Diritto e Fisco | Articoli

Bollo auto: non va pagato se c’è fermo amministrativo

13 Maggio 2013 | Autore:
Bollo auto: non va pagato se c’è fermo amministrativo

Il bollo non va pagato se l’auto è sottoposta a fermo amministrativo; nonostante questo principio sia sancito da una legge statale, alcune Regioni continuano a pretenderne la riscossione per effetto di leggi regionali incostituzionali.

Attenzione: nonostante quello che le Regioni facciano credere ai contribuenti, il bollo auto non va pagato se il veicolo è sottoposto a fermo amministrativo (cosiddette “ganasce fiscali”).

Un decreto legge un po’ vecchiotto stabilisce infatti che, nel caso in cui il proprietario perda il possesso o la disponibilità del proprio veicolo a causa di un provvedimento dell’autorità giudiziaria o della pubblica amministrazione, è esentato dal pagamento della tassa di circolazione [1].

Nonostante ciò, alcune Regioni obbligano comunque gli automobilisti al pagamento del bollo, trincerandosi dietro norme regionali in contrasto con la normativa nazionale, per giunta emanate in un ambito, quello tributario, nel quale solo lo Stato può legiferare. Per questi motivi tali provvedimenti stanno cadendo sotto i colpi della Consulta, poiché incostituzionali [2].

Si pensi ad esempio alla regione Marche, la cui normativa in materia [3] ha consentito alla Corte Costituzionale di ribadire questo concetto: la tassa automobilistica è un tributo istituito e regolato da legge statale, quindi le Regioni non hanno alcun potere di derogare alle norme previste dalla legge statale [4]. Il che vuol dire: se la legge nazionale prevede che, in caso di fermo amministrativo, il proprietario dell’auto non deve pagare la tassa di circolazione, l’ente locale non può, con leggi proprie, chiedere ugualmente il versamento di questo tributo.


note

[1] Art. 5, c. 36 del d.l. 953/1982: “La perdita del possesso del veicolo o dell’autoscafo per forza maggiore o per fatto di terzo o la indisponibilità conseguente a provvedimento dell’autorità giudiziaria o della pubblica amministrazione, annotate nei registri indicati nel trentaduesimo comma, fanno venir meno l’obbligo del pagamento del tributo per i periodi d’imposta successivi a quello in cui è stata effettuata l’annotazione”.

[2] In violazione dell’art. 117, c. 2, lettera e) Cost., che riserva allo Stato la materia del sistema tributario, e l’art. 119, . 2 Cost., che subordina la possibilità per le regioni e gli enti locali di stabilire ed applicare tributi ed entrate proprie al rispetto dei principi statali di coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario.

[3] Art. 10, l. regione Marche n. 28 del 28.12.2011: “A decorrere dall’anno di imposta 2012, la disposizione del fermo amministrativo o giudiziario di beni mobili registrati non esenta dall’obbligo del pagamento della tassa automobilistica regionale”.

[4] Corte Cost., sent. n. 288/12.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

7 Commenti

  1. circa 3 anni fa a seguito del pagamento del bollo presso agenzia ACI venivo a conoscenza che la mia autovettura era stata sottoposta a fermo amministrativo da 4 anni e non potevo pagare il bollo informavo l’impegato ACI che non ero a conoscenza del fermo amministrativo e che ogni anno ho regolarmente pagato il bollo presso la lo stessa agenzia ACI . Vado alla motorizzazione per sapere cosa dovevo fare mi hanno fatto pagare il rifacimento di un nuovo foglio di proprietà del mezzo e mi hanno invitato ad andare all’agenzia delle entrate per farmi rimborsare tutti i bolli indebitamente pagati. Giunto, mi hanno detto che mi avrebbero rimborsato gli ultimi 3 anni non facendomi pagare l’ultimo bollo ad oggi non sono stato ancora rimborsato nonostante sia stata avviata una pratica di rimborso.cosa posso fare??

  2. Purtroppo ogni Regione fa un pò come vuole, qui in Campania una legge regionale del 2013 stabilisce che anche per le auto sottoposte a fermo amm.vo vige l’obbligo del pagamento della tassa di possesso. Penso che sia incostituzionale, la mia domanda è: si può fare ricorso ad un giudice di pace anche se esiste una legge regionale che ti obbliga a pagare?

  3. La Regione Campania mi ha inviato una richiesta di pagamento per un bollo non pagato nell’anno 2013 per un’auto su cui c’era il fermo amministrativo dal 2006 e che risulta sulla visura richiesta al PRA. Non è anticostituzionale? A chi devo oppormi visto che il reponsabile edll’ufficio preposto della Regione Campania. menzionando la L.R. 6 Maggio 2013 n.5 dichiara leggittimo il tributo?
    Grazie!

    1. Salve io sto in causa da 8 anni per un auto aquistata con fermo amministrativo che non ero al corrente ma che andando all ufficio aci per pagarlo mi dissero che per causa di questo fermo non potevo pagare il bollo io risiedo in campania oggi mi e’ arrivata la comunicazione dell aci che devo regolarizzare il bollo di quest’ auto anche se come dicono c’e stata una sentenza del 2013 ma nessuno me la comunicata e leggittimo tutto cio, posso fare ricorso? grazie

  4. quando lo stato democratico non esiste, questi sono i risultati. La domanda che bisogna porsi è perchè solo la povera gente non in grado di difendersi deve subire fermi amministrativi senza notifica dell’avvenuto fermo ma solo per posta ordinaria che non può in nessun modo essere dimostrata se consegnata?
    Il 4 marzo potete dire la vostra questa situazione si è determinata grazie alla politica che pensa solo ai fatti della casta.

  5. Se l’auto è in fermo amministrativo se ne perde il possesso.
    [1] Art. 5, c. 36 del d.l. 953/1982: “La perdita del possesso del veicolo o dell’autoscafo per forza maggiore o per fatto di terzo o la indisponibilità conseguente a provvedimento dell’autorità giudiziaria o della pubblica amministrazione, annotate nei registri indicati nel trentaduesimo comma, fanno venir meno l’obbligo del pagamento del tributo per i periodi d’imposta successivi a quello in cui è stata effettuata l’annotazione”.
    L’ art. 119, c2 fa a pugni con L’art. 117 c 2
    [2] In violazione dell’art. 117, c. 2, lettera e) Cost., che riserva allo Stato la materia del sistema tributario, e l’art. 119, . 2 Cost., che subordina la possibilità per le regioni e gli enti locali di stabilire ed applicare tributi ed entrate proprie al rispetto dei principi statali di coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario.

    Quindi rigirando opportunamente la frittata, l’auto non è più di tua proprietà ma, devi comunque pagare la tassa di possesso.
    il sistema tributario è prerogativa dello stato ma, le regioni possono modificarlo a loro piacimento e introito.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube