Diritto e Fisco | Articoli

Chi paga le riparazioni del terrazzo a livello?

17 Agosto 2019
Chi paga le riparazioni del terrazzo a livello?

Se, a seguito di lavori mal eseguiti, dal terrazzo a livello situato in un condominio scorre acqua nelle proprietà sottostanti a chi tocca pagare le riparazioni?

In generale l’articolo 1126 del Codice civile (applicabile anche alle terrazze a livello) stabilisce che le spese di riparazione o di ricostruzione del terrazzo a livello vadano ripartite:

  • per 1/3 a carico dei condomini proprietari esclusivi del terrazzo (o che ne abbiano l’uso esclusivo);
  • per 2/3 a carico dei condomini ai quali il terrazzo serva da copertura.

Questo criterio di ripartizione delle spese si applica però solo alle spese di riparazione e ricostruzione di quelle parti del terrazzo che siano connesse con la sua funzione di copertura (ad esempio si applica sicuramente alle spese necessarie alla riparazione o alla ricostruzione del solaio e delle guaine impermeabilizzanti del terrazzo).

Ma può accadere che invece le spese debbano essere sostenute per elementi del terrazzo (come i frontalini o i rivestimenti dei parapetti) che non siano connessi con la funzione di copertura del terrazzo, ma che siano piuttosto elementi con funzione di ornamento e di decoro architettonico per l’intero edificio.

In casi simili, a meno che non risulti il contrario dai titoli di acquisto o dal regolamento condominiale, questi elementi decorativi  devono essere considerati (in base all’articolo 1117 del Codice civile) parti comuni a tutti quanti i condomini che perciò saranno tenuti a concorrere alle spese relative (di riparazione e/o di manutenzione) in base ai millesimi indicati nella tabella generale di proprietà.

Occorre precisare, però, che se è stato accertato che i problemi riscontrati (infiltrazioni o deflusso di acqua) siano la conseguenza di lavori mal eseguiti (lavori eseguiti da terzi su incarico del condominio), è l’esecutore di questi lavori che potrà essere chiamato ad eliminare a sue spese i vizi riscontrati e a risarcire l’eventuale danno subito in base agli articoli 1667 e 1668 del Codice civile sulla responsabilità dell’appaltatore oppure in base alle norme generali sull’inadempimento contrattuale.

Articolo tratto da consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube