Quanto sono sicuri i vaccini?

30 Luglio 2019 | Autore:
Quanto sono sicuri i vaccini?

Il rapporto Aifa ha analizzato cos’è successo a seguito della somministrazione vaccini nel 2018: pochi i casi di reazione, ma alcuni classificati come gravi.

È stato diffuso oggi il rapporto vaccini dell’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco: i dati esposti offrono importanti elementi per rispondere alla domanda se i vaccini sono sicuri. Ecco cos’è emerso analizzando quanto è successo nell’intero anno 2018: sono state somministrate quasi 18 milioni di dosi di vaccino e ci sono state poco più di 7 mila segnalazioni di reazioni sospette, di cui più dell’80% non gravi mentre 1.202 casi sono stati ritenuti gravi. Non vi è stato, invece, nessun decesso correlabile con l’immunizzazione. I dati sono stati ottenuti dalla rete nazionale di farmacovigilanza, che li rileva e raccoglie in un data base informatizzato sull’intero territorio nazionale rendendoli disponibili per elaborazioni come questa.

Analizzando i dati, secondo quanto rivela AdnKronos Salute, emerge che i casi segnalati come reazione positiva ai vaccini sono 31 su 100 mila dosi che corrispondono a 12 segnalazioni su 100 mila abitanti. Invece, la frequenza dei casi definiti gravi è soltanto di 3 su 100 mila. Le reazioni riscontrate erano già tutte note e riportate nelle informazioni sul prodotto dei vaccini autorizzati in Italia: quindi, non vi è stato nessun evento anomalo o imprevisto. Gli effetti più frequentemente riscontrati a seguito della somministrazione dei vaccini sono stati febbre, reazioni locali, reazioni cutanee ed irritabilità: tutti fenomeni classificati dall’Agenzia come non gravi.

Le reazioni “sospette” ed avverse alla somministrazione dei vaccini, però, registrano un andamento crescente rispetto al passato: a tal proposito, l’Agenzia del farmaco osserva che questo «è indicativo di una sempre maggiore attenzione alla vaccino-vigilanza da parte sia degli operatori sanitari che dei cittadini». Commentando conclusivamente i dati del rapporto, l’Aifa conclude confermando la sicurezza dei vaccini correntemente utilizzati.


1 Commento

  1. Da che parte sta “La legge per tutti” se nel suddetto articolo non cita anche i risultati delle analisi che dimostrano essere presenti criticità ,fatte da ricercatori acclarati?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA