Diritto e Fisco | Articoli

Risarcimento danni condominio

21 Agosto 2019 | Autore:
Risarcimento danni condominio

Come denunciare un danno ricevuto in condominio e come agire in caso di contestazioni sulla responsabilità e sull’ammontare dei danni.

In ambito condominiale, con una certa frequenza, possono verificarsi eventi a danno di cose o persone. Può accadere che, per cattiva manutenzione, un po’ d’intonaco del cornicione si stacchi e vada a colpire un’auto in sosta in prossimità del fabbricato oppure che una tubatura condominiale si rompa, determinando infiltrazioni a danno di una proprietà privata.

In questo, come in altri casi, diventa inevitabile la pretesa di un indennizzo che vada a compensare il danno subito: ma come funziona il risarcimento danni in condominio?

Te lo stai chiedendo perché sei stato vittima di un episodio analogo a quelli decritti in precedenza e non sei completamente sicuro di come muoverti. In primo luogo, hai allertato l’amministratore affinché potesse denunciare il sinistro alla compagnia assicuratrice del condominio, ma temi che possa farti perdere del tempo e che il perito dell’assicurazione non sia molto onesto nel quantificare i danni subiti. Per questa ragione, hai pensato di rivolgerti ad un legale, ma nel contempo, non vorresti affrontare l’onorario del professionista senza la certezza di recuperarlo in aggiunta al preteso risarcimento. Pertanto, le domande che ti poni sono le seguenti: in caso di danni in condominio, a chi devo denunciare l’accaduto? Chi paga il danno: l’assicurazione o il condominio? Se non sono soddisfatto del risarcimento offertomi, posso fare causa all’assicurazione del fabbricato? Proseguendo nella lettura, troverai le risposte che ti aspetti.

Risarcimento danni in condominio: la denuncia

Sei stato vittima di un evento molto spiacevole: la tubatura, cosiddetta montante, del riscaldamento condominiale ha incominciato a perdere, determinando una rilevante uscita di liquido all’interno del tuo appartamento; in virtù di quanto accaduto, il tuo immobile ha subito dei danni.

In una circostanza come quella appena descritta, la prima cosa da fare per avere il giusto risarcimento è denunciare, dettagliatamente, l’accaduto all’amministratore in carica chiedendo al condominio, da questi rappresentato, il risarcimento di tutti i danni patiti. Evita di farlo tramite una semplice telefonata, ma procedi sempre con un atto scritto da recapitare tramite lettera raccomandata oppure attraverso una mail pec indirizzata alla posta certificata del predetto amministratore: in questo modo, avrai prova della denuncia che potrà tornarti utile per eventuali future contestazioni. Ricordati, infine, di fotografare i danni e di farli valutare e quantificare da una persona di tua fiducia.

Risarcimento danni in condominio: chi paga?

Una volta informato ufficialmente il condominio di quanto accaduto e della tua richiesta di risarcimento dei danni, l’amministratore avrà il compito di attivarsi per denunciare il sinistro alla compagnia assicuratrice del fabbricato. In pratica girerà la tua denuncia all’assicurazione. Questa, dopo aver periziato i luoghi del sinistro, i danni verificatisi e che l’evento accaduto rientra tra quelli coperti da garanzia, provvederà ad inoltrarti un’offerta di risarcimento; se accetterai la proposta transattiva dell’assicurazione, firmerai una cosiddetta quietanza a seguito della quale sarai liquidato.

Risarcimento danni in condominio: chi paga in caso di contestazione?

Nel paragrafo precedente, è stato descritto un decorso della pratica di risarcimento, sostanzialmente, senza alcun intoppo. Può accadere, invece, che ottenere un risarcimento danni in condominio non sia così semplice e lineare.

L’amministratore, nonostante sia stato avvisato, per semplice negligenza, potrebbe non aver informato la compagnia di quanto accaduto; oppure il perito dell’assicurazione potrebbe valutare l’evento non coperto dalla polizza; e ancora, il risarcimento offerto potrebbe risultare assai inferiore al preventivo di riparazione in tuo possesso.

In tutti questi casi, è consigliabile rivolgersi ad un legale, affinché proceda di conseguenza, eventualmente, valutando anche la possibilità di avviare una causa. Per la verità, sarebbe utile farsi assistere da un avvocato sin dall’inizio: questi, infatti, ha l’esperienza e la competenza per muoversi bene fin da subito e, inoltre, ricordati che il suo onorario sarà pagato dall’assicurazione in aggiunta al risarcimento a te dovuto.

Risarcimento danni in condominio: posso fare causa all’assicurazione?

Avrai ormai compreso che avere un risarcimento danni in condominio potrebbe non essere così semplice. Avrai, altresì, capito che la presenza di un legale, sin dal momento della denuncia, potrebbe tornarti molto utile e che non comporterebbe alcuna spesa non rimborsabile. Tuttavia, sai bene che, nonostante l’avvocato, la compagnia potrebbe negare ogni addebito oppure proporti un risarcimento irrisorio. In questi casi, la causa sarebbe inevitabile. Ad ogni modo, ricordati che:

  • prima di citare il condominio non devi necessariamente tentare la mediazione. Questa non è, infatti, obbligatoria poiché, secondo legge [1], il risarcimento danni in un fabbricato non è propriamente una controversia in materia condominiale;
  • la citazione a giudizio dovrà essere rivolta al condominio e non all’assicurazione del tuo palazzo. La società assicuratrice, infatti, è estranea all’accaduto; tuttavia, per contratto, dovrà intervenire a garanzia. Ecco perché, una volta avviato il procedimento, l’assicurazione sarà chiamata in causa dal condominio convenuto;
  • l’eventuale sentenza favorevole condannerà la compagnia assicuratrice, in nome e per conto del condominio, a risarcire i danni da te subiti e a pagare il tuo avvocato.

note

[1] Art. 71quater disp. att. cod. civ.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube