato perché la cartella ti è giunta in questi giorni e il tuo avvocato o il tuo commercialista stanno per chiudere lo studio e temi che a settembre ti rimarrà poco tempo per impugnare. Se hai questi pensieri devi sapere che per le cartelle esattoriali estive la legge prevede più tempo per fare ricorso: precisamente un mese intero in più, tutto il mese di agosto, durante il quale i termini processuali sono sospesi. Vediamo bene come stanno le cose e quali sono le possibilità che la legge offre ai contribuenti.

Ho una cartella da impugnare entro agosto

La cartella esattoriale ti è già pervenuta, sai che hai 60 giorni di tempo per proporre ricorso (solo 40 se si tratta di contributi previdenziali e 30 in caso di multe stradali) e la scadenza cadrà entro il mese di agosto. In questo caso la sospensione feriale dei termini processuali – che si applica anche ai nuovi ricorsi da proporre – ti consente di superare questo limite: tutti i termini vengono sospesi nel periodo tra l’1 ed il 31 agosto. Attenzione al fatto che la sospensione feriale riguarda solo i termini per la presentazione dei ricorsi, non quelli per effettuare i pagamenti, che rimangono invariati. Se vuoi pagare anziché proporre ricorso devi farlo entro i 60 giorni dalla notifica, per non incappare in ulteriori sanzioni ed azioni esecutive.

La cartella ti è arrivata il 19 giugno: il termine di 60 giorni entro cui presentare ricorso scadrà il 18 settembre anziché il 18 agosto.

Ho una cartella ed un processo tributario in corso

Se avevi già proposto ricorso avverso la tua cartella ed il processo è avviato, devi sapere che la sospensione feriale dei termini opera per tutte le attività processuali: quindi avrai un mese in più per effettuare, ad esempio, la costituzione in giudizio, la presentazione di documenti, il deposito di memorie illustrative ed anche per proporre le impugnazioni, come l’appello o il ricorso in Cassazione, nel caso fosse già stata emanata una sentenza di primo grado sfavorevole.

Attendo l’arrivo di una cartella in estate

Non hai pagato determinate imposte e tasse, magari hai ricevuto solleciti o avvisi più o meno bonari ed hai il timore che la pretesa del Fisco si trasformi in una cartella esattoriale e che essa ti possa arrivare proprio nel periodo in cui ti trovi lontano dalla tua abitazione. Anche in questo caso non devi preoccuparti: tieni presente che la sospensione feriale non opera per le notifiche (le cartelle cioè verranno sempre formate e recapitate anche nel periodo estivo) ma anche se ti arrivasse tra luglio ed agosto la notifica a mezzo posta o Pec di una cartella di pagamento potrai beneficiare della sospensione in modo da avere il tempo necessario per predisporre le tue difese.

Ti viene notificata una cartella il 1 agosto: grazie alla sospensione feriale avrai tempo fino al 30 ottobre per presentare ricorso. Senza la sospensione avresti dovuto farlo entro il 30 settembre.

Inoltre si attende anche per quest’anno – ma non è ancora stato deciso ufficialmente – l’arrivo dell’operazione “zero cartelle” grazie alla quale Agenzia Entrate Riscossione potrà sospendere gli invii delle cartelle esattoriali nelle due settimane centrali di agosto (tranne che per gli atti indifferibili) come è avvenuto nelle estati scorse.

Non ho una cartella ma devo pagare le imposte

Anche se non hai nessuna cartella di pagamento sei tenuto ad effettuare i normali pagamenti delle imposte dovute periodicamente. Ti sarà utile sapere che in questo caso non opera la sospensione feriale dei termini (che riguarda, come abbiamo visto, le attività processuali e non quelle amministrative) ma puoi beneficiare della “tregua fiscale”: i versamenti ordinari da effettuare con F24 vanno in pausa nel periodo compreso tra il 1 ed il 20 agosto senza maggiorazioni, mentre i pagamenti da effettuare a seguito delle specifiche richieste del Fisco, in caso di avvisi e controlli, sono sospesi dal 1 agosto al 4 settembre.

Infine, se hai cartelle esattoriali e sei indeciso se fare ricorso oppure pagare, leggi anche questo articolo: cartelle esattoriali quanto tempo per il ricorso o pagare.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA