Diritto e Fisco | Articoli

Posso avere l’accompagnamento senza invalidità?

22 Luglio 2019 | Autore:
Posso avere l’accompagnamento senza invalidità?

Quando si ha diritto all’indennità di accompagnamento? Quali sono i presupposti dell’accompagnamento? Cos’è l’invalidità civile?

In Italia, le persone che soffrono di gravi patologie hanno diritto a determinati benefici, anche di tipo economico. Sicuramente, avrai sentito parlare dell’indennità di accompagnamento: ebbene, si tratta del maggior sostegno economico che lo Stato riconosce alle persone che, purtroppo, non possono provvedere autonomamente a sé. L’accompagnamento, però, può essere concesso solamente a determinate condizioni. Si può avere l’accompagnamento senza invalidità? Quali sono i presupposti per ottenere l’invalidità civile? Quale percentuale di invalidità occorre per beneficiare anche dell’accompagnamento? Se cerchi risposte a queste domande, sei nel posto giusto: vedremo insieme qual è il rapporto tra invalidità e accompagnamento e quando si ha diritto alla relativa indennità.

Cos’è l’invalidità civile?

Secondo la legge [1], l’invalidità civile è riconosciuta a chiunque sia affetto da malattie che compromettono la normale capacità lavorativa, se la persona è in età da lavoro (cioè tra i diciotto e i sessantacinque anni e sette mesi), ovvero da renderlo incapace di svolgere le attività tipiche della sua età, qualora non rientrasse nella suddetta categoria (quindi se minore di diciotto o maggiore di sessantacinque anni e sette mesi).

L’invalidità civile, dunque, è strettamente collegata alla capacità lavorativa, consistendo in una riduzione di quest’ultima. Le persone che non sono in età da lavoro (individui con età superiore ai sessantacinque anni e sette mesi), possono chiedere il riconoscimento dello stato invalidante quando abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni della propria età.

Come viene riconosciuta l’invalidità civile?

L’invalidità civile viene riconosciuta a seguito di visita presso la commissione medica dell’Inps: se quest’ultima ritiene che la capacità lavorativa del richiedente sia compromessa, gli riconosce lo status di invalido.

Tuttavia, devi sapere che l’invalidità civile viene riconosciuta in percentuali a seconda della gravità delle patologie riscontrate. La percentuale minima è quella del 34% (equivalente ad un terzo della riduzione della capacità lavorativa), al di sotto della quale non si è nemmeno invalidi e la legge non accorda alcun beneficio; la massima, ovviamente, è del 100%. È proprio da qui che parte il nostro discorso riguardante l’accompagnamento.

Cos’è l’accompagnamento?

L’accompagnamento è un’indennità riconosciuta alle persone che sono incapaci di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o con necessità di assistenza continua, o che non siano in grado di compiere autonomamente gli atti quotidiani della vita [2].

Come avrai già intuito, l’indennità di accompagnamento è riservata ai casi più gravi, alle persone che si trovano in evidente difficoltà a poter stare da sole e che, pertanto, hanno bisogno di un aiuto economico per far fronte alla propria situazione.

L’indennità di accompagnamento consiste in una somma mensile che non fa reddito e non è pignorabile: si tratta, infatti, di una misura assistenziale ritenuta intoccabile dallo Stato. Inoltre, la predetta indennità prescinde da ogni requisito economico, cioè dal reddito posseduto dall’inabile, ed è indipendente dall’età.

Accompagnamento: a chi spetta?

Veniamo ora alla risposta del quesito che dà il titolo a questo articolo. Posso avere l’accompagnamento senza invalidità? La risposta è negativa: l’accompagnamento presuppone il riconoscimento dell’invalidità civile. Ma non solo!

Perché si possa avere diritto all’accompagnamento, non solo non si deve essere in grado di poter deambulare autonomamente o compiere da soli gli atti quotidiani della vita, ma addirittura bisogna che si sia invalidi al 100%.

In poche parole, non si può ottenere l’indennità di accompagnamento senza avere un’invalidità civile massima, cioè del 100%.

Invalidità 100%: si ha sempre diritto all’accompagnamento?

Abbiamo appena detto che l’accompagnamento si può avere solamente al sussistere dei seguenti presupposti:

  • invalidità del 100%;
  • incapacità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o con necessità di assistenza continua, o incapacità di compiere autonomamente gli atti quotidiani della vita.

Da tanto deriva che, se hai ottenuto il riconoscimento di uno status invalidante pari al 100%, non per forza ti verrà riconosciuto anche l’accompagnamento. Capita molto spesso, infatti, che la commissione medica, pur riconoscendo un’invalidità del 100%, non ravvisi il ricorrere dell’altro presupposto, e cioè dell’incapacità di deambulare o di provvedere autonomamente a se stessi.

Possiamo, dunque, concludere dicendo che:

  • chi ha l’indennità di accompagnamento è sicuramente invalido al 100%;
  • chi è invalido al 100% non per forza ha diritto all’indennità di accompagnamento.

L’indennità di accompagnamento può essere concessa solamente a chi sia invalido civile al 100%.

note

[1] Legge n. 118 del 30.03.1971.

[2] Legge n. 18 del 11.02.1980.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube