Diritto e Fisco | Articoli

Niente IRAP per avvocati e liberi professionisti: la sentenza della CTR Lazio

10 Maggio 2013
Niente IRAP per avvocati e liberi professionisti: la sentenza della CTR Lazio

Avvocati, commercialisti, ingegneri: esentati dell’Irap se lo studio “non va avanti” senza la loro presenza.

Se la presenza in carne ed ossa del titolare dello studio è fondamentale per il regolare svolgimento quotidiano delle attività, l’Irap non è dovuto. La sentenza che toglie l’odiosa imposta sulle attività produttive alla maggior parte degli avvocati e dei liberi professionisti italiani proviene dalla Commissione tributaria del Lazio [1].

Secondo i giudici, tutte le volte in cui lo studio professionale riesce a funzionare regolarmente, in autosufficienza, anche senza la presenza del professionista di riferimento, l’imposta è dovuta. Viceversa, se l’assenza del titolare di studio può pregiudicare il buon andamento dell’esercizio e la soddisfazione del cliente, l’Irap non va versata.

In quest’ottica, la presenza di collaboratori, strumentazione e altri beni volti al miglioramento delle prestazioni professionali è totalmente ininfluente ai fini del versamento dell’Irap, se l’assenza del titolare di studio impedisce il regolare svolgimento delle attività quotidiane.

Nella sentenza in commento si legge che ci si può sottrarre all’Irap a condizione che rimanga “nell’esercizio delle professioni intellettuali, in via di principio, assolutamente non configurabile l’esistenza di un’organizzazione che possa funzionare separatamente e indipendentemente dall’intervento del professionista”.

Il requisito fondamentale per ottenere lo sgravio Irap, dunque, pare essere quello dell’insostituibilità del titolare professionista, la cui presenza e attività risulta decisiva per le pratiche in essere nell’ufficio da lui eventualmente diretto.


note

[1] C.T.R. Lazio, sent. n. 238/01/13 del 22.04.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube